Approfondimenti

Gli sforzi diplomatici per fermare il conflitto, il nuovo decreto riaperture e le altre notizie della giornata

negoziati Russia-Ucraina

Il racconto della giornata di giovedì 17 marzo 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il negoziato procede, le autorità di Kiev parlano di un cambio di atteggiamento ammorbidito dei russi al tavolo.  Fonti di Kiev denunciano decine di vittime civili nei pesanti bombardamenti russi sulle città. Le trattative in Europa per il Pnrr ora vengono sostituite dagli incontri diplomatici per una soluzione del conflitto armato e per affrontare le conseguenze economiche in Europa. Dal primo maggio il certificato verde sarà eliminato, in ogni ambito. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

I negoziati procedono, ma una tregua sembra ancora lontana

(di Emanuele Valenti)
Anche oggi le parti si sono parlate. E intorno a loro c’è un intenso lavorio diplomatico. Il punto è capire se e quando si potrà arrivare a una tregua e a quali condizioni.
Da Kiev hanno confermato che si sta valutando una serie di aspetti tecnici, ma hanno anche ribadito che prima di tutto Putin deve fermare l’invasione. E la cosa potrebbe non essere imminente. Alcuni diplomatici occidentali, citati dall’agenzia Reuters, hanno detto per esempio che su questo le parti sono ancora distanti e che sarebbe ancora presto per un cessate il fuoco. Diverse le parole del ministro degli esteri turco, Cavusoglu, che dopo l’incontro con l’ucraino Kuleba ha detto invece di essere ottimista. Erdogan oltretutto si è offerto nuovamente come mediatore per un eventuale incontro Putin-Zelensky.

La sensazione è che i colloqui abbiano sicuramente fatto dei passi in avanti, anche se nessuno ha voluto confermare i famosi 15 punti citati ieri dal Financial Times. Anche il portavoce del Cremlino, Peskov, ha detto che alcune cose sono vere ma altre no.
La questione è il possibile punto di incontro tra le due parti. Il compromesso.
Uno dei negoziatori ucraini ha detto per esempio che la posizione di fondo di Kiev rimane, e cioè che l’Ucraina vuole riconosciuta la sua sovranità su tutto il territorio ucraino al momento dell’indipendenza, quindi anche su Crimea e regioni separatiste del Donbass, mentre sappiamo che questo è quasi impossibile. Cosa darà in cambio Putin, che oltretutto sta respingendo tutte le critiche della comunità internazionale e andando avanti come un treno per la conquista di Mariupol e quindi della fascia di territorio che collega la Russia alla Crimea? Non credo la mollerà facilmente.

A serena Giusti, ricercatrice dell’istituto per gli studi di politica internazionale, esperta di Russia ed Europa orientale, abbiamo chiesto in che modo l’attività diplomatica si sta intrecciando con l’azione militare.

E poi ci sono le dichiarazioni. Stanotte in un discorso trasmesso dalla tv russa il presidentente Putin ha usato parole violente e sprezzanti nei confronti degli oppositori, definiti traditori, e nei confronti delle iniziative e sanzioni dell’Occidente. Un segno di debolezza che però non prelude a un cedimento, secondo la ricercatrice dl’Ispi Serena Giusti.

 

Continuano i bombardamenti sulle principali città ucraine

(di Emanuele Valenti)

A Mariupol 325/350mila persone sono ancora intrappolate sotto le bombe. In questi giorni sono infatti riuscite a scappare, dicono le autorità locali, solo 30mila persone.
Mosca – sia il ministero della difesa sia il ministero degli esteri – ha negato di aver bombardato il teatro regionale dove si rifugiavano diverse centinaia di persone e dove, secondo le immagini satellitari fornite dall’americana Maxar Technologies, c’erano delle grandi scritte “bambini” in russo proprio per evitare che gli aerei russi lo colpissero.
Oggi diverse persone sono uscite dal teatro. Il rifugio, gli scantinati, hanno retto il colpo della grossa esplosione di ieri pomeriggio. Secondo i russi operazione dei nazionalisti ucraini.
Non si è ancora capito se ci siano o meno delle vittime. Le operazioni di soccorso non sono facili, anche perché i bombardamenti non si sono mai fermati.

Mariupol però non è l’unica zona dove si sta combattendo.
L’avanzata russa è praticamente ferma e in questo momento la strategia di Mosca sembra quella dei bombardamenti. Gli ucraini dicono che sotto Kharkiv, a Merefa, sono stati colpiti una scuola e un centro culturale. 21 le vittime.
A Chernihiv, sotto il confine bielorusso, sopra Kiev, le autorità regionali hanno invece aggiornato il bilancio dei bombardamenti di ieri, quando sarebbero morti almeno 53 civili.
Solo alcuni esempi che danno però il senso della pressione russa sul sud, sull’est e sul nord del paese.

Dopo l’emergenza COVID il governo deve fare i conti con le conseguenze della guerra sull’economia

(di Anna Bredice)

Forse è il decreto più atteso degli ultimi due anni. Quello approvato oggi è il provvedimento che accompagna verso l’uscita l’intero regime delle restrizioni più forti contro il Covid, a partire già dal primo aprile quando il green pass rafforzato lascerà il passo a quello base in molti contesti. Ma il sollievo di Draghi, espresso nel dirsi fiero di come si sono comportati gli italiani con la pandemia, dura pochissimo, perché se una preoccupazione se ne va, ne entra un’altra, la guerra in Ucraina, “non c’è allarme per le ricadute economiche dal taglio del gas e delle materie prime”, dice, “ma se le cose continuassero a peggiorare, aggiunge, dovremo cominciare ad entrare in una logica di razionamento”. I soldi e le trattative in Europa per il Pnrr ora vengono sostituite dagli incontri diplomatici per una soluzione del conflitto armato e per affrontare le conseguenze economiche in Europa, c’è poi l’atteggiamento dei partiti in Italia, ma Draghi difende Salvini da chi in conferenza stampa ha citato il premier spagnolo che ha accomunato il leader leghista a Le Pen. “Salvini sostiene un governo europeista”, ha detto. Un modo per eliminare le nubi viste dall’estero di un governo debole nella difesa dell’Ucraina. Draghi è pessimista, perché ritiene che Putin non voglia la pace, ma dice anche senza dubbio che nessun paese in Europa vuole una guerra della Nato in Ucraina, compresa l’Italia. Le preoccupazioni che prenderanno il posto del Covid per Draghi sono legate all’economia. Per ora è soddisfatto perché annuncia che la ripresa economica è possibile con la fine delle restrizioni, ma se nel decreto che verrà approvato domani per affrontare il caro energia non ci saranno misure in deficit, Draghi però non può escludere che prossimamente potrà esserci uno scostamento di bilancio, altro deficit.

Il nuovo decreto riaperture, dal primo maggio addio a green pass e mascherine

(di Mattia Guastafierro)

Dal primo maggio il certificato verde sarà eliminato, in ogni ambito. I primi allentamenti sul pass sono però previsti già dall’uno di aprile. A partire da questa data il green pass base non sarà più obbligatorio per salire sui mezzi del trasporto pubblico locale e per accedere a negozi, banche e vari locali pubblici. Mentre, sempre dal primo aprile, il super green pass non sarà più richiesto ai lavoratori over 50. Fino a maggio, dunque, chi ha più di 50 anni potrà accedere al luogo di lavoro, presentando il certificato base, cioè quello ottenibile anche con un tampone.

Un’altra importante decisione riguarda le mascherine. L’uso delle mascherine in tutti i luoghi al chiuso, compresa la scuola, resterà valido fino al 30 aprile. Dal primo maggio dunque non sarà più necessario indossarle, sia al chiuso sia all’aperto.

Il 31 marzo, inoltre, non sarà rinnovato lo stato di emergenza covid. Con esso verranno sciolte le due strutture che hanno guidato le decisioni del governo: il Comitato tecnico scientifico e la struttura del commissario straordinario. Al loro posto sarà creata una unità operativa al ministero della Salute per accompagnare il periodo di convivenza col virus e completare la campagna vaccinale. Addio anche al sistema delle regioni a colori.

Per concludere, la road map prevede, infine, anche la fine della quarantena dei contatti stretti, anche non vaccinati, per cui varranno solo le regole dell’autosorveglianza. L’obbligo di quarantena resta solo per i contagiati. Di conseguenza, a scuola, la Dad scatterà solo per chi risulta positivo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Negli ultimi giorni la curva epidemica è in risalita. Oggi sono stati accertati 79mila casi di Covid e 128 morti. In rialzo al 15,1% il tasso di positività.
L’allentamento delle misure annunciato oggi dal governo è opportuno in questa fase di ripresa della circolazione virale?
Lo abbiamo chiesto a Pierluigi Lopalco, epidemiologo dell’università di Pisa.

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 24/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    1-Guerra in Ucraina. Mosca aumenta la pressione militare nel Donbass e non si escludono nuove operazioni nelle zone dalle quali…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 24/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 24/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 24/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 24/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 24/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 24/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 24/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 23/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 24/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 23/05/2022

    GUERRA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti, Mara Morini docente di Politiche dell'Europa Orientale all'Università di Genova e…

    Prisma - 24/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Guarda che Lune oggi, con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, è dedicato alla memoria, di Falcone e della luce sulla…

    Guarda che Lune - 24/05/2022

Adesso in diretta