Approfondimenti

Prove di riavvicinamento. Con molti dubbi

Il presidente cinese Xi Jinping e il suo omologo taiwanese Ma Ying-jeou si incontreranno il 7 novembre a Singapore. È il primo storico incontro a questo livello dal 1949, quando il Kuomintang riparò a Taiwan dopo la sconfitta nella guerra civile contro i comunisti. Si tratta dunque di un grande evento simbolico in cui si parlerà dei rapporti tra le “due Cine”, puntando a ciò che l’agenzia di Stato ufficiale di Pechino Xinhua definisce “soluzione pragmatica in base al principio di una sola Cina”.

Bisogna soffermarsi su questo principio di “una sola Cina”. Vi aderiscono sia il Partito comunista cinese sia il Kuomintang di Taiwan. Fa da base al cosiddetto “consenso del 1992”, una formula che regola i rapporti tra i due governi. In base a tale principio, entrambi concordano sul fatto che vi sia un solo Stato sovrano che comprende sia la Cina continentale sia Taiwan, ma non vi è invece accordo su quale dei due governi sia il legittimo rappresentante di tale Stato.

Pechino ritiene “sola Cina” la Repubblica Popolare e rivendica la sovranità su Taiwan, vista come una provincia momentaneamente separata; la quale, al momento della riunificazione, assumerà lo status di Zona Amministrativa Speciale, tipo Hong Kong.

Il Kuomintang si considera invece erede della rivoluzione Repubblicana del 1911 – quando le forze guidate da Sun Yat-sen abbatterono l’ultima dinastia imperiale – e quindi il rappresentante designato di “una sola Cina”. Nella stessa Taiwan, è però di diverso parere il Partito democratico progressivo, favorevole all’indipendenza anche formale dell’isola, che proprio per il dissenso tra i due lati dello stretto di Formosa sulla lettura da dare al principio di “una sola Cina”, lo considera di fatto nullo.

Quanto al resto del mondo, la Repubblica di Cina, cioè Taiwan, ha perso il suo seggio all’Onu nel 1971 a favore della Repubblica Popolare. Nel 1979, gli Stati Uniti riconobbero Pechino e misconobbero Taipei, giurando però di difenderla da qualsiasi aggressione militare. I membri Onu che accreditano Taipei come legittima Cina sono oggi solo 21. Il motivo è semplice: Pechino ha sempre imposto il principio per cui chi riconosce la Repubblica Popolare non può anche riconoscere la Repubblica di Cina. “Una sola Cina”, appunto.

Fin dal 1949, lo stretto di Formosa è ipermilitarizzato, ma quando Ma Ying-jeou è salito al potere nel 2008, i rapporti tra le due sponde sono migliorati. Proprio su questo riavvicinamento con il continente, l’attuale presdiente ha vinto le elezioni del 2008 e poi del 2012. La Cina offre prospettive economiche e poi il desiderio di riavvicinarsi alla terra d’origine resta latente in molti taiwanesi.

Ma oggi il clima è cambiato.

Tra 2013 e 2014, Taiwan è stata infatti percorsa da grandi proteste contro il Cross-Straits Service Trade Agreement, un patto di libero scambio tra Cina e Taiwan voluto sia dalla leadership di Pechino sia dal Kuomintang. Gli studenti sono arrivati perfino a occupare il parlamento di Taipei. Quindi il patto, già firmato nel 2013, non è poi stato ratificato dal governo di Taiwan e oggi resta nel congelatore.

Si tratta del classico accordo neoliberista, consente totale libertà di circolazione agli investimenti e ai flussi di capitale ma non alle persone fisiche. I giovani taiwanesi vi hanno visto il rischio di dumping sociale in arrivo dal continente e hanno temuto per il proprio futuro; il Partito democratico progressivo, dal canto suo, l’ha contrastato ritenendolo un altro passo verso il riavvicinamento con Pechino e temendo la concorrenza cinese nei confronti delle piccole imprese locali.

Si è creato così un nuovo blocco sociale sull’isola, nemico del riavvicinamento con la Cina e rafforzato dalle vicende di Hong Kong dell’anno scorso, quando si è capito che a Pechino “un Paese, due sistemi” viene generalmente letto solo fino alla virgola.

L’incontro tra Xi Jinping e Ma Ying-jeou di sabato prossimo, a Singapore, è quindi soprattutto sensibile per Taiwan, dato che il 16 gennaio ci sono le elezioni e il Kuomintang è dato perdente nei confronti del Partito democratico progressivo. Il presidente Ma cercherà di riguadagnare consenso, mantenendo lo status quo politico con la Cina e al tempo stesso rafforzando i legami economici. Il suo ufficio ha rilasciato un comunicato in cui parla di “consolidare la pace tra i due lati dello stretto” di Formosa, ma si è affrettato a specificare che non sarà firmato nessun accordo ufficiale né rilasciato alcun comunicato congiunto. È probabile che Pechino intenda assecondare questa strategia, che fa anche i suoi interessi. Si procede con estrema cautela, dunque, resta però il grande passo in avanti: i due leader si parlano.

  • Autore articolo
    Gabriele Battaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 14/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 14/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 14/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 14/08/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 14/08/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 14/08/2022

  • PlayStop

    Cosmic di domenica 14/08/2022

    Un titolo che richiama i primi lanci spaziali, vecchi film di fantascienza in bianco e nero, e ingenui giocattoli di…

    Cosmic - 14/08/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 14/08/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 14/08/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 14/08/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 14/08/2022

  • PlayStop

    Sister di domenica 14/08/2022

    SISTER - in cerca di alleatǝ - è una trasmissione musicale che tratta temi legati al femminismo attraverso la voce…

    Sister - 14/08/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 14/08/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 14/08/2022

  • PlayStop

    Walkman di domenica 14/08/2022

    Il decennio della Milano da bere raccontato in dieci puntate, attraverso le classifiche di vendita dei singoli e le storie…

    Walkman – Gli anni 80 su una C-60 - 14/08/2022

  • PlayStop

    Colazione a Pechino

    Siegmund Ginzberg corrispondente dalla Cina dal 1980 al 1987. Dopo averla ripensata e rimuginata a lungo, ha deciso di raccontarla…

    All you need is pop 2022 - 14/08/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 14/08/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 14/08/2022

  • PlayStop

    In carrozza - episodio 6

    Trans Europe express: un treno musicale europeo voci e musiche di: kraftwerk, beatles, becaud, adamo, theodorakis, hadjidakis, anders, anthony, lloyd…

    In carrozza! - 14/08/2022

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 13/08/2022

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 14/08/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 13/08/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 14/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 13/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 14/08/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 13/08/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 13/08/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/08/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 14/08/2022

  • PlayStop

    L'ingrediente segreto di sabato 13/08/2022

    Un programma di musica alla ricerca di quell’elemento nascosto che rende una canzone così speciale Perché “Walk on the Wild…

    L’ingrediente segreto - 14/08/2022

  • PlayStop

    La figlia del dottore di sabato 13/08/2022

    Stanchi del lavoro e spossati dalla calura estiva? Bisognosi di una caraffa di PoXase per poter riprendere le energie? Smettete…

    La figlia del dottore - 14/08/2022

  • PlayStop

    HiSporty di sabato 13/08/2022

    Storie di sport e società a cura di Andrea Cegna.

    HiSporty - 14/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/08/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 14/08/2022

Adesso in diretta