Approfondimenti

La guerra a Gaza si sposta verso sud, il flop dei sovranisti a Firenze e le altre notizie della giornata

Gaza durante il cessate il fuoco

Il racconto della giornata di domenica 3 dicembre 2023 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Il nord della striscia è ormai quasi completamente sotto il controllo israeliano e i carri armati israeliani si stanno spostando verso sud. “L’eliminazione dei combustibili fossili sarebbe un ritorno alle caverne”: sono parole del presidente della Cop28, la conferenza internazionale sul clima, in corso in questi giorni a Dubai. Confermato a Firenze il flop annunciato del convegno dei sovranisti europei guidato dal leader della Lega Matteo Salvini. Padova si prepara ad accogliere migliaia di persone per il funerale di Giulia Cecchettin, e suo padre Gino mette giù il discorso che vuol fare in chiesa, mentre le indagini su Filippo Turetta proseguono veloci. Il generale Roberto Vannacci assumerà nei prossimi giorni l’incarico di capo di stato maggiore del comando delle forze operative terrestri.

La guerra a Gaza si sposta verso sud

La guerra a Gaza si sposta a sud. Mentre il nord della striscia è ormai quasi completamente sotto il controllo israeliano, i carri armati israeliani si stanno spostando verso sud, in particolare nell’area di Khan Younis, dove sono già in corso raid e combattimenti. Centinaia di migliaia di persone che dall’inizio della guerra sono state fatte sfollate in quest’area, ora sono costrette a scappare di nuovo, verso l’interno della striscia, costringendo la popolazione a vivere in spazi sempre più piccoli, con sempre più carenza di cibo, acqua e medicinali.
I morti nella striscia sono saliti a oltre 15.500 e più di 41mila feriti. Oggi è stato nuovamente colpito con un pesante raid israeliano anche il campo profughi di Jabalia, nel nord della striscia. Un corrispondente di Al Jazeera ha detto che “la portata della distruzione è indescrivibile” e che un intero blocco residenziale è stato raso al suolo con molte persone all’interno. Intanto i ribelli Houthi dello Yemen, alleati dell’Iran, hanno rivendicato attacchi a una nave americana e diversi mercantili nel Mar Rosso in risposta alla guerra a Gaza. Sentiamo Laura Silvia Battaglia, giornalista esperta di Yemen:

Gli Stati Uniti intanto dicono di continuare a lavorare con i mediatori e le parti in causa per il rilascio degli ostaggi. Ma nel suo ultimo discorso, il premier israeliano Netanyahu ha detto che gli ostaggi israeliani a Gaza “sono prigionieri dal Diavolo” e poi, riferendosi al leader di Hamas Yihya Sinwar, ha aggiunto “Come si fa a negoziare col Diavolo?”. Dichiarazioni che fanno pensare ad una chiusura totale, almeno per il momento, per la ripresa dei negoziati. Ne abbiamo parlato con Eric Salerno, giornalista esperto dell’area:


 

Le parole dell’emiro Al Jaber scuotono la Cop28

“L’eliminazione dei combustibili fossili sarebbe un ritorno alle caverne”: sono parole del presidente della Cop28, la conferenza internazionale sul clima, in corso in questi giorni a Dubai. Secondo l’emiro Al Jaber “nessuna scienza dimostra che un’uscita dai combustibili fossili è necessaria per limitare il riscaldamento globale a un grado e mezzo sopra i livelli pre-industriali”. Queste frasi, riportate oggi dal Guardian, Al Jaber le ha pronunciate circa dieci giorni fa in un confronto online con l’ex inviata Onu per il cambiamento climatico Mary Robinson. “Sono affermazioni preoccupanti e sull’orlo del negazionismo” ha replicato oggi il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres. I conflitti d’interesse di Al Jaber con le compagnie petrolifere sono segnalati da tempo dai movimenti per il clima. Serena Giacomin è presidente dell’Italian Climate Network:


 

Il flop dei sovranisti a Firenze

Confermato a Firenze il flop annunciato del convegno dei sovranisti europei. A fare gli onori di casa il segretario della Lega, Matteo Salvini, che snobbato dai principali alleati, Marine Le Pen e l’olandese Geert Wilders, ha cercato più che altro di ritagliarsi un po’ di visibilità rispetto a Giorgia Meloni. In risposta alla convention delle destre estreme, in città oggi ci sono state le contro-manifestazioni organizzate dalla rete democratica e antifascista fiorentina.

(di Alessandro Braga)

Apre la giornata con l’attacco a Tajani, che sbaglia strada a non voler cercare un’alternativa all’inciucio con la sinistra. La chiude con l’esortazione a riprendersi l’Europa, in una difficile battaglia del Davide sovranista contro il gigante Golia di banchieri e burocrati. Ma sono gli unici due squilli di una giornata che per Salvini ha rappresentato un flop, peraltro ampiamente annunciato. Le defezioni dei due ospiti più importanti, Marine Le Pen e Geert Wilders avevano di fatto già azzoppato la giornata dell’orgoglio sovranista voluta dal leader leghista. Nella sala superblindata 2mila persone, tutte su invito, in pratica le truppe cammellate salviniane.
Sul palco una dozzina di esponenti dei diversi partiti sovranisti europei hanno snocciolato i soliti slogan triti e ritriti della peggior destra: la lotta all’immigrazione, quella alle auto elettriche (nuovo must dell’ultradestra), la rifondazione di un’Europa dei popoli contro quella delle banche. Nello stesso momento sfilava per le vie della città la Firenze democratica, nel pomeriggio quella antifascista, per ribadire il proprio No a vecchi e nuovi fascismi. Se l’obiettivo di Salvini era unire come in Italia il centrodestra per andare al governo anche in Europa, non sembra esserci riuscito. Popolari e Conservatori europei continuano a definire indigeribili i compagni di viaggio della Lega. E la strategia iperpopulista e sovranista del segretario leghista potrà portarlo al massimo a racimolare qualche punto percentuale in più nelle urne del prossimo giugno, utile al massimo per alzare un pochino la voce nei confronti dell’alleata/nemica Meloni.

Le indagini sul femminicidio di Giulia Cecchettin

L’interrogatorio di nove ore, davanti al pm di Venezia, di Filippo Turetta, in carcere per il femminicidio di Giulia Cecchettin, viene definito esaustivo e non ne sono stati programmati altri, anche se non è escluso che gli inquirenti possano avere, poi, la necessità di risentirlo. Oggi Turetta ha incontrato per la prima volta i genitori in carcere a Montorio dove si trova recluso dalla scorsa settimana.

(di Lorenza Ghidini)

Mentre Padova si prepara ad accogliere migliaia di persone per il funerale di Giulia Cecchettin, e suo padre Gino mette giù il discorso che vuol fare in chiesa, le indagini su Filippo Turetta proseguono veloci. Gli inquirenti confrontano le sue dichiarazioni con le risultanze scientifiche, per capire se dice la verità. Il ragazzo ha raccontato di un delitto commesso d’impulso, la sua difesa punta evidentemente a evitare che gli venga contestata la premeditazione. Gli elementi dell’indagine però dicono altro: i coltelli che aveva con sè, lo scotch usato per chiuderle la bocca, i sacchi neri da buttare sul cadavere per nasconderlo. La legge dice che perché ci sia premeditazione è necessario che passi un certo lasso di tempo tra l’ideazione e l’esecuzione del delitto. Quanto, lo decide il giudice, il processo di giocherà su questo e sulla probabile perizia psichiatrica. 
Filippo Turetta ha ucciso Giulia Cecchettin con 20 coltellate, con ‘inaudita ferocia’ scrive il gip, lasciandola morire dissanguata a causa del colpo mortale, quello all’arteria del collo. L’autopsia ha rilevato ferite anche sulle mani: Giulia ha tentato di difendersi dal ragazzo che fino a poche settimane prima sentiva di dover proteggere, da gesti autolesionisti che avrebbe potuto commettere nella disperazione dell’abbandono. “Non accettavo che lei non fosse più mia” ha detto Turetta ai magistrati. Ma invece che farsi del male le ha chiesto un ultimo appuntamento, dove è andato coi coltelli, lo scotch, i sacchi neri.

Il nuovo incarico per il generale Vannacci

(di Luigi Ambrosio)

Si vorrebbe quasi pensare che lo abbiano promosso per neutralizzarlo. Ora Vannacci se ne starà alla sua scrivania di Capo di Stato Maggiore senza ruoli operativi ma con soli incarichi di ufficio, e così magari non gli verrà la tentazione di mollare la divisa e provare l’avventura politica. Mettiamola così.
Certo che è un bel salto da quando Crosetto, il ministro della Difesa, la scorsa estate affermava che le parole di Vannacci fossero farneticazioni personali a oggi, quando a Er Generale, come è stato subito ribattezzato a Roma, è stato affidato un nuovo incarico di grande pompa, anche se il ministero della Difesa e lo stesso Vannacci precisano che non si tratta di una vera promozione. Le decine di migliaia di copie vendute del suo libro pieno di visioni omofobe e reazionarie sono state un indubbio successo che ha convinto la maggioranza di governo a evitare di mettersi contro di lui, anche perché dal punto di vista ideologico le sue parole sono decisamente affini a quel mondo politico e, dettaglio non secondario, a molti suoi elettori ed elettrici. Meglio tenerselo buono. Parlarne bene magari. E lasciarlo dove sta. Vogliamo i generali, sì, a parte che non si trasformino in potenziali concorrenti.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 25/02 13:00

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 23/02/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 25/02/2024

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle 13.20 alle 14.00, a cura di Stefano Ghittoni.

    Comizi d’amore - 25-02-2024

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 25/02/2024

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci cambia, ci influenza e parla di noi. Ci può far stare bene o male in base a quello che scegliamo di avvicinare alla bocca. L’atto di cucinare e di mangiare ogni giorno è uno dei più importanti che possiamo fare. E va affrontato con consapevolezza, con conoscenza, oltre che con uno spirito divertito. Per questo Niccolò Vecchia a C’è di buono ogni settimana racconterà di prodotti e di cucina, raccogliendo storie contadine antiche e contemporanee, parlando di una cultura che può essere, insieme, popolare e raffinata.

    C’è di buono - 25-02-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 25/02/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 25-02-2024

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/02/2024

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti, le novità del dibattito culturale, soprattutto la passione della lettura e delle idee. Condotta da Roberto Festa

    La domenica dei libri - 25-02-2024

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/02/2024

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25-02-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 25/02/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 25-02-2024

  • PlayStop

    Emergenza di sabato 24/02/2024

    La trasmissione sulle novità musicali della scena emergente italiana. Per chi crede nel talento dei giovani artisti o ha solo voglia di scoprire nuova musica. Le canzoni in primo piano, ma anche tanti ospiti che ci raccontano la loro storia. Conduce La Melchi. - @lamelchi_

    Emergenza - 24-02-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/02/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 24-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-02-2024

  • PlayStop

    Warm-up di sabato 24/02/2024

    musica by Davide Facchini

    Warm-up - 24-02-2024

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 24/02/2024

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come recita la famosa canzone del fu Giacomo: Questo di sette è il più grandioso giorno, pien di speme e di gioia: di man tristezza e noia recheran l'ore, ed il travaglio usato ciascuno in suo pensier farà ritorno.

    Il sabato del villaggio - 24-02-2024

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/02/2024

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da vent’anni si occupa di novità musicali su queste frequenze. Ospiti, interviste, minilive, ma anche tanta tanta musica nuova. 50 minuti (circa…) con cui orientarsi tra le ultime uscite italiane e internazionali. Da ascoltare anche in Podcast (e su Spotify con le playlist della settimana). Senti un po’. Una trasmissione di Niccolò Vecchia In onda il sabato dalle 18.30 alle 19.30.

    Senti un po’ - 24-02-2024

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/02/2024

    Ogni sabato dalle 17.35 alle 18.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni e il fedele Fela.

    Stay human - 24-02-2024

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 24/02/2024

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e altre radio di Popolare Network, Radio Sonica, Radio Beckwith, Radio Zainet e Radio Onda d’Urto e altre ancora. In Jailhouse Rock storie di musica e di carcere si attraversano le une con le altre. Alla trasmissione collaborano detenuti del carcere romano di Rebibbia Nuovo Complesso e del carcere milanese di Bollate. Dando vita alla prima esperienza del genere, ogni settimana realizzano un Giornale radio dal carcere (Grc) in onda all’interno di Jailhouse Rock, nonché delle cover degli artisti ascoltati nella puntata. Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, a cura di Patrizio Gonnella e Susanna Marietti. http://www.jailhouserock.it/ https://www.facebook.com/Jailhouse-Rock-451755678297925/

    Jailhouse Rock - 24-02-2024

Adesso in diretta