Approfondimenti

L’inferno umanitario a Gaza, la sanità pubblica al collasso e le altre notizie della giornata

gaza ramadan

Il racconto della giornata di giovedì 18 aprile 2024 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Antonio Guterres è tornato a chiedere un cessate il fuoco in un giorno in cui, secondo i giornalisti sul campo, l’offensiva israeliana è stato particolarmente violenta. Al summit del G7 che si sta tenendo a Capri, all’ordine del giorno c’è la questione delle armi all’Ucraina. Ilaria Salis sarà candidata dall’Alleanza Verdi Sinistra alle prossime elezioni europee. Il governo cerca in tutti i modi di ostacolare l’accesso al suicidio assistito. La maggioranza è riuscita ad inserire un emendamento che permette la presenza di associazioni di volontari e anti abortiste dentro ai consultori. L’Istat ha diffuso i dati del rapporto chiamato benessere equo e sostenibile.

Antonio Guterres: “L’offensiva israeliana a Gaza ha prodotto un inferno umanitario”

“L’offensiva israeliana a Gaza ha creato un inferno umanitario”. Sono le parole del segretario generale dell’Onu Antonio Guterress, pronunciate in apertura della riunione del consiglio di sicurezza che più tardi voterà la mozione per l’ingresso della palestina tra i paesi membri.
Guterres è tornato a chiedere un cessate il fuoco in un giorno in cui, secondo i giornalisti sul campo, l’offensiva israeliana è stato particolarmente violenta. Nelle ultime 24 ore i morti sono più di 70 e sono stati segnalati bombardamenti lungo tutta la striscia. A Rafah un raid ha colpito una casa uccidendo 11 membri della stessa famiglia, compresi 5 bambini. Secondo l’Unicef sono quasi 14 mila i minori uccisi dall’inizio del conflitto, su un totale di 34 mila vittime.
A Rafah, poi, la popolazione teme un’imminente invasione di Rafah. Nelle scorse ore l’esercito israeliano ha rafforzato il dispiegamento di armi nella striscia, suggerendo una preparazione all’invasione.

In queste ore, poi, è circolata una voce – diffusa da fonti egiziane – secondo la quale gli Stati Uniti avrebbero approvato il piano israeliano per Rafah in cambio di rassicurazioni su un attacco militato all’Iran, come ritorsione per l’attacco iraniano di sabato scorso. Gli stati Uniti hanno smentito, e in queste ore è previsto un incontro virtuale tra funzionari statunitensi e israeliani proprio sull’invasione di Rafah.
Abbiamo chiesto un parere a Lorenzo Cremonesi, inviato del corriere della sera

Il G7 si impegna a potenziare gli aiuti militari a Kiev

Al summit del G7 che si sta tenendo a Capri, all’ordine del giorno c’è la questione delle armi all’Ucraina. “La difesa aerea, è una necessità urgente e fondamentale” per Kiev ha detto il segretario della Nato Stoltenberg, presente al vertice di Capri. La Germania ha già dato la propria disponibilità a rifornire Kiev di missili Patriot.
“Anche altri paesi potrebbero farlo”, ha detto ancora Stoltenberg.
Al G7 partecipa anche il ministro degli esteri ucraino Kuleba che ha avuto anche un faccia a faccia con il segretario di Stato americano Blinken.
Le difese aeree sono state più volte chieste dal presidente ucraino Zelensky, e ancora ieri dopo il pesante bombardamento russo nel Nord, contro la città di Cernihiv.

Alleanza Verdi e Sinistra candiderà Ilaria Salis alle europee

Ilaria Salis sarà candidata dall’Alleanza Verdi Sinistra alle prossime elezioni europee. L’indiscrezione circolava da giorni, poco fa è arrivata l’ufficialità. Il gruppo, d’accordo con il padre, la metterà in lista per tutelare i diritti e la dignità di una cittadina europea, anche dall’inerzia delle autorità italiane. Questo quanto si legge in un comunicato. Lo scopo, dice Avs, è quello di ottenere per Salis una rapida scarcerazione in favore degli arresti domiciliari negati con l’ultima decisione dai giudici ungheresi. Salis, a processo con l’accusa di aver partecipato a una aggressione a dei militanti neonazisti, da più di un anno è sottoposta a durissime condizioni di detenzione in Ungheria. Non è ancora chiaro in quale circoscrizione verrà inserita. Nelle scorse ore si è parlato di un posto da capolista nel Nord Ovest, ma Verdi e Sinistra non hanno ancora confermato i dettagli.

Il governo contro la regione Emilia Romagna sul fine vita

A febbraio la giunta regionale di Stefano Bonaccini aveva approvato due delibere per l’accesso al suicidio medicalmente assistito. In assenza di una legge nazionale, alcune regioni stanno tentando di dare almeno delle regole uniformi sul loro territorio. Ma l’esecutivo ora si mette di traverso

(di Alessandro Principe)
L’obiettivo è di colmare il vuoto legislativo e di mettere le aziende sanitarie nella condizione di garantire il diritto dei malati sancito da sentenza della Corte costituzionale sul caso Cappato-Dj Fabo. Alle aziende sanitarie la Regione ha inviato delle linee guida che stabiliscono iter e tempistiche del fine vita, massimo 42 giorni dalla domanda del paziente alla eventuale esecuzione di procedura farmacologica. Contro queste decisioni si è schierato il governo che ha chiesto al Tar di annullare le delibere. Lo hanno fatto la presidenza del Consiglio e il Ministero della Salute. Il paradosso è la principale motivazione per la quale Giorgia Meloni e Orazio Schillaci chiedono al Tar di annullare tutto è il “difetto di competenza dell’organo”. Certo, a essere competente sarebbe in primo luogo il parlamento visto che è stato chiamato in causa direttamente dalla Corte Costituzionale e visto che sarebbe bene evitare avere situazioni diverse tra regione e regione. Ma il Parlamento è fermo. E una legge sul fine vita nazionale non c’è. E’ per questo che alcune regioni si muovono. .Nella passata legislatura si era quasi arrivati al traguardo ma il testo unificato, approvato dalla Camera dopo quasi 4 anni in Commissione Affari sociali, non ha fatto in tempo a ricevere il via libera del Senato. E così i pazienti, molto spesso malati terminali, sono costretti ad appellarsi ai tribunali per avere un risposta dalle Asl che in assenza di regole precise non sanno come comportarsi.

Via libera alle associazioni anti abortiste nei consultori

(di Anna Bredice)
“Un vergognoso ordine del giorno”. Così le associazioni Pro Life hanno definito l’ordine del giorno del Pd che chiedeva al governo di assicurare la piena attuazione della 194 affinché non venga ridotto il diritto delle donne ad accedervi. Ma il comunicato dei Pro Life si scaglia soprattutto contro i leghisti che si sono astenuti invece di votare no, quasi un affronto, un tradimento che arriva da una destra che ha sempre strizzato l’occhio alle associazioni antiabortiste. L’ordine del giorno è stato bocciato, ma nella maggioranza si è creata una spaccatura dovuta proprio a quei 15 leghisti sui 37 deputati del Carroccio che si sono astenuti, tra cui il capogruppo Molinari che motiva la scelta con la libertà di coscienza, Laura Ravetto va oltre e spiega che l’ultima parola spetta sempre alla donna e che la 194 non si tocca. Certo, che ci sia l’astensione del capogruppo leghista è stato un segnale che meloni considera un colpo basso dello stesso Salvini, questioni quindi anche interne alla mai risolta competizione dentro la destra. Resta il fatto che nel decreto sul Pnrr la maggioranza è riuscita ad inserire un emendamento che tocca la libertà della donna nella scelta, perché vengono stanziati fondi che permettono la presenza di associazioni di volontari e anti abortiste dentro ai consultori. È proprio quello che sosteneva Giorgia Meloni nella sua campagna elettorale e che ora prova a realizzare inserendo un emendamento all’interno di un decreto che poco c’entra, forse sperando che tutto potesse passasse senza clamore. In aula alla Camera dopo la bocciatura dell’ordine del giorno è arrivata dal Pd una domanda al governo, “cosa vi hanno fatto di male le donne, dicono, dopo aver smantellato Opzione donna, aumentato l’Iva su assorbenti e prodotti di infanzia, bloccato i bonus nidi, ora si attacca la 194”.

La sanità pubblica al collasso: tagli, fuga dei medici e cure essenziali non erogate

(di Massimo Alberti)
Tagli ai posti letto, fuga dei medici, cure essenziali non erogate. E sempre più persone non riescono a curarsi. Oggi un nuovo rapporto, curato dal coordinamento delle 75 Società scientifiche dei clinici ospedalieri e universitari, lancia l’ennesimo allarme sul deteriorarsi della sanità pubblica.
L’altro ieri Istat ha diffuso i dati del rapporto chiamato benessere equo e sostenibile. 4,5 milioni di persone nel 2023 hanno rinunciato alle cure per problemi economici, lunghezza delle liste di attesa o difficoltà di accesso alle strutture sanitarie, troppo lontane. Si è passati dal 7 al 7,6 per cento della popolazione. Sono dati a dir poco drammatici, diretta conseguenza di una sanità pubblica che non tiene più. Dai tagli delle strutture sanitarie sul territorio, alla mancanza di medici di base, ospedalieri ed infermieri, alle liste di attesa troppo lunghe che spingono chi può verso il privato, che nel frattempo ha alzato i prezzi fiutando l’affare della crisi del sistema sanitario, e chi non può non si cura. L’appello di Nobel e scienziati italiani è rimasto lettera morta: i dati dicono che la realtà è il netto definanziamento della sanità pubblica, aggravato dall’inflazione. I numeri diffusi oggi dal coordinamento delle società sanitarie sono l’ennesima conferma: dal 2020 al 2022 negli ospedali sono stati tagliati 32500 posti letto e fra il 2019 e 2022 oltre 11000 medici hanno lasciato le strutture pubbliche. In 10 anni è stato chiuso quasi il 10% dei nosocomi. i livelli essenziali di assistenza, cioè le cure fondamentali, non sono rispettati in 12 regioni su 21. E l’autonomia differenziata aggraverà ulteriormente il problema. E’ una strada senza uscita nel momento in cui la direzione dei tagli alle tasse, di conseguenza allo stato sociale, non verrà invertita, mentre lo stato aumenta la spesa militare. Questione dunque di scelte politiche: quelle che da anni affidano al mercato la salute che da diritto alla cura, sta diventando gradualmente ma inesorabilmente un problema per molti, un affare per qualcuno, un lusso per pochi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 24/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 24-05-2024

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 24/05/2024

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 24-05-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

Adesso in diretta