Approfondimenti

La tentata evacuazione di cento civili da Mariupol, le manifestazioni del primo maggio e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 1 maggio 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Poco fa l’amministrazione comunale di Mariupol ha annunciato che l’evacuazione di 100 civili dall’acciaieria Azovstal, che sarebbe dovuta iniziare nel pomeriggio, è stata rinviata a domani per motivi di sicurezza. Al vertice europeo di domani a Bruxelles sulle sanzioni energetiche alla Russia si dovrebbe arrivare uno stop alle importazioni di petrolio da Mosca. Il primo maggio, la giornata delle lavoratrici e dei lavoratori tra piazze, cortei, ed il ritorno dei concerti. Ma anche in una congiuntura economica molto difficile e con la guerra a fare da sfondo. Una storia che racconta il precariato delle lavoratrici e dei lavoratori degli appalti la cui dignità viene spesso calpestata, con pochissime tutele. Giorgia Meloni prova a ripulire l’immagine di Fratelli d’Italia e, a parole, lotta contro la sinistra e contro Salvini e Berlusconi. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

La tentata evacuazione di cento civili dall’acciaieria Azovstal di Mariupol

Sarebbe iniziata nel pomeriggio l’evacuazione di cento civili dall’acciaieria Azovstal di Mariupol in Ucraina, ultima resistenza ucraina della città conquistata dall’esercito russo. Ad annunciarlo è stato anche il presidente Volodymyr Zelensky, poi c’è stata la conferma del ministero della difesa di Mosca, che ha confermato la consegna a rappresentanti dell’Onu e della Croce Rossa.
Poco fa l’amministrazione comunale di Mariupol ha annunciato che l’evacuazione è stata rinviata a domani per motivi di sicurezza.
A Zaporizha abbiamo raggiunto Lorenzo Cremonesi del Corriere della Sera per cui è vero che ci sono conferme autorevoli ma si attende l’arrivo dei profughi visti precedenti.

A kramatorsk e dintorni nel Donbass è stata un’altra giornata di bombardamenti, come ci ha raccontato il nostro collaboratore Sabato Angeri



Il Vertice europeo sulle sanzioni energetiche alla Russia

Al vertice europeo di domani a Bruxelles sulle sanzioni energetiche alla Russia si dovrebbe arrivare uno stop alle importazioni di petrolio da Mosca.
E’ stato infatti trovato un accordo affinché il petrolio grezzo che dovrà arrivare in Germania al posto di quello russo possa essere raffinato in Polonia.
Anche sul gas ci dovrebbero essere provvedimenti. Fino a domani proseguiranno gli incontri bilaterali della Commissione Europea con i singoli paesi.
Sentiamo alcuni particolari delle nuove sanzioni energetiche da Andrea Di Stefano.

 

Primo maggio, la festa dei lavoratori tra la guerra e l’inflazione che si mangia i salari

Il primo maggio, la giornata delle lavoratrici e dei lavoratori tra piazze, cortei, ed il ritorno dei concerti. Ma anche in una congiuntura economica molto difficile, soprattutto proprio per chi lavora e per i redditi più bassi, e con la guerra a fare da sfondo. Temi che sono entrati nelle manifestazioni di oggi, e su cui si attendono gli interventi annunciati per domani nel consiglio dei ministri, ne parleremo tra poco.
I segretari di Cgil Cisl e Uil erano ad Assisi, luogo simbolo scelto proprio in nome della pace “al lavoro per la pace” era il titolo dell’iniziativa.
Nelle manifestazioni di oggi sono emersi i problemi ormai cronici del lavoro italiano: i salari bassi, l’alto tasso di precarietà, i morti sul lavoro. E le crisi industriali, tornate a crescere: oltre 70 al ministero dello sviluppo economico.
Dalle piazze, la denuncia dell’immobilismo del governo: dal dibattito politico sono scomparse le proposte di legge sul salario minimo e sulla rappresentanza sindacale, l’anno scorso, nell’anno record di crescita del precariato, il governo aveva allargato le maglie dei contratti a termine. Poi le critiche a Confindustria che sta bloccando i rinnovi contrattuali che riguardano oltre metà dei lavoratori dipendenti.
Domani prima Draghi vedrà i partiti di maggioranza per la cabina di regia, poi il consiglio dei ministri, poi la conferenza stampa. Il governo dovrebbe stanziare tra i 6 e gli 8 miliardi di aiuti su beni energetici, bollette, focalizzati soprattutto sulle imprese: 3 miliardi su appalti e rincaro dei materiali, sblocco dei rigassificatori e via libera al pieno regime per le centrali a carbone, ampliamento del credito d’imposta per le aziende energivore. Dovrebbe esserci un ampliamento del bonus sociale per le bollette, ci sarà di sicuro una proroga per il superbonus sulle villette, mentre non è chiaro se verranno messi soldi per un una tantum ai redditi più bassi.
Il governo non ha voluto procedere ad un nuovo scostamento di bilancio, né altri interventi di redistribuzione del reddito.

Padova, la storia simbolo della precarietà di lavoratrici e lavoratori degli appalti

Una storia che racconta il precariato, di cui anche la pubblica amministrazione è un enorme bacino con le esternalizzazioni, gli appalti. Lavoratrici e lavoratori la cui dignità viene spesso calpestata, con pochissime tutele. Una storia simbolo arriva dal Triveneto. 150 lavoratrici delle pulizie, che lavoravano per una società in appalto per pulire gli uffici dell’agenzia delle entrate in Friuli, Trentino, Veneto. Al cambio di appalto in dicembre la vecchia società è sparita senza pagare due stipendi e il TFR. Sono state riassunte dalla nuova cooperativa, ma se il governo cancellerà l’obbligo di clausola sociale, rendendola facoltativa, come già votato al senato, anche il loro posto di lavoro tornerà a rischio. Luca Dall’Agnol dell’Adl Cobas di Padova

 

Meloni contro tutti e specialmente contro Berlusconi e Salvini

(di Luigi Ambrosio)

Il senso della convention di Fratelli d’Italia a Milano Giorgia Meloni lo rende con un gesto, verso la fine del suo comizio di chiusura: le mani alzate, ben divaricate, chiuse a pugno con gli indici sollevati. “Di qua la sinistra, di qua noi. Scegliete con chi stare”.

Ce l’aveva con gli alleati del centrodestra. Nel fine settimana al centro congressi in mezzo ai grattacieli di Milano, luogo scelto per accreditarsi anche come partito del mondo produttivo e non solo dei palazzi romani, si sono viste tre cose: il tentativo di dare una ripulita all’immagine, il tentativo di dimostrare di avere una classe dirigente pronta a governare e la lotta che a parole è contro “la sinistra” ma nei fatti è contro Berlusconi e Salvini.[CONTINUA A LEGGERE]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 24/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 24/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 24/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 24/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 24/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 24/05/2022

    Parliamo della guerra in Ucraina con Emanuele Valenti e la professoressa Giordana Pulcini, Lorenzo Cremonesi ci presenterà il suo libro…

    Prisma - 24/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 24/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 24/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 24/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di martedì 24/05/2022

    ..Il Caffè Nero Bollente del martedì con musica, sfoglio dei giornali e il punto televisivo di Roberta Talia.

    Caffè Nero Bollente - 24/05/2022

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 24/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 24/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 23/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 23/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 23/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 24/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 24/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 24/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 24/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 24/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 24/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 24/05/2022

Adesso in diretta