Approfondimenti

La chiamata alle armi in Russia, l’allarme della Bce e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 22 settembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. E’ iniziata oggi in tutte le città della Russia la “mobilitazione parziale” dei riservisti annunciata mercoledì scorso dal presidente russo Vladimir Putin, con l’obiettivo di mandare circa 300mila uomini a combattere in Ucraina. La chiamata alle armi ha però causato proteste in tutto il Paese e nelle ultime ore molte persone stanno provando a scappare, soprattutto i più giovani. Sono state segnalate code ai confini con Kazakistan, Mongolia e Georgia e Berlino ha offerto asilo politico a chi si oppone al regime. Domani intanto si inizierà a votare nel Donbass per i referendum sull’annessione alla Russia. A Roma è in corso in piazza del Popolo il comizio conclusivo della campagna elettorale della coalizione del centrodestra. La piazza è piena a metà, l’intervento più atteso è quello di Giorgia Meloni. Domani il Pd chiuderà la sua campagna elettorale dalla stessa piazza. Oggi ci sono stati due morti sul lavoro: un ragazzo di 26 anni, vicino a Macerata, travolto da un carico di infissi e un operaio di 61 anni a Roma, al lavoro per la ristrutturazione di una villetta.

In Russia è iniziata la mobilitazione dei riservisti

È iniziata oggi in Russia la mobilitazione dei riservisti annunciata da Putin. Secondo il Cremlino, sono circa 10mila i volontari che si sono finora presentati per il reclutamento. La chiamata alle armi sta però facendo montare forti proteste in tutto il Paese. Sui canali social circolano diversi video che mostrano lunghe code di automobili alle frontiere, dalla Finlandia alla Mongolia, in attesa di lasciare la Russia. A scappare sono perlopiù i giovani che temono di essere mandati al fronte. Ai disertori si è rivolto oggi il governo tedesco. Berlino ha offerto asilo politico “a chi si oppone al regime di Putin”. Nelle ultime ore ci sono state anche proteste di piazza nelle principali città della Russia, da Mosca a San Pietroburgo. Sono oltre 1300 i dissidenti finora arrestati, secondo l’ong Ovd-info che fornisce loro supporto legale.
A Mosca abbiamo raggiunto la nostra collaboratrice Elisabetta Jankovic. Ci ha raccontato la protesta che c’è stata ieri in piazza Pushkin.

Domani, intanto, nei territori ucraini occupati si terranno i cosiddetti referendum per l’annessione alla Russia. Si voterà nel Donbass e nelle altre regioni sotto il controllo dell’esercito di Mosca. A Lugansk il nostro collaboratore Luca Steinmann è riuscito a intervistare uno degli osservatori ingaggiati dai filo-russi per organizzare i cosiddetti referendum. È un cittadino turco, si chiama Okay Deprem. Ci ha raccontato che non ci sono le condizioni di sicurezza per votare. Le attribuisce alla guerra, ma persino lui – vicino ai filo-russi – conferma che mancheranno le condizioni minime.

Sul fronte diplomatico, oggi al Consiglio di sicurezza dell’Onu ha parlato Sergei Lavrov. Il ministro degli esteri russo ha accusato l’Occidente di essere parte del conflitto, aggiungendo che l’Ucraina sta diventando uno stato totalitario di tipo nazista. Prima di lui aveva parlato il segretario dell’Onu Guterres, secondo cui l’annessione russa dei territori occupati rappresenta una violazione della Carta delle Nazioni Unite. Questa marttina il vice presidente del Consiglio di sicurezza russo aveva minacciato l’uso di armi nucleari “per difendere i territori occupati”.

La Bce: “Stagnazione e recessione”. Pronti a nuovi rialzi dei tassi

(di Massimo Alberti)

La crisi economica diventa sempre più concreta. Sia la Banca centrale europea che quella britannica prevedono stagnazione e recessione. Per Londra la recessione arriverà già nel terzo trimestre di quest’anno, mentre la Bce parla di stagnazione e di rallentamento significativo dell’economia. Ciò nonostante la strategia di politica monetaria delle banche centrali è quella di continuare ad alzare il costo del denaro. Lo ha fatto ieri la Fed statunitense, lo ha fatto oggi la banca centrale britannica, prevede di farlo ancora la Bce. “Siamo passati da una crescita impetuosa all’orlo della recessione, i prossimi mesi saranno molto difficili” dice il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni che aggiunge: “Siamo nel momento di crisi più difficile dal dopoguerra”.
Il bollettino della Banca centrale europea lo riscrive nero su bianco: considerevole rallentamento dell’attività economica nell’area euro, fino alla stagnazione. Chi vive nel mondo reale lo sta già vedendo, con centinaia di imprese che in tutta Europa si fermano ogni giorno perché non sono in grado di reggere i costi dell’energia. La politica monetaria delle banche centrali non muta: aumentare il costo del denaro, distruggere la domanda, stroncare così l’inflazione. Ma la stessa Bce dice che ciò accadrà solo sul medio lungo periodo, che i prezzi del gas resteranno straordinariamente alti, e scarica il peso sugli stati invitati a mettere soldi pubblici per la tenuta di imprese e famiglie più vulnerabili. Guardando le serie storiche, Il Sole 24ore stima che gli effetti della stretta sui tassi diventano efficaci in 16 mesi. Bisogna vedere in quali condizioni si arriverà, tra 16 mesi. La Germania, ad esempio, ha già ridotto il fabbisogno di gas tra il 10% e il 15%, ma proprio per i fermi delle imprese. Questo però porterà un calo del Pil di circa il 4%, che è ciò che a spinto il governo di Berlino al piano di 65 miliardi di aiuti pubblici. I tedeschi sono anche i principali fautori di questa politica monetaria e sono convinti di tenere, in attesa dei tempi migliori. Quindi, ognuno per sé in nome dell’intangibilità dell’ortodossia monetaria. Ma non tutti i paesi europei hanno le stesse condizioni. Con previsioni che peggiorano a una velocità che non ha precedenti storici, rileva l’economista Roberto Romano. In assenza di una politica comune europea, che si è presa il lusso di rimandare le decisioni sul prezzo del gas e ora punta a un nuovo pacchetto di sanzioni verso Mosca. La cui economia intanto, scrive la stessa Bce, vede l’inizio di una recessione che probabilmente sarà meno grave delle attese.

Meloni è la protagonista di piazza del Popolo

(di Anna Bredice)

E’ Giorgia Meloni la protagonista di piazza del Popolo, prima ancora che esca sul palco. Berlusconi, che è stato il primo a intervenire da una piazza che non è piena, ha riesumato la sua battaglia contro i comunisti del 94. Poi il saluto a Giorgia Meloni: ma il grido che si è alzato dalla piazza non è stato Sil-vio Sil-vio, bensì Gior-gia Gior-gia. Del resto si vede anche nel colpo d’occhio, le bandiere sono quasi tutte di Fratelli d’Italia, i militanti anche. Arrivano dalla capitale, molti dalla periferia. Le bandiere di Forza Italia sono poche, quelle della Lega anche. Mentre Berlusconi pronunciava un discorso stanco e di rito, neppure un applauso.
E’ la città, questa, di Giorgia Meloni, ma forse anche altrove andrebbe così: tanti i militanti romani, molti i ragazzi, soprattutto quelli della Gioventù nazionale, con le bandiere e una maglietta con una frase di D’Annunzio. Poi l’intervento di Salvini, che ha subito attaccato Gualtieri e Zingaretti e promesso: “Governeremo tutti insieme, ci vediamo qui tra cinque anni”. Negando di fatto che nel centrodestra ci siano divisioni, ma le divisioni ci sono eccome: ancora questa mattina Salvini ha criticato Giorgia Meloni che aveva detto di avere pronta la squadra dei ministri: “Li sceglieremo insieme”, ha detto il leader della lega.

La discutibile strategia social di Salvini

(di Luigi Ambrosio)

Uno legge la notizia e non può non pensare al tormentone delle dieci ore di “Salvini elenca cose” che gira su Youtube. La notizia è che Salvini ha deciso di chiudere la campagna elettorale con una diretta Facebook di quattro ore.Il segretario della Lega è messo male. Accusato di fare gli interessi della Russia; indicato da Draghi con quel riferimento durissimo ai pupazzi prezzolati; in crollo verticale nei sondaggi; cannibalizzato da Giorgia Meloni sui temi del sovranismo e del populismo di destra. Quanto manca, a Salvini, in questi giorni, Luca Morisi. Ve lo ricordate Morisi? Lo spin doctor digitale a capo della famigerata “Bestia” che tanto contribuì a fare crescere il consenso di Salvini con una aggressività spregiudicata sui social. Poi Morisi fu fatto fuori da uno scandalo di droga e sesso. Un classico. Da allora, il consenso di Salvini ha iniziato a calare. Non necessariamente a causa della ridotta capacità nella comunicazione. Ma di certo le cose sono cambiate sul fronte social e un po’ la fine della “Bestia” ha contribuito. Oggi Salvini si affida a Alessandro Morelli, suo successore a Radio Padania, e a qualche ex collaboratore di Morisi. La differenza si vede.Domani le quattro ore di diretta Facebook di Salvini. Chi avrà voglia di mettersi lì a guardarsele?

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 25/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 25/05/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 25-05-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/05/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 25-05-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/05/2024

    Ogni sabato, dalle 17.35 alle 18.30, musica, libri e spettacoli che ci aiutano a 'restare umani'. Guida spirituale della trasmissione: Fela.

    Stay human - 25-05-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 25/05/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 25-05-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 25/05/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 25-05-2024

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/05/2024

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria follia o di pura umanità. In ogni puntata DOC ne sceglierà uno per indagare e approfondire, anche dopo i titoli di coda, tematiche sempre più attuali, spesso inesplorate ma di grande rilevanza socio-culturale. E, tranquilli, no spoiler! A cura di Roberta Lippi e Francesca Scherini In onda sabato dalle 15 alle 15.30

    DOC – Tratti da una storia vera - 25-05-2024

  • PlayStop

    Chassis di sabato 25/05/2024

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con un tono leggero fatto di parole, note e suoni che sostituendo le immagini permettono di ricreare con la propria capacità di ascolto emozioni e riflessioni suggerite dal cinema. Il programma, che prende il nome dal contenitore che conserva e ripara dalla luce le pellicole all’interno della macchina da presa, va in onda ogni domenica mattina con quasi un’ora di interviste a registi, attori, autori, musiche e parole dal mondo della celluloide. A volte con interventi e opinioni di critici, sempre con i racconti di chi il cinema lo fa. Un programma d’informazione sulle uscite cinematografiche settimanali e le cronache dai Festival di Cannes, Venezia, Torino, Locarno. Inoltre viene dato spazio alle novità editoriali in campo cinematografico e ogni puntata di Chassis si chiude con una canzone dei titoli di coda, tratta ogni mese da una colonna sonora diversa. Vi aspetta ogni sabato dalle 14.00 alle 15.00 in FM 107.60, in streaming o su app.

    Chassis - 25-05-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/05/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 25-05-2024

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/05/2024

    Il Festival del Ciclo Mestruale; Bicipace compie quaranta anni continuando a promuovere la pace e il disarmo; Lella Costa sulla nostra Poltrona, il suo consiglio di lettura e Le Parole del Pane Festival; il festival Prog and Frogs all’insegna del grande rock progressivo; Barbara Sorrentini da Cannes, e poi l’arte e il teatro, e la nostra rubrica GialloCrovi.

    Good Times - 25-05-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 25/05/2024

    1- l'Irlanda e LA Palestina. Intervista a Carlos o’ connel chitarrista dei Fontaines DC sulla situazione a Gaza. ( Matteo Villaci) 2- Intervista di Luisa Nannipieri all’artista franco-tunisina Nawel Ben Kraiem che canta Jawaz al safar, Passaporto, del poeta palestinese Mahmoud Darwish. 3-Brasile. Joao Pedro Stedile, il fondatore del movimento dei “sem terra”, parla della riforma agraria, della maggior tutela dell’ambiente e dei giovani dei campus americani per Gaza. ( Sara Milanese) 4- La demolizione l’anno prossimo del Goodison Park , lo stadio dell’Everton costruito nel 1892 , segnerà la fine de luoghi mitici e sacri del calcio. Ne abbiamo parlato con Luca Manes giornalista e saggista , autore di numerosi libri dedicati al calcio inglese e ai tifosi della working class.

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 25-05-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 25/05/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 25-05-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/05/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25-05-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 25/05/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 25-05-2024

Adesso in diretta