Approfondimenti

Cinquanta giorni di guerra in Ucraina, il ricordo di Letizia Battaglia e le altre notizie della giornata

Guerra in Ucraina

Il racconto della giornata di giovedì 14 aprile 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Combattimenti a est e sud-est, nuove testimonianze da Mariupol e la vicenda della nave russa in fiamme nel mar Nero. Sono solo alcuni degli aspetti della guerra in Ucraina che sono al centro dell’attenzione nelle ultime ore. Secondo il presidente francese  Emmanuel Macron il termine “genocidio” usato da Biden rischia di alimentare una escalation verbale. La Regione Piemonte mette a segno un altro colpo contro l’autodeterminazione delle donne. Dopo aver impedito l’uso della pillola RU486 nei consultori per limitarne l’utilizzo e aver fatto accreditare le associazioni antiabortiste, ora elargisce centinaia di migliaia di euro di fondi pubblici ai gruppi No choice. Elon Musk ha offerto quarantatré miliardi di dollari per il 100% delle azioni di Twitter.  Il ricordo di Letizia Battaglia di Radio Popolare. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

Il cinquantesimo giorno di guerra in Ucraina

Combattimenti a est e sud-est, nuove testimonianze da Mariupol e la vicenda della nave russa in fiamme nel mar Nero. Sono solo alcuni degli aspetti della guerra in Ucraina che sono al centro dell’attenzione nelle ultime ore. Da Avdiivka, città industriale del Donbass, arriva notizia di scontri violentissimi. A Kharkiv gli ucraini hanno annunciato di aver fatto esplodere un ponte strategico, mentre persone scappate da Mariupol – luogo simbolo di questa guerra – hanno raccontato all’Ansa che in città ci sono bambini che muoiono di fame e persone che bevono acqua ricavata dalla neve. Gli ucraini continuano a resistere in una piccola parte della città, nella zona dell’acciaieria. Poi c’è la questione della nave russa che l’esercito di Kiev sostiene di aver colpito, e che secondo lo stesso esercito starebbe affondando. Il regime di Putin conferma che a bordo ci sono state esplosioni e un incendio, sostenendo però che la causa non sia un attacco ucraino ma un incidente, e che la nave resti a galla. Sempre dalla Russia arriva denuncia di bombardamenti ucraini in territorio russo, in due regioni di confine. Da Kiev il consiglio di sicurezza risponde facendo capire che la responsabilità potrebbe essere degli stessi russi, accusati di organizzare attacchi sul proprio territorio per incolpare gli ucraini. In questo contesto oggi le autorità di Mosca hanno parlato della possibile adesione alla Nato di Finlandia e Svezia. “Cambierebbe radicalmente la situazione, la Russia prenderà le necessarie misure di sicurezza difensive”, ha detto il vice-ministro degli esteri Grushko. L’ex presidente Medvedev, oggi numero due del consiglio di sicurezza di Mosca, ha fatto capire che il regime potrebbe schierare armi nucleari a Kaliningrad, territorio russo compreso tra Polonia e Lituania.

Continua il dibattito sulla parola “genocidio” usata dal presidente statunitense Biden

(Di Andrea Monti)

Emmanuel Macron lo aveva detto ieri e lo ha ripetuto oggi: il termine usato da Biden rischia di alimentare una “escalation verbale”. Non è la prima volta dall’inizio dell’invasione che il presidente francese prende le distanze dalle dichiarazioni di quello americano. Stavolta il ministero degli esteri ucraino ha reagito dicendosi deluso da Macron, e stavolta queste parole arrivano nelle stesse ore di una tensione tra Kiev e Berlino: il motivo è la mancata visita del presidente Steinmeier in Ucraina. Il cancelliere tedesco Scholz ha parlato di irritazione perché il presidente sarebbe stato respinto per le proprie posizioni passate sulla Russia, giudicate troppo accomodanti col regime di Putin. Usiamo il condizionale perché poi Zelensky ha negato che Steinmeier abbia chiesto ufficialmente di entrare nel paese. Di sicuro il caso diplomatico resta, e porta a chiedersi – unito alle parole di Macron e al fatto che Zelensky oggi ha accusato Germania e Ungheria di ostacolare l’ipotesi di un embargo europeo sull’energia russa – se qualcosa si stia incrinando nei rapporti tra l’Ucraina e gli altri paesi europei e nelle relazioni tra Europa e Stati Uniti, se nel blocco occidentale – finora sostanzialmente compatto di fronte alla guerra – ci siano segnali di divisione. In Italia Mario Draghi non ha commentato la definizione di genocidio usata da Biden, che oggi è stata criticata dal segretario del Pd Enrico Letta. Nelle prossime settimane si capirà se prese di distanze come questa sono tutto sommato isolate e momentanee o sono qualcosa di più.

A proposito degli orrori di cui è accusato l’esercito russo, oggi dalla procura generale ucraina si è parlato di circa 6500 presunti crimini di guerra e di 765 corpi di civili recuperati nell’area di Kiev nelle ultime due settimane. Dall’Onu poche ore fa il segretario generale Antonio Guterres ha detto che l’impatto del conflitto è “globale e sistemico. Un miliardo e 700 milioni di persone sono esposte a interruzioni dei sistemi alimentari, energetici e finanziari, che stanno innescando un aumento di povertà e fame”, ha sottolineato Guterres, parlando in particolare delle esportazioni di grano da Russia e Ucraina verso decine di paesi poveri. Antonino Masuri lavora per la fondazione Avsi in Kenya.

 

La Regione Piemonte finanzia le associazioni no choice

(di Chiara Ronzani)

Da oggi in Spagna entra in vigore una legge che introduce il reato di atti intimidatori volti a minare la libertà di una donna intenzionata ad abortire. Colpirà gli attivisti dei movimenti antiabortisti che perseguitano le donne fuori dagli ambulatori e dagli ospedali dove si pratica l’interruzione di gravidanza, tutelando anche gli operatori sanitari che sono spesso oggetto di minacce.
Mentre all’estero si salvaguarda così il diritto all’autodeterminazione, stigmatizzando chi fa pressioni indebite, in Italia gli stessi gruppi sono addirittura finanziati. Accade ora in Piemonte, dove con il pretesto di sostenere economicamente le donne che scelgono di non abortire, si regalano in realtà 400mila euro alle associazioni no choice. L’assessore alle politiche sociali Maurizio Marrone, di Fratelli d’Italia, lo dice apertamente: “è il coronamento di un cammino iniziato con il bando per l’accreditamento” delle associazioni nei consultori. Le stesse associazioni, finanziate con centinaia di milioni di euro dai movimenti di estrema destra russi e statunitensi, come dimostrato da varie inchieste, hanno prima ottenuto un posto all’interno dei servizi sanitari e ora vengono riconosciute anche economicamente dall’istituzione. Non è una misura di sostegno alla povertà. E’ una scelta politica e ideologica ben precisa. Se la regione vuole supportare le donne e la natalità, dice l’associazione “Più 194 di voci”, stanzi fondi per asili nido, sostegno all’educazione, alle persone non autosufficienti, per l’occupazione femminile e il contrasto alla precarietà, che è il vero contraccettivo della vita”.

Elon Musk ha fatto un’offerta per acquistare il 100% di Twitter

Il patron di Tesla ha già acquisito il 9% della società nelle scorse settimane e ora offre 54,20 dollari per azione. In totale stiamo parlando di 42 miliardi di dollari. Musk ha espresso il desiderio, qualora l’acquisizione andasse in porto, di ritirarla dalla borsa e farne una società privata. Perchè il multimiliardario vuole mettere le mani su Twitter, che tra l’altro non è affatto redditizia? Marco Schiaffino

 

In ricordo di Letizia Battaglia

(di Tiziana Ricci)

” Queste non sono solo fotografie, sono la mia vita”, cosi’ diceva Letizia Battaglia davanti a una delle sue ultime mostre. Palermitana, classe ’35, fotogiornalista, tra gli anni ’70 e ’80 è stata capo dell’ufficio fotografico dell’Ora di Palermo, unica donna fra tanti uomini a documentare lo scempio e gli orrori della mafia. Dopo un’esperienza a Milano ritorna a Palermo e con Franco Zecchin crea l’agenzia”. Informazione Fotografica”dove lavorano anche Josef Koudelka e Ferdinando Scianna. È lei a fotografare il mafioso Salvo insieme ad Andreotti, per prima arriva nel luogo dove fu assassinato Piersanti Mattarella allora presidente della Regione Sicilia. Era amica di Falcone, ma quando fu ucciso non riuscì a scattare [CONTINUA A LEGGERE]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Covid, sono 64mila i nuovi positivi censiti in Italia nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è stabile poco sotto il 15%. Cala la pressione su reparti ordinari e terapie intensive. Nel suo report settimanale il Gimbe conferma il calo, seppure ancora lento, della curva dei contagi. Nel suo rapporto odierno l’Iss ha comunicato che in Italia la variante Omicron ha ormai completamente soppiantato tutte le altre ed è responsabile del 100% dei casi di covid.
A livello globale, il numero di casi di Covid-19 nel mondo ha superato oggi il mezzo miliardo: gli Stati Uniti sono il paese con il maggior numero di casi totali (80,5 milioni) e decessi (987mila). L’India rappresenta il secondo con 43 milioni e il Brasile il terzo con 30,2 milioni. Dopo gli Usa, le nazioni con più vittime sono Brasile (661.904) e India (521.736).
Oggi l’Oms ha pubblicato un aggiornamento delle raccomandazioni alla luce dell’andamento della pandemia, e ha chiesto in particolare di mantenere le misure di prevenzione, contrariamente a quanto stanno facendo la maggior parte dei paesi, anche per il rischio dell’emersione di nuove varianti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 19/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 19/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 19/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    0091 di giovedì 20/06/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 19/06/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda ogni mercoledì dalle 23.00 alla mezzanotte.

    Jazz Ahead - 19-06-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 19/06/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19-06-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 19/06/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 19-06-2024

  • PlayStop

    3° puntata: l'uccisione di Attilio Oldani

    La sera del 26 giugno 1924 nella zona di via Canonica una squadra di fascisti decidere di intimidire chi avrebbe partecipato allo sciopero del giorno successivo. E poco dopo mezzanotte incrocia anche Attilio Oldani.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 19/06/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 19-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 19/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 19-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 19/06/2024

    1- Possibili crimini contro l’umanità a Gaza. È la conclusione dell’ ONU dopo l’esame di 6 bombardamenti israeliani. Sulle forniture di armi scambi di accuse tra Joe Biden e Netanyahu. Secondo la Cnn il presidente americano si è detto frustrato dal comportamento del premier israeliano. 2-Russia – Corea del nord come ai tempi della guerra fredda. Putin e Kim firmano il trattato di cooperazione strategica 3-Francia. La crisi di rigetto dell’ ecologia si è trasformata in un serbatoio di consensi per il partito di Marine le pen 4-Romanzo a fumetti. Diario il graphic novel di Fabrice Neaud 5-Progetti sostenibili. Da città turistica a punto di riferimento per la qualità urbana.l’esempio di Nizza.

    Esteri - 19-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 19/06/2024

    (183 - 565) Dove c'è un problema di mani sudate del laureato (ex laureando Simonetta). Poi con Marina Catucci parliamo di monoliti che compaiono nel deserto del Nevada. Nella terza parte con l'ascoltatrice Laura, membro interno, affrontiamo la giornata della prima prova dell'esame di maturità.

    Muoviti muoviti - 19-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 19/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 19-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 19/06/2024

    PLAYLIST 1. “Once Upon a Lie” – Quinn Sullivan 2. “Eyesight to the Blind - Live” – Quinn Sullivan 3. “Pinball Wizard” – Elton John 4. “Jet - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 5. “Bluebird - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 6. “Got To Be Mine” – Vulfmon, Evangeline 7. “Pink Panther” – James Galway, Lizzo 8. “Ooh La La” – Flow Tribe 9. “Higher Vibration” – Flow Tribe 10. “Where The Goddess Goes” – The Bogmen 11. “Summer of Soul” – The Bogmen

    Soulshine - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 19/06/2024

    Ospiti della puntata i John qualcosa che ci raccontano, e cantano dal vivo, il loro ultimo disco Cani come Figli

    Jack - 19-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 19/06/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il festival del neutrino

    quando celebriamo il centenario della radio pedalando e poi ospitiamo gli scienziati Davide e Irene, in arrivo dalla conferenza internazionale sui neutrini con due favolosi gadget per noi altri ignorantoni

    Poveri ma belli - 19-06-2024

Adesso in diretta