Approfondimenti

La risposta di Mosca ai carri armati occidentali, le linee rosse già superate dai paesi della NATO e le altre notizie della giornata

Kyiv Ucraina ANSA

Il racconto della giornata di giovedì 26 gennaio 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Mosca ha risposto al via libera occidentale sui carri armati con un’ondata di bombardamenti che oggi ha colpito tutto il territorio ucraino, mentre Zelensky è già passato alla fase successiva e ora chiede all’occidente di inviare gli aerei militari. Gli italiani confermano il sostegno agli ucraini, ma allo stesso tempo sperano che la guerra termini il prima possibile e si dicono poco convinti dell’opportunità di inviare altre armi a Kiev: è quanto emerge dal sondaggio del network Euroskopia che nella parte italiana è stato curato da SWG. Stanno peggiorando le condizioni di salute di Alfredo Cospito: l’anarchico detenuto al 41 bis, da quasi 100 giorni in sciopero della fame, è caduto nella doccia e si è rotto il naso nel carcere di Sassari. Il segretario di stato americano Anthony Blinken ha annunciato che la prossima settimana andrà in Israele e Cisgiordania e ha chiesto la fine delle violenze, dopo che oggi nove palestinesi sono morti in un’operazione dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin..

Mosca risponde ai carri armati occidentali con un’ondata di bombardamenti

Mosca ha risposto al via libera occidentale sui carri armati con un’ondata di bombardamenti che oggi ha colpito tutto il territorio ucraino. Secondo Kiev nelle ultime ore gli attacchi sono stati 55 e le vittime sarebbero almeno 11.
Intanto i paesi NATO si stanno organizzando per inviare i carri armati il più in fretta possibile. Berlino e Londra parlano di fine marzo-inizio aprile, mentre la Polonia ha detto che potrebbe essere pronta ad inviarli già nelle prossime settimane.
Il presidente ucraino Zelensky, però, è già passato alla fase successiva e ora chiede all’occidente di inviare gli aerei militari. Per il momento gli Stati Uniti lo escludono, ma dall’inizio della guerra l’asticella dei rifornimenti militari occidentali all’Ucraina si è alzata ogni mese un po’ di più.

Le linee rosse superate dall’Occidente dall’inizio del conflitto

(di Martina Stefanoni)

Le linee rosse superate dall’occidente in questi mesi sono state tante. All’inizio della guerra si parlava di sanzioni sempre più severe nei confronti della Russia, e la linea rossa – quella che l’ avrebbe messa in ginocchio – era l’esclusione di Mosca dal sistema Swift. Poi, quando è diventato chiaro che niente di tutto questo stava rallentando – né tanto meno fermando – l’aggressione russa, l’occidente ha iniziato a parlare di armi. Il taboo allora erano le armi letali. Poi, in poco tempo, l’occidente ha cambiato approccio e solo un mese dopo da Stati Uniti e Regno Unito sono arrivati i sistemi missilistici anti aereo a corto raggio. A quel punto, la linea rossa da non oltrepassare sono diventati gli Himars, i lanciarazzi multipli a lunga gittata. Il punto quando quest’estate si discuteva se inviarli o no, era il timore che con gli Himars si potesse colpire anche all’infuori dei confini ucraini, provocando una reazione russa e quindi un’escalation del conflitto. L’esclation, già a quel punto, era evidente: armi in grado di abbattere aerei sono un’altra cosa rispetto agli aiuti per fermare i carri armati russi, così come un sistema lancia razzi a lungo raggio lo è rispetto ad uno a breve gittata. Lo stesso scenario si è sviluppato con i missili terra aria Patriot, al centro prima di grandi esitazioni occidentali e poi inviati a Kiev. Anche allora, però, Stati Uniti e Nato escludevano con forza l’invio di tank, che rappresentavano un effettivo nella strategia militare ucraina, che dalla difesa passava all’attacco. L’escalation è stata graduale ma costante. Ora Berlino e Washington hanno sciolto anche la riserva su Abrams e Leopard, e hanno oltrepassato anche questa linea rossa. Kiev, però, ha già rilanciato, e chiede ora gli aerei da combattimento.

La guerra verso il limite ignoto

(di Alessandro Gilioli)

A questo punto la domanda è una sola: dove vogliamo arrivare, in questa guerra? Fino a dove noi occidentali, noi europei, vogliamo spostare il limite del nostro coinvolgimento? A quale prezzo e per arrivare a cosa?

La risposta, al momento, non c’è: il limite rimane ignoto.

Si vede solo la spirale, ma non si sa dove ci porta.

E forse tutti i capi dei Paesi che armano sempre più pesantemente Kiev invece ce lo dovrebbero dire: qual è il limite, se c’è, e qual è l’obiettivo che abbiamo? E’ restituire l’Ucraina ai suoi confini del 2014, Crimea compresa, come dice Zelensky? E’ questo anche il l’obiettivo dell’Europa e dell’Occidente? E, in caso, fino a che punto siamo disposti ad arrivare per ottenerlo? Immettere nella guerra anche gli aerei, dopo aver dato i missili e i carrarmati? E dopo gli aerei che cosa resta, se non direttamente le truppe e magari il nucleare?
Chi sostiene la spirale delle armi dice che qualsiasi alternativa alla vittoria completa sarebbe un cedimento alla Russia, e il ragionamento ha una sua base logica, Ma purtroppo deve essere ribaltato: qual è l’alternativa alla trattativa? E’ la spirale di uno scontro totale tra Occidente e Russia che cresce all’infinito e senza limite?

A queste domande i governi europei e quello di Washington, finora, non hanno dato risposta.

Gli italiani sono tra i più scettici d’Europa sulle armi all’Ucraina

(di Mattia Guastafierro)

Gli italiani confermano il sostegno agli ucraini, ma allo stesso tempo sperano che la guerra termini il prima possibile e si dicono poco convinti dell’opportunità di inviare altre armi a Kiev. È quanto emerge dal sondaggio del network Euroskopia che nella parte italiana è stato curato da SWG.
Come nella media europea, anche in Italia il desiderio di far cessare il conflitto prevale sull’ambizione di vedere la Russia totalmente sconfitta. La metà degli intervistati infatti è convinta che la pace vada raggiunta anche attraverso la rinuncia dell’Ucraina a parte del proprio territorio. Un dato inferiore solo a quello registrato in Austria, Germania e Grecia.
Anche sulle armi, gli italiani sono tra i più scettici d’Europa. Il 46% non è d’accordo con l’invio di nuovi aiuti militari, un punto in più rispetto ai favorevoli. Un sentimento che però, in questo caso, è comune solo a quello di greci e austriaci. Mentre il resto dell’opinione pubblica europea si dice nettamente favorevole a rifornire militarmente Kiev.
In generale gli europei sostengono l’ingresso dell’Ucraina nella Ue, ma anche in questo caso con diversi gradi di convinzione.
Dopo l’Austria, l’Italia è il paese che esprime qualche perplessità in più. Il 49% è d’accodo, il 30% contrario, il 21% preferisce non rispondere.
Infine c’è la posizione sul gas che risente delle ripercussioni economiche. In Italia, su questo tema, l’opinione pubblica si divide, tra un 40% favorevole a riallacciare gli accordi con Mosca e un 43% convinto che il gas russo non vada mai più importato.

Le condizioni di salute di Alfredo Cospito stanno peggiorando

Stanno peggiorando le condizioni di salute di Alfredo Cospito. L’anarchico detenuto al 41 bis è caduto nella doccia e si è rotto il naso, hanno raccontato il suo avvocato Flavio Rossi Albertini e il suo medico che oggi lo ha visitato nel carcere di Sassari.
“È stato curato nella clinica di otorinolaringoiatria per ridurre la frattura scomposta alla base del naso – ha raccontato la dottoressa Angelica Milia – ma ha perso molto sangue, è debole, fatica a stare in piedi e ha difficoltà ad avere una normale termoregolazione corporea”.
Alfredo Cospito – condannato per aver messo una bomba davanti alla scuola allievi dei carabinieri di Fossano – è sottoposto al regime di carcere duro perché per i magistrati è un punto di riferimento della galassia anarchica a cui potrebbe fare arrivare messaggi dal carcere. Lui protesta per sé ma anche per gli altri detenuti al 41bis, contestando il regime di carcere duro. Per questo è in sciopero della fame da quasi 100 giorni.

Hamas annuncia che risponderà presto al massacro di Jenin

Il segretario di stato americano Anthony Blinken ha annunciato che la prossima settimana andrà in Israele e Cisgiordania e ha chiesto la fine delle violenze, dopo che oggi nove palestinesi sono morti in un’operazione dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin. L’obiettivo ufficiale era l’arresto di militanti della Jihad islamica, nel contesto di una serie di operazioni avviate lo scorso aprile e che solo questo mese hanno già causato la morte di 39 palestinesi. Il presidente Abu Mazen ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale. Il numero due di Hamas ha detto che Israele “pagherà il prezzo per il massacro di Jenin”, parlando di una risposta che “arriverà presto”. Il primo ministro israeliano Netanyahu ha riunito una serie di responsabili della sicurezza e ha detto che il paese non punta a un’escalation, ma anche che le sue forze sono “pronte a ogni sviluppo”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 16/04 8:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 16-04-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 16/04/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 16-04-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 16/04/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 16-04-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Nando Benigno e Nando dalla Chiesa

    Settima e ultima lezione dell’ottavo ciclo di incontri ideati dalla Scuola di formazione “Antonino Caponnetto” e realizzati insieme a Radio Popolare. Il 5 aprile 2024, nella Sala del Grechetto alla biblioteca Sormani di Milano hanno discusso di educazione alla legalità Nando Benigno, è stato insegnante e fondatore del «Coordinamento insegnanti e presidi contro la mafia», all’inizio degli anni ‘80 a Milano; e Nando dalla Chiesa, presidente della Scuola di formazione “Antonino Caponnetto”, presidente onorario di Libera e docente di sociologia della criminalità organizzata all’università Statale di Milano, autore di «La legalità è un sentimento. Manuale controcorrente di educazione civica». La lezione è stata introdotta da Giuseppe Teri, vicepresidente della Scuola Caponnetto.

    Lezioni di antimafia - 16-04-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 16/04/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 16-04-2024

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 16/04/2024

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 15-04-2024

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 15/04/2024

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 15-04-2024

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 15/04/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 15-04-2024

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 15/04/2024

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 15-04-2024

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 15/04/2024

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 15-04-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lunedì 15/04/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 15-04-2024

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 15/04/2024

    1 – Tra gli 8 e i 10 milioni di sfollati, e in prospettiva la più grave crisi umanitaria al mondo. Succede in Sudan. Oggi è un anno di guerra civile. A Esteri le testimonianze da Khartoum (Sara Milanese) 2 - Il Medio Oriente in bilico dopo l’attacco iraniano su Israele del fine-settimana. Il governo Netanyahu sta ancora valutando la sua risposta. La comunità internazionale, senza eccezioni, chiede di evitare una drammatica escalation. A Gaza intanto il conflitto continua (Ugo Tramballi, Alberto Negri) 3 – Il Congresso americano dovrebbe votare nei prossimi giorni nuovi fondi per Israele. Non è ancora chiaro se questa volta il pacchetto comprenderà le armi per l’Ucraina, dalle quali dipenderà in buona parte il futuro di Kiev 4 – Per la prima volta nella storia degli Stati Uniti un presidente va a processo. Donald Trump davanti ai giudici a Manhattan. La sua candidatura alla Casa Bianca non è però in discussione (Roberto Festa) 5- Serie TV. Fallout la nuova serie di Jonathan Nolan (Alice Cucchetti, Film TV)

    Esteri - 15-04-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 15/04/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 15-04-2024

Adesso in diretta