Approfondimenti

Rajieen: “sto per ritornare”. Venticinque artisti per Gaza

rajieen

Il video si apre con una carrellata dall’alto su uno scenario di apocalittiche distruzioni, a Gaza; e la canzone, in arabo, comincia così: “Abbiamo dimenticato che sono sulla mia terra, e questo è il mio paese, e nel mio paese sono imprigionato?” Poi iniziano ad apparire i venticinque cantanti che si passano il testimone nel corso degli otto minuti del brano. “E qui – continua la canzone – noi bagniamo il suolo di lacrime e del sangue dei suoi difensori; il nostro paese è nostro, dal mare al fiume” – e per un attimo appaiono dei bambini, attoniti in mezzo alle macerie. “Spesso ci dicono che il domani sarà migliore, ma noi vediamo soltanto oppressione. Tutto quello che abbiamo chiesto, era la libertà di vivere, ma quello che abbiamo ricevuto in cambio sono state la morte e la deportazione”. E più avanti: “Che crimine ha commesso il bambino assassinato che sognava solo un semplice avvenire?”. Chi canta questi ultimi versi è Afroto, una star di rinomanza mondiale dell’hip hop egiziano; ed è una star della musica giordana, Alnajjar, a cantare il ritornello che viene poi ripreso più volte nella canzone: “Ma la chiave della mia casa rimane nel mio cuore, e io sto per ritornare con i miei bambini fra le braccia; anche se tutto il mondo è contro di me, sto per ritornare; mia terra, sto per ritornare”.
Rajieen, questo il titolo del brano, cioè appunto “sto per ritornare”, è stato pubblicato alla fine di ottobre da Empire, etichetta creata dal palestinese Ghazi Shami: disponibile sulle piattaforme anche con sottotitoli in inglese, francese e spagnolo, la canzone ha totalizzato milioni di visualizzazioni, con ricavati destinati a sostenere il Palestine Children’s Relief Fund. Il video, che alterna i cantanti con immagini di distruzione e morte a Gaza, ma anche altre, che rappresentano idealmente il futuro, e la continuità della identità palestinese, con bambini di Gaza che giocano, stato realizzato in Giordania. Afroto e Alnajjar non sono le uniche grandi star fra i venticinque giovani artisti mediorientali e nordafricani che si sono prestati per Rajieen: per esempio l’unica fra le cantanti a portare il velo, Ghaliaa Chaker, è una popolare artista siriana che vive negli Emirati Arabi Uniti, che su richiesta dell’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite ha creato una ninna nanna pensata per i bambini che si trovano nelle zone di guerra, che ha scritto sulla base dell’esperienza della sua famiglia e di siriani suoi conoscenti. I giovani cantanti, alcuni di origine palestinese, che hanno dato le loro voci e i loro volti per Rajieen, hanno tutti molto seguito, e in loro si riconoscono tanti ragazzi e ragazze delle ultime generazioni del mondo arabo e della diaspora araba. Molti dei cantanti e delle cantanti portano intorno al collo o sulle spalle la kefiah palestinese. L’effetto corale della canzone e del video è molto forte: Rajieen è sintomatica dell’emergere e del consolidarsi di una opinione pubblica giovanile araba globale, in grado di contrastare la narrazione sul conflitto israelo-palestinese che è stata fin qui dominante e che mostra in questa crisi di perdere colpi. Una delle strofe di Rajieen domanda: “Dove sono le nazioni arabe? È tempo di alzarsi!”; e in uno dei passaggi più forti la canzone dice sarcasticamente: “Mi spiace di non essere ucraino, mi spiace che la mia pelle non sia bianca, mi spiace per i miei bambini, mi spiace di avervi portato in un mondo ipocrita e ingiusto”. Dopo otto minuti il video si conclude con la scritta in inglese “We will return”, ritorneremo.

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 25/02/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 25-02-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 24/02/2024

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che hanno fatto la storia.

    10 Pezzi - 24-02-2024

Adesso in diretta