Approfondimenti

L’imminente invasione di terra della striscia di Gaza, l’allarme terrorismo di Matteo Salvini e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 19 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. L’ipotesi dell’invasione di terra della striscia di Gaza è stata sul tavolo fin dall’inizio della guerra il 7 ottobre, ma da un primo momento in cui sembrava imminente. Salvini continua a tenere alto l’allarme terrorismo. La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per il trattamento dei migranti. E’ stata riaperta la procedura di licenziamento per i lavoratori ex GKN. A Roma due persone sono state uccise mentre attraversavano la strada sulle strisce pedonali. “C’è ancora domani” di Paola Cortellesi, il Film d’apertura alla Festa del Cinema di Roma.

Gaza al collasso

“Ora vedete Gaza da lontano, presto la vedrete dall’interno”. Con queste parole il ministro della difesa israeliano Gallant ha annunciato ai soldati di stanza nel sud del paese che presto verrà dato l’ordine di ingresso nella striscia. Anche il comandante dell’esercito al sud ha detto che “La battaglia si sta spostando sul territorio di Hamas”.
L’ipotesi dell’invasione di terra della striscia di Gaza è stata sul tavolo fin dall’inizio della guerra il 7 ottobre, ma da un primo momento in cui sembrava imminente, negli ultimi giorni non era più stata citata, e l’esercito israeliano aveva continuano – e continuano tuttora – a bombardare la striscia in modo massicci, colpendo da nord a sud.
Sulla possibilità di un’invasione di terra, l’opinione pubblica israeliana non è compatta. Soprattutto le famiglie delle persone prese ostaggio da Hamas che temono per le sorti dei loro cari. Nei giorni scorsi ci sono state diverse manifestazioni organizzate dalle famiglie delle vittime contro il governo Netanyahu, soprattutto per la gestione della crisi. Qualcuno pensa che l’invasione avrà come unica conseguenza la morte di altre persone innocenti, mentre altri credono che il governo debba fare tutto quello che serve per portare a casa gli ostaggi vivi.
La situazione dentro la striscia di Gaza intanto è sempre più drammatica. . I morti dal 7 ottobre sarebbero più di 3700, e 12500 i feriti. Il sistema sanitario è al collasso. Manca il personale, i farmaci e le forniture mediche e i medici rimasti non riescono a far fronte al grande afflusso di feriti che ogni giorno arrivano nelle strutture sanitarie. Oggi l’Egitto ha annunciato che domani verrà aperto il valico di Rafah per portare aiuti umanitari dentro la striscia, ma non sono stati forniti ulteriori dettagli.
Secondo le informazioni circolate oggi, domani dovrebbero entrare circa 20 camion di aiuti. Un numero troppo piccolo per far fronte agli enormi bisogni della popolazione. Anche l’Oms ha detto che gli aiuti dovrebbero entrare tutti i giorni.

La campagna d’odio di Matteo Salvini

(di Anna Bredice)
Collegare i sondaggi alle stragi in Medio Oriente appare una mostruosità, eppure la macchina comunicativa di Matteo Salvini forse in questo modo ragiona, visto che da alcune settimane i sondaggi lo danno in ascesa, da quando lo staff aggressivo creato da Morisi è tornato a pieno regime. Ogni giorno ci sono decine di messaggi, tweet, video, tutti “contro” qualcosa, cercando di farsi spazio a danno degli alleati. E anche il Medio Oriente è finito in questa macchina. Salvini continua a tenere alto l’allarme terrorismo, quando gli altri, a cominciare da Meloni e Piantedosi cercano di essere più prudenti e mostrano grandi perplessità se non preoccupazioni verso l’iniziativa decisa da Salvini. Si tratta di una manifestazione il 4 novembre a Milano, non “per” qualcosa, la pace in Israele e in Palestina, ma “contro” il terrorismo islamico. E in questa campagna d’odio di Salvini ci fa le spese anche Patrick Zaki, le sue dichiarazioni di critica nei confronti del governo Netanyahu sono valse un’interrogazione parlamentare per chiedere, si legge, quali iniziative il governo vuole adottare per contrastare il rischio dell’attivazione di cellule terroristiche. Invece di abbassare la tensione, Salvini cerca in tutti i modi di incendiare il clima, lanciando anche il sospetto che i migranti liberati dai Cpr grazie alle ordinanze dei giudici possano diventare nel futuro terroristi. Fare consenso, raccogliere voti, già a partire da domenica in Trentino Alto Adige, dove la Lega è tallonata da Fratelli d’Italia, un partito che non ha mai condiviso le spinte autonomiste della regione eppure ora è dato in vantaggio. Ma l’obiettivo di Salvini sono le europee, non soccombere a Giorgia Meloni, ora che la manovra economica che porterà al voto non contiene nulla che sia utile per fare campagna elettorale, e allora c’è sempre il solito tema a cui aggrapparsi, l’allarme migranti e l’allarme terrorismo.

La CEDU condanna l’Italia sui migranti

La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per il trattamento dei migranti. In particolare, si tratta di tre migranti tunisini nell’hotspot di Lampedusa tra il 2017 e il 2019. In tre sentenze distinte la Corte afferma che i migranti sono stati sottoposti a “un trattamento disumano e degradante” a causa delle condizioni di vita nell’hotspot. Nella sentenza i giudici di Strasburgo evidenziano che i tre migranti sono stati tenuti nell’hotspot per periodi che vanno dai 17 giorni a oltre 2 mesi, anche se il posto era sovraffollato, le condizioni igieniche erano carenti, e mancavano i letti. La Corte ha stabilito anche che l’Italia dovrà versare a ciascun migrante, 5mila euro di risarcimento e altri 4mila per le spese legali.

Riaperta la procedura di licenziamento per i lavoratori ex GKN

E’ stata riaperta la procedura di licenziamento per i lavoratori ex GKN. La nuova proprietà getta così la maschera: un’operazione immobiliare sullo scheletro dello stabilimento, sotto gli occhi del governo che da marzo non convoca il tavolo di crisi
Era nell’aria da giorni, ed i lavoratori ex gkn erano preparati. Ora è ufficiale: i 172 dipendenti rimasti saranno definitivamente licenziati dal 1° gennaio. Del resto, dalle carte svelate nei giorni scorsi dai lavoratori era chiaro l’obbiettivo della nuova proprietà, una sicietà di scatole cinesi che ha come ragione sociale l’immobiliare. Ciò che fa gola, insomma, sono i muri, l’ennesimo scheletro vuoto in un paese che ha smesso di fare industria. LA QF di Francesco Borgomeo nella lettera si aggrappa all’inagibilità dello stabilimento, che però non è mai stato occupato ma i lavoratori sono in assemblea permanente da 2 anni, proprio per impedire che vengano portati via i macchinari. L’unica soluzione sul tavolo, al momento, è il progetto di reindustrializzazione elaborato dal collettivo di fabbrica e la costituzione della cooperativa di lavoratori. Ma ciò che rende ancora più assurda la vicenda è la complcità politica: il governo da marzo non convoca il tavolo di Crisi, ignorando il piano di reindustrializzazione più volte presentato in regione dai lavoratori. Ancora oggi, il ministro Urso, parla di un piano industriale che non sarebbe mai stato presentato. Ma in questi mesi, a non presentarsi ai tavoli, era QF che nel frattempo aveva smesso di pagare gli stipendi ai lavoratori. Il collettivo di fabbrica terrà domani una conferenza stampa. Una nuova manifestazione era già prevista il 5 novembre.

Ancora morti sulla strada a Roma

A Roma due persone sono state uccise mentre attraversavano la strada sulle strisce pedonali. Il primo incidente è avvenuto ieri sera in centro città: una coppia di turisti è stata travolta da un suv. La donna, 58 anni, era insieme al marito: è morta oggi in ospedale. Il secondo incidente è stato questa mattina sulla via Flaminia. Un ragazzo di 21 anni è stato investito da due auto, tra cui un taxi, mentre attraversava sulle strisce per andare a prendere il treno alla stazione Labaro.
Sono stati 23 i pedoni morti nella prima quindicina di ottobre sulle strade italiane, 341 dall’inizio dell’anno: i dati sono dl’’associazione Asaps, che si occupa di sicurezza stradale. Molte delle vittime sono state investite sulle strisce pedonali o addirittura sul marciapiede.

“C’è ancora domani” di Paola Cortellesi, il Film d’apertura alla Festa del Cinema di Roma

(di Barbara Sorrentini)
La diciottesima edizione del Festival del Cinema di Roma si è aperta con un film necessario. Paola Cortellesi dedica il suo film  “C’è ancora domani” alle donne, soprattutto a quelle che hanno lottato per l’emancipazione femminile e non sono state ringraziate abbastanza. È per questo che il suo primo lungometraggio è ambientato nella Roma degli anni ‘40, con un bianco e nero che dichiaratamente ricorda il neorealismo e si mette al fianco di Delia (la stessa Cortellesi), moglie di Ivano un uomo violento e prepotente, interpretato da Velario Mastandrea. Una storia sui diritti delle donne e sull’atavica e duratura cultura patriarcale, non ancora sconfitta. La violenza che subisce quotidianamente la protagonista è diventata normalità, giustificata e subita in silenzio. “C’è ancora domani”, ha dichiarato Paola Cortellesi, è rivolto anche alla nuove generazioni che non sanno da dove veniamo e con quante battaglie si è raggiunto un diritto irrinunciabile come quello del voto alle donne.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 03/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 03-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 03/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 03-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 03/03/2024

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non pensando al genere come concetto limitativo, Prospettive musicali vuole suggerire percorsi di ascolto eterogenei. Prospettive musicali potrà accostare musiche medioevali e avanguardie elettroniche, free jazz e musiche per ambiente, danze etniche e partiture contemporanee, improvvisazione e composizione, avant rock e canzone, silenzio e rumore, invitando il proprio pubblico a condividere esperienze di ascolto coraggiose e «di confine». Alessandro Achilli collabora con Radio Popolare dal 17 marzo 1991 con i cicli Sciabadà (1991), Est (1992), Le vacanze di monsieur Hulot (1991, con Giovanni Venosta, e 1992), L’Orchestra (1996), Concerti da Babele (2001, 2002, 2003), Township Beat, musiche dal Sudafrica (2010) e corrispondenze dai festival Mimi (Provenza), Ring Ring (Belgrado), London Jazz Festival; ha inoltre curato la regia e l’adattamento di un ciclo condotto da Robert Wyatt, interviste in diretta a Shelley Hirsch, Arto Lindsay, Peter Blegvad e Robert Wyatt, e puntate monografiche di Cantaloop, In genere, Zona disco, Replicanti, Yuppi do, Il giardino degli dei, 5 giri, Jazz Anthology, Happy Together e Notturnover estate. Clicca qui per notizie sulle sue attività con Musica Jazz, Musiche, Radio3 Rai e come fotografo non professionista e traduttore. Fabio Barbieri collabora con Radio Popolare dal 1997. È stato ideatore e conduttore di Tropici e meridiani e ha realizzato collegamenti e interviste per Notturnover,Candid, Sidecar, Zoe, Alaska e per il gr in network. Ha collaborato con la redazione musicale del quotidiano Il Manifesto. Suoi articoli e recensioni sono apparsi su Rockerilla, Lost Trails e nel volume Bassa fedeltà (Bollati Boringhieri). Nella stagione 2003-2004 ha curato per Patchanka una serie di corrispondenze settimanali da Londra, intitolata London Calling. Da quell’esperienza è nato un blog: http://www.fabiocalling.blogspot.co.uk/ Gigi Longo collabora con Radio Popolare dal 1987. Ha condotto Jazz Anthology, Music Mag, Onda su onda e Cibo per psiconauti. In veste di inviato, ha recensito decine di concerti jazz, rock e world music per Notturnover. Ha realizzato trasmissioni speciali su Charles Mingus, Gil Evans, Duke Ellington e Miles Davis. È stato collaboratore dell’Associazione Jazz Capolinea, del mensile Il Buscadero e dela rivista Alp Grandi Montagne.

    Prospettive Musicali - 03-03-2024

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/03/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 03-03-2024

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/03/2024

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi e dai popoli del mondo, prodotto e condotto in studio dal vostro bacicin…” Comincia così, praticamente da quando esiste Radio Popolare, la trasmissione di Giancarlo Nostrini. Ascoltare per credere. Ogni domenica dalle 21.30 alle 22.30.

    La sacca del diavolo - 03-03-2024

  • PlayStop

    Agitanti di domenica 03/03/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettate come “diversi”. Ogni domenica alle 21 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bohmenica In di domenica 03/03/2024

    A cura di Gianpiero Kesten In co-conduzione: Zeina Ayache, Gaia Grassi, Astrid Serughetti, Clarice Trombella Ospite fisso: Andrea Bellati La famiglia allargata di Di tutto un boh colonizza la domenica di Radio Popolare! Tra domande scientifiche e curiosità esistenziali (a cui dare risposte, naturalmente) tutti i membri della squadra porteranno ogni settimana il proprio contributo, un po’ come i pasticcini o, ancora meglio, gli avanzi da spartire la domenica, tra buoni amici. La missione divulgativa e di infotainment di Di tutto un boh vivrà e lotterà insieme a noi. Ma la domenica, si sa, è anche il giorno delle somme da tirare, dei buoni propositi e della condivisione. Anche tra le famiglie atipiche e allargatissime, come quella della squadra di Di tutto boh e del pubblico di Radio Popolare. Bohmenica In va in onda ogni domenica dalle 19 alle 21.

    Bohmenica In! - 03-03-2024

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/03/2024

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle sue trasmissioni, musicali e non. La nostra scelta racconterà molte novità discografiche, ma non soltanto. E ogni domenica, con mezz’ora di speciale, concluderemo i sette giorni proponendo un profilo approfondito del nostro Artista della Settimana.

    L’Artista della settimana - 03-03-2024

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 03/03/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 03-03-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 03/03/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 03-03-2024

  • PlayStop

    Mitologia Popular di domenica 03/03/2024

    Mitologia Popular esplora e racconta il folclore e la cultura popolare brasiliana: da miti e leggende come Saci Pererê, Mula sem cabeça, Cuca alla storia di piatti tipici come la feijoada o la moqueca, passando per la letteratura, il carnevale, la storia delle città più famose e la musica, ovviamente. Conduce Loretta da Costa Perrone, brasiliana nata a Santos che, pur vivendo a Milano da anni, è rimasta molto connessa con le sue origini. È autrice del podcast Lendas con il quale ha vinto gli Italian Podcast Award per il secondo anno consecutivo.

    Mitologia Popular - 03-03-2024

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/03/2024

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione di genere, né musicale né letterario. Ci muoveremo seguendo i percorsi segreti che legano le opere l’una all’altra, come a unire una serie di puntini immaginari su una mappa del tesoro. Memoir e saggi, fiction e non fiction, poesia (moltissima poesia), musica classica, folk, pop e r’n’r, mescolati insieme per provare a rimettere a fuoco la centralità dell’esperienza umana e del racconto che siamo in grado di farne.

    Giocare col fuoco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Dietro al palco di domenica 03/03/2024

    Un viaggio musicale nella vita “ai piedi del palcoscenico” di artisti/artiste italiani. Una chiacchiera in tre, una sorta di “backstage” in musica degli ascolti consigliati e goduti e che fissa con pochi passaggi sonori sogni, passioni e storia di chi sará ospitato da Chiara Soldi e Andrea Cegna.

    Dietro al palco - 03-03-2024

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 03/03/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 03-03-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 03/03/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 03-03-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/03/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 03-03-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/03/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 03-03-2024

Adesso in diretta