Approfondimenti

Il secondo giorno di guerra tra Israele e Hamas, l’ulteriore sostegno degli Stati Uniti e le altre notizie della giornata

Israele Hamas ANSA

Il racconto della giornata di domenica 8 ottobre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Oltre 700 persone uccise in Israele dall’inizio dell’attacco di Hamas, 2.500 feriti e tra i 100 e i 170 ostaggi, mentre gli aerei militari di Tel Aviv hanno ripreso a bombardare a Gaza e il paese si prepara all’evacuazione di comunità nel nord di Israele, al confine col Libano dove c’è Hezbollah. Nella Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro è intervenuto anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Oggi un altro pedone è stato investito e ucciso a Milano: Fabio Buffo, 48 anni, è stato travolto da un autobus della linea 175 di Atm.

Israele dichiara lo stato di guerra

Oggi il governo israeliano ha preso la decisione, scontata, di dichiarare lo stato di guerra del paese dopo gli attacchi di ieri di Hamas. E sono continuati i raid aerei su Gaza da parte dell’aviazione di Tel Aviv. Sarebbero 800 gli obiettivi colpiti nella striscia. Le vittime sarebbero centinaia. Mentre scontri a fuoco e combattimenti sono proseguiti anche oggi tra truppe israeliane e Hamas.

Il bilancio delle vittime dell’attacco di Hamas è di più di 700 uccisi, la maggior parte civili uccisi dall’inizio dell’attacco, e di 2.500 feriti. Oltre a un numero di ostaggi tra i 100 e i 170. Ci sarebbero anche, secondo altre fonti, centinaia di dispersi. E centinaia tra morti e dispersi potrebbero essere stati causati dall’attacco di Hamas ai giovani che stavano ballando a un rave party nel kibbutz di Reim, a ridosso del confine con la striscia di Gaza. “Ho visto almeno 200 cadaveri sul posto”: lo ha detto un medico di emergenza israeliano, Yaniv, citato dalla Bbc, intervenuto sul luogo della strage. Al rave avrebbero partecipato 3mila persone. I miliziani “hanno sparato a chiunque per ore”, raccontano i testimoni. In tanti “sono stati uccisi nei bagni” dove si erano nascosti.
E mentre fonti israeliane fanno sapere che non ci sono almeno per ora trattative con Hamas per la liberazione degli ostaggi, la questione dei dispersi e degli ostaggi è destinata a diventare un tema politico delicatissimo a livello internazionale anche perché molte delle persone prese in ostaggio sono cittadine di altri paesi, compresi gli Stati Uniti. Guido Olimpio, editorialista del Corriere della Sera;

Il presidente USA Joe Biden ha ordinato di fornire ulteriore sostegno a Israele dopo gli attacchi. Fonti dell’amministrazione statunitense, citate da Politico, hanno spiegato che Washington potrebbe autorizzare un significativo trasferimento di armi a Israele. La MSNBC riporta invece che gli Usa pianificano di spostare navi e aerei più vicino a Israele. Ancora Guido Olimpio:

Tel Aviv schiera le forze anche al confine con il Libano

Dopo la dichiarazione dello stato di guerra, gli aerei militari di Tel Aviv hanno ripreso a bombardare a Gaza. A stamattina il bilancio era già di centinaia di morti e migliaia di feriti. A Gaza abbiamo raggiunto Sami, giornalista palestinese:

Non c’è solo Gaza. Il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha detto che occorre prepararsi all’evacuazione di comunità nel nord di Israele. Gallant ha parlato con la Radio militare al termine di una riunione di sicurezza che è seguita alla decisione del governo israeliano di votare la messa in stato di guerra di Israele. Questo significa che Tel Aviv prefigura sviluppi anche dal Libano, dove c’è Hezbollah.
Hezbollah, come Hamas a Gaza, è vicina al regime iraniano e oggi il presidente iraniano, Raisi, ha plaudito agli attacchi di Hamas: “L’Iran sostiene l’autodifesa della nazione palestinese. Il regime sionista e i suoi sostenitori devono essere ritenuti responsabili di questa vicenda” ha detto Raisi. Lorenzo Trombetta, giornalista dell’Ansa, esperto di Libano:


 

3 morti sul lavoro al giorno nel 2023 in Italia

3 morti sul lavoro al giorno nel 2023 e infortuni come nel 2008, l’anno del testo unico su salute e sicurezza. Nella Giornata nazionale per le vittime degli incidenti sul lavoro è intervenuto anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha definito la strage in corso sul lavoro uno scandalo inaccettabile per un Paese civili, sottolineando come la sicurezza non sia un costo o un lusso “ma un dovere cui corrisponde un diritto inalienabile di ogni persona”. Sul tema della sicurezza e sulle azioni da mettere in campo abbiamo raggiunto Zoello Forni, presidente dell’Anmil, Associazione Nazionale fra lavoratori mutilati e invalidi del lavoro:


 

Fabio Buffo investito e ucciso da un autobus a Milano

Si chiamava Fabio Buffo, aveva 48 anni, l’uomo investito e ucciso stamattina a Milano mentre camminava sulle strisce pedonali. Un autobus della linea 175 di Atm, il trasporto pubblico milanese, lo ha travolto mentre svoltava a destra. È il dodicesimo pedone ucciso a Milano dall’inizio dell’anno. Un incidente che pone ancora una volta il problema della sicurezza stradale in città. Luca Studer dirige il laboratorio di Mobilità e trasporti al Politecnico di Milano:


 

L’estrema destra avanza in Baviera e Assia

In Germania, si sono chiusi poco dopo le 18 i seggi in Baviera e Assia, dove si votava per il rinnovo dei due stati federali. I primi exit poll danno in vantaggio i partiti di centrodestra. A spiccare però è soprattutto il balzo in avanti dell’estrema destra dell’Afd: è il secondo partito più votato in Assia e anche in Baviera potrebbe superare il 15 percento. Male i partiti della coalizione del cancelliere tedesco Olaf Scholz: i socialdemocratici, i Verdi, i liberali hanno tutti perso voti rispetto a cinque anni fa. La ministra dell’Interno tedesca Nancy Faeser, capolista della Spd in Assia, ha definito “molto deludente” il risultato del suo partito alle elezioni di oggi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 24/02 10:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 23/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 24/02/2024 - ore 11:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 24-02-2024

  • PlayStop

    Terzo tempo di sabato 24/02/2024

    Nel rugby il terzo tempo è il dopo partita, quando gli animi si rilassano, si beve e si mangia insieme: questo è lo spirito con cui nasce questa trasmissione, che potrebbe essere definita una sorta di “spin off” di Esteri – in onda tutte le sere dal lunedì al venerdì dalle 19 alle 19:30 – oppure, prendendo in prestito la metafora sportiva, un “terzo tempo” di Esteri. Sarà una mezz’ora più rilassata rispetto all’appuntamento quotidiano, ricca di storie e racconti, ma anche di musica. A cura di Martina Stefanoni

    Terzo tempo – il settimanale di Esteri - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di sabato 24/02/2024

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Andrea Di Stefano si addentra nei meandri della finanza cercando di svelare paradisi fiscali, truffe e giochi borsistici in Italia e all’estero. Una cronaca diversa dell’economia e della finanza nell’era della globalizzazione e del mercato come icona assoluta.

    Il giorno delle locuste - 24-02-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 24/02/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 24-02-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di sabato 24/02/2024

    Svegliarsi con la musica libera di Radio Popolare

    Apertura musicale - 24-02-2024

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/02/2024

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda le scorribande musicali dei due suonatori d’ottone in giro per la città, assecondate da artisti formidabili e straordinari.

    Slide Pistons – Jam Session - 23-02-2024

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 23/02/2024

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 23-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 23/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-02-2024

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 23/02/2024

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di Bologna e l’associazione Arte e Salute Onlus. Il progetto PSICORADIO è composto da due momenti intrecciati: un corso di formazione per operatori radiofonici rivolto a utenti dei servizi psichiatrici del dipartimento di salute mentale di Bologna e provincia, tenuto da professionisti della comunicazione guidati dalla direttrice della testata, prof. Cristina Lasagni (Università della Svizzera italiana). una testata radiofonica, Psicoradio, regolarmente registrata al tribunale di Bologna, che si occupa dei temi della salute mentale. I programmi di Psicoradio privilegiano i territori della psiche nei suoi incroci con il sociale e la cultura. Tutti gli argomenti – dalla cronaca all’arte – sono guardati da un punto di vista prevalentemente psicologico. Nelle trasmissioni si incrociano vari registri: poetici, informativi, ironici, scientifici, narrativi, autobiografici, assieme alle voci di chi la sofferenza psichica la sta attraversando. l corso di formazione per operatori radiofonici, articolato in tre anni, è tenuto da professionisti della comunicazione, della cultura, dell’arte, della psichiatria. Nel corso si apprendono i saperi classici del “fare radio”: quelli tecnici (registrazione, montaggio, regia); quelli giornalistici (l’intervista, l’inchiesta, ecc); quelli che servono per ideare e costruire una trasmissione, un palinsesto; e ciò che riguarda la programmazione musicale. Oltre ai contenuti prettamente comunicativi il corso aggiunge ambiti “psi”: per esempio, la psichiatria e la psicologia, nelle loro storie ed evoluzioni, ma anche terreni meno conosciuti ma oggi importanti come quelli dell’etnopsichiatria. Nei primi 5 anni di attività Psicoradio ha realizzato più di 220 trasmissioni nazionali, circa 20 trasmissioni per altre testate e 20 trasmissioni in diretta. Ha anche realizzato campagne di sensibilizzazione e comunicazione e convegni su temi cari alla redazione: nel 2008 la ricerca Follia scritta, sulle parole della salute mentale nella stampa nazionale, nel 2010 la campagna Basaglia piace solo in tv?, per la difesa della legge 180 e contro alcuni progetti di legge di modifica e nel 2011 Cronisti della mente, incontro delle radio che trattano la salute mentale.

    Psicoradio - 23-02-2024

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 23/02/2024

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. A cura di Elena Mordiglia.

    Sui Generis - 23-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 23/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 23/02/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 23/02/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 23-02-2024

Adesso in diretta