Approfondimenti

Pierfrancesco Favino vince il premio Gian Maria Volontè

Pierfrancesco Favino

Pierfrancesco Favino è l’attore italiano più premiato in questo 2020. Dopo il David di Donatello e il Nastro d’Argento, nei giorni scorsi l’attore romano ha ricevuto il premio dedicato a Gian Maria Volonté alla 17esima edizione del festival «La valigia dell’attore» che si è chiuso all’isola di La Maddalena, in Sardegna.

L’intervista di Barbara Sorrentini a Chassis.

Che effetto ti fa ricevere questo premio dedicato a Gian Maria Volonté?

È una bella coccarda da mettersi addosso, soprattutto per un attore che ho studiato, ammirato e ho sempre visto come un faro inarrivabile. Essere associato a questo nome mi onora e mi fa enormemente piacere, anche per l’affetto che ho per Giovanna Gravina Volontè e per questo posto dove sono stato già altre volte.

Come hai scoperto Gian Maria Volonté?

Gian Maria Volonté secondo me è un attore che si scopre più tardi rispetto ad altri essendo meno immediato. La prima cosa che ricordo di aver visto è stato “Porte Aperte” e dopo sono andato a scoprire tutto quello che non avevo già scoperto in precedenza, fino ad arrivare anche a piccole cose meno conosciute e meno note, come le cose televisive e alcuni spettacoli teatrali.

Quali dei personaggi che lui ha interpretato ti piacerebbe interpretare?

Penso che Giordano Bruno sia un personaggio che mi interesserebbe molto investigare, ma ce ne sono talmente tanti. Quando sei, anche involontariamente, legato ad un attore per averlo ammirato così tanto e per averlo visto così tanto, ci sono delle cose che forse ti sfuggono, ti scappano e che non ti rendi conto di aver colto. Un altro personaggio meraviglioso è il Caravaggio televisivo. Quella è una delle maggiori evidenze della modernità dell’espressività di Volonté. Forse non ci si rende conto fino in fondo che Volonté è stato per l’Italia quello che Marlon Brando è stato negli Stati Uniti. È stato di colpo l’intervento della recitazione moderna, il primo che ha portato a questa modernità e in Caravaggio questa cosa è molto evidente.

Come entri nei personaggi e cosa ti resta?

Sono personaggi diversi con sceneggiature diverse e registi diversi. Seguo sempre il dettame e il desiderio del regista, cerco di capire qual è la valigetta di attrezzi che il regista vuole che porti dal piccolo garage che io nel frattempo ho messo su. Quando si ha a che fare con personaggi reali l’approccio è quello dello studio, dell’osservazione del dettaglio, la lettura quello dell’osservazione anche del dettaglio, la lettura e la messa in discussione. Poi, arrivati al punto in cui hai costruito questo territorio di nozioni e di conoscenza, inizi ad entrare in una dinamica più mimetica. Inizi a domandarti il perché di alcuni comportamenti, magari all’inizio provando semplicemente a rifarli, fino a quando non diventano un’abitudine che nasconde un’ipotesi del perché loro fanno certe cose. Non è tanto il rifare quelle cose, ma domandarsi cosa c’è dietro e qual è il bisogno. E questo, piano piano, arriva anche ad aprire delle domande e delle ipotesi sulla loro intimità e sulla loro vita più profonda, che poi alla fine credo sia quello che interessa allo spettatore.

Com’è stato creare un film durante il lockdown?

Noi eravamo fortunatamente già arrivati alla fine delle riprese quindi potevamo in qualche modo già occuparci del montaggio. E il montaggio è stato possibile anche in quella brutta frase che è lo smart working. Siamo riusciti a finalizzare il film come volevamo, con dei tempi un po’ più larghi di quelli che avevamo immaginato, ma sono estremamente felice di questa opportunità. L’unica cosa di cui ho paura adesso è che questa realtà possa venir manipolata. Io seguo fermamente quello che mi viene detto, sia io che la mia famiglia, continuiamo a girare con le mascherine e stiamo molto attenti, però ho paura che il passo successivo, per una persona che fa un mestiere in cui la condivisione è necessaria, sia che questa manipolazione possa portare ad un isolamento che va al di là del nostro isolamento fisico, un isolamento personale. Questo mi spaventa perché secondo me degli aspetti psicologici di questa realtà non siamo ancora consapevoli. Ce ne sono moltissimi che stanno già lavorando dentro di noi e che continueranno a lavorare dentro di noi. E dobbiamo fare in modo che questa cosa non venga utilizzata in un Mondo che, invece, mi sembra già tendere all’isolamento e all’individualismo in maniera molto forte.

Foto dalla pagina Facebook di Pierfrancesco Favino

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 30/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 30-05-2023

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 30/05/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 30-05-2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 30/05/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 30-05-2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Note dell’autore di martedì 30/05/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è letteratura, saggistica, poesia, drammaturgia e molto altro. Tutto concentrato in sei minuti, più o meno il tempo di un caffè!

    Note dell’autore - 30-05-2023

  • PlayStop

    Prisma di martedì 30/05/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle 9.00 alle 10.30 Due ore insieme tra storie vicine e lontane, i fatti del giorno, i reportage, sempre con il microfono aperto ad ascoltatori e ascoltatrici. Nell’epoca delle verità uniche saremo Prisma. Prisma è condotto da Lorenza Ghidini. In redazione Massimo Alberti

    Prisma - 30-05-2023

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 30/05/2023

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30-05-2023

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 30/05/2023

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate del 1999 con il consolidamento del palinsesto e della redazione ha iniziato a trasmettere regolarmente un’ora di rock progressivo alla settimana. La redazione è composta da Renato Scuffietti, collaboratore di lunga data di Radio Popolare con un grande passione per il prog canonico dei megagruppi dei seventies e dalla ondata albionica di newprog (Marillion, Pendragon, Twelfth Night) e da Matthias Scheller, fan del prog sinfonico, della scena italiana e attento osservatore della cosiddetta borderline progressiva (psichedelia, space, gotico). Nata quasi come divertissement la trasmissione in brevissimo tempo è diventato un preciso punto di riferimento, presentando novità, i grandi classici, fanzine, oscuri inediti, intervistando band, case discografiche, recensendo concerti e dedicando piccole ma preziose monografie ai sottogeneri.

    From Genesis To Revelation - 29-05-2023

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lunedì 29/05/2023

    Come suggerisce il titolo della trasmissione, presente nel palinsesto di Radio Popolare fin dagli inizi, Jazz Anthology ripercorre la ormai lunga vicenda del jazz proponendone momenti e artisti salienti. Al di là della varietà delle sue forme, per Jazz Anthology questo genere è un fenomeno unitario di innovazione musicale in rapporto con una tradizione di matrice neroamericana. Jazz Anthology vuole quindi valorizzare sia la pluralità degli aspetti del jazz che la continuità della sua storia, dedicando la propria attenzione a tutte le epoche di questa musica, dal New Orleans al bebop, fino alle espressioni più audaci degli ultimi decenni. Il programma si articola soprattutto in serie di trasmissioni a carattere monografico, con l’intenzione – in un contesto mediatico che al jazz dà pochissimo spazio e in modo molto dispersivo – di dare così un contributo alla diffusione di una effettiva cultura del jazz. La sigla di Jazz Anthology è Straight Life (Art Pepper), da Art Pepper meets The Rhythm Section (1957, Contemporary/Original Jazz Classics)

    Jazz Anthology - 29-05-2023

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 29/05/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29-05-2023

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 29/05/2023

    Una trasmissione settimanale  a cura di Anaïs Poirot-Gorse con in regia Nicola Mogno. Una trasmissione nata su Shareradio, webradio metropolitana milanese in questo momento di emergenza, cercando di ridare un spazio di parola a tutti i ragazzi dei centri di aggregazione giovanili di Milano con cui svolgiamo regolarmente laboratori radiofonici.

    La Pillola va giù - 29-05-2023

  • PlayStop

    Il Suggeritore Night Live di lunedì 29/05/2023

    Il Suggeritore, la storica trasmissione di teatro di Radio Popolare, ha compiuto 17 anni e può uscire da sola la sera! Ora, infatti, si chiama Il Suggeritore Night Live e va in onda in diretta ogni lunedì, dalle 21.00 alle 22.00, dall’Auditorium “Demetrio Stratos” di Radio Popolare: un night talk-show con ospiti da vari ambiti dello spettacolo dal vivo, che si raccontano ai nostri microfoni e propongono estratti dai loro lavori, nella serata in cui tradizionalmente il teatro osserva il riposo. Finalmente possiamo accogliere i nostri ascoltatori in auditorim: quindi vi aspettiamo dalle 20.00 in veste di pubblico privilegiato di Il Suggeritore Night Live.

    Il Suggeritore Night Live - 29-05-2023

  • PlayStop

    Venti Verticale di lunedì 29/05/2023

    Incrocio di opinioni, punti di vista e interviste sui fatti dell'attualità, col passo del settimanale. Conduce Massimo Bacchetta. Lunedì dalle 20 alle 21

    Venti Verticale - 29-05-2023

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 29/05/2023

    1-Trattato contro l’inquinamento da plastica. Da oggi a Parigi 175 paesi riuniti per trovare un accordo storico. Il secondo round dei negoziati segnato dagli obiettivi ambiziosi dell’unione europea. Contrari Cina, stati uniti e la lobby della petrolchimica. ( Luisa Nannipieri) 2-Spagna, il giorno dopo la disfatta delle sinistre. A sorpresa Pedro Sanchez si dimette da premier e convoca le legislative per il 23 luglio. ( Giulio Maria Piantadosi) 3-Ucraina. Aspettando la controffensiva, Kiev e Mosca moltiplicano gli attacchi aerei e gli annunci propagandistici. ( Emanuele Valenti) 4-Turchia. Vince Erdogan e il nazionalismo. L’opposizione, senza idee, non è stata all’altezza della grande sfida. ( Serena Tarabini9 5-Brescia – Bosnia Erzogovina. 30 anni fa l’uccisione di tre volontari, Guido Puletti, Sergio Lana e Fabio Moreni. ( Intervista a Agostino Zanotti) 6-Sport e molestie sessuali. In india i più famosi lottatori in piazza per chiedere l’arresto del presidente della federazione di wrestling. ( Martina Stefanoni) 7-Serie TV. Su Paramount plus la prima stagione di “ Evil “ ( Alice Cucchetti – Film Tv)

    Esteri - 29-05-2023

Adesso in diretta