Approfondimenti

I timori di un’invasione di terra a Rafah, lo stop della Cassazione al decreto Cruto e le altre notizie della giornata

caso Ilaria Salis ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 8 febbraio 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Rafah è l’ultimo luogo nell’enclave dove le truppe israeliane non sono entrate e ospita più di un milione e mezzo di persone, ma si teme un’invasione via terra se non si raggiungerà un accordo per il cessate il fuoco. L’informativa del ministro Tajani anziché rassicurare circa le azioni del governo per riportare Ilaria Salis in Italia ha prodotto ancora più dubbi. La Cassazione ha bloccato la norma che impone ai migranti il pagamento di 5mila euro per non essere rinchiusi nei Cpr. La protesta dei trattori si muove verso Sanremo dopo che la Rai ha annunciato che Amadeus si limiterà a leggere un comunicato, senza avere sul palco uno o più rappresentati della protesta.

I negoziati per un cessate il fuoco sembrano continuare

(di Martina Stefanoni)

In quattro mesi di conflitto, i morti palestinesi nella striscia di Gaza sono quasi 28mila. Nelle ultime 24 ore più di 100 sono stati uccisi e l’esercito israeliano sta intensificando gli attacchi sulla città di Rafah, al confine con l’Egitto. Tra la popolazione della città crescono i timori di una possibile invasione di terra. Rafah è l’ultimo luogo nell’enclave dove le truppe israeliane non sono entrate e ospita più di un milione e mezzo di persone, sfollati dal resto della striscia. L’Onu ha avvertito che l’ingresso a Rafah con i carri armati complicherebbe il già difficilissimo ingresso degli aiuti umanitari nella striscia e la sua conseguente distribuzione e il segretario generale Guterres ha detto che “aumenterebbe l’incubo umanitario già in corso”.

Intanto nonostante il netto no di ieri del premier israeliano Netanyahu sulla proposta fatta da Hamas per un cessate il fuoco, i negoziati per trovare un accordo sembrano continuare. Oggi una delegazione di Hamas è andata al Cairo, in Egitto, per proseguire la discussione e fonti israeliane lasciano intendere che una finestra per i negoziati resta aperta.

Le parole di Tajani su Ilaria Salis lasciano ancora più dubbi

(di Anna Bredice)

L’informativa del ministro Tajani anziché rassicurare circa le azioni del governo per riportare Ilaria Salis in Italia ha prodotto ancora più dubbi, proteste, sospetti di voler mantenere un profilo basso non solo per le trattative, ma soprattutto per far dimenticare questa vicenda e lasciare Ilaria Salis al suo destino, che in questo momento e chissà per quanto è rappresentato dalla galera ungherese, senza nessuna possibilità di arresti domiciliari. Anzi, una delle uscite del ministro degli Esteri che ha irritato di più tutte le opposizioni è stata quella che riguarda la possibilità di scontare gli arresti domiciliari nell’ambasciata italiana, una proposta che era stata fatta anche dalla maggioranza, lo stesso La Russa l’aveva considerata dopo il colloquio con il padre della detenuta. Ebbene per Tajani non se ne parla, nemmeno per una questione di sicurezza di tutti gli atti riservati presenti in ambasciata, neanche la donna fosse una terrorista che metta in pericolo lo Stato. Ma forse il punto di tutta questa vicenda è che la cittadina italiana in prigione da un anno all’estero con il suo antifascismo e le proteste verso le manifestazioni neonaziste a Budapest, per Roma rappresenta qualcosa di cui sospettare, non affine alla linea politica, lontana da Orban e quindi lontana dagli amici di Giorgia Meloni.
Il garantismo di cui Tajani si è detto difensore in Italia non si vede poi molto in questa vicenda, bisogna solo fidarsi delle rassicurazioni date dal governo per cui Ilaria Salis avrebbe ora condizioni di detenzione migliori. Le opposizioni oggi, il PD, i Cinque Stelle, hanno protestato fortemente, sui domiciliari in ambasciata hanno ricordato che tutta questa attenzione per gli atti riservati non c’erano con il caso Del Mastro e Cospito. Che l’indipendenza della magistratura in Ungheria non esiste e che il caso Salis si conosceva da mesi, eppure il governo è rimasto in silenzio e ora alcuni esponenti dell’opposizione chiedono di poter accedere a tutti gli atti sulle comunicazioni che ci sono state tra il governo ungherese e quello italiano.

La Cassazione stoppa il decreto Cutro

La Cassazione ha bloccato la norma che impone ai migranti il pagamento di 5mila euro per non essere rinchiusi nei Cpr. È una delle previsioni più odiose del cosiddetto decreto Cutro. Che è stata contestata da molti e che ora è arrivata davanti alla Corte di Cassazione. La quale ha “congelato” la norma e ha chiesto l’intervento della Corte di giustizia europea.

(di Alessandro Principe)

È una cauzione stile scafisti: ci dai 5mila euro e ti eviti il Cpr. Qualcuno l’ha chiamata “pizzo di Stato”. Funziona così: il migrante che arriva in Italia e avanza richiesta d’asilo, per evitare di essere portato nei centri per il rimpatrio, può versare una somma di quasi 5 mila euro. Sono 4.938 euro, con la precisione della burocrazia. La deve fornire – citiamo il decreto attuativo – “entro il termine in cui sono effettuate le operazioni di rilevamento fotodattiloscopico e segnaletico”: cioè mentre un agente gli prende le impronte. Come? “in unica soluzione mediante fideiussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa ed è individuale e non può essere versata da terzi”. Insomma deve aver in tasca i documenti rilasciati da una banca del suo paese che garantisce per lui. Surreale.
Dopodiché deve fornire un alloggio adeguato per 28 giorni. Trascorsi i quali la domanda di asilo viene accolta, e allora la prefettura si incamera i 5mila euro. Oppure respinta e allora la cauzione viene usata per pagare le spese del rimpatrio. Ammesso che il migrante si trovi ancora. Altrimenti i 5mila euro vanno in cassa. Da notare che normalmente le domande vengono evase non in 28 giorni ma in due anni. “Garanzia finanziaria”, l’ha definita così il ministro Piantedosi. Tutto grottesco, probabilmente incostituzionale. Ora la Corte europea dirà se è anche contro le norme comunitarie monetizzare il fallimento dell’accoglienza

La protesta dei trattori si muove verso Sanremo

La protesta dei trattori. Riscatto Agricolo, una delle sigle che rappresenta gli agricoltori, ha annullata la manifestazione di Roma prevista per domani. Alla fine ci sarà solo un presidio con una delegazione di 10 trattori in piazza San Giovanni. Prima la sigla aveva però avvisato il governo, chiedendo al ministro Lollobrigida un incontro. La protesta intanto è arrivata anche a Sanremo. Alla fine domani sera Amadeus leggerà un loro comunicato, ma nessun loro rappresentante salirà sul palco dell’Ariston, ha spiegato la Rai. “Se non potremo salire, da domani tutti i trattori dei presidi di Lombardia, Piemonte e Liguria raggiungeranno Sanremo”, ha fatto sapere sempre Riscatto Agricolo.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/02/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 24-02-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 24/02/2024

    con Margherita Buy su "Volare"; Vito Zagarrio parla di "Le seduzioni"; Giovanni Piperno e la storia di "16mm alla rivoluzione"; Velania A. Mesay presenta il documentario "Agape". Tra le uscite: "La zona d'interesse" di Jonathan Glazer; "Emma e il giaguaro nero" di Gilles de Maistre; "Night Swim" di Bryce Mc Guire.

    Chassis - 24-02-2024

  • PlayStop

    Climitologie S1 - E4

    La rubrica settimanale che smaschera le bufale sul cambiamento climatico a cura di Sara Milanese

    Clip - 24-02-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 24/02/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 24-02-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 24/02/2024

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli appuntamenti fissati dal calendario, ma anche le occasioni offerte dall’ozio. Un dispenser di proposte e suggestioni per vivere al meglio il proprio tempo libero. Tutti i sabati, dalle 11.30 alle 13, Good Times è il nostro viaggio nelle proposte del fine settimana. E insieme il nostro augurio per trascorrere giorni belli e momenti felici. Conduce Elena Mordiglia.

    Good Times - 24-02-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

Adesso in diretta