Approfondimenti

Perché Mosca ha schierato proprio ora più di 150mila uomini al confine con l’Ucraina?

Putin Ucraina ANSA

Josep Borrell, Alto Rappresentante per la Politica Estera dell’Unione Europea, ha detto che Mosca ha ammassato in Crimea e al confine con l’Ucraina oltre 150mila uomini. I numeri sono più alti di quelli dati nei giorni scorsi dallo stesso governo di Kiev.

La guerra nell’est dell’Ucraina, cominciata 7 anni fa, nella primavera del 2014, è rimasta per lungo tempo un conflitto congelato, ancora di più dopo l’ultimo cessate il fuoco, del luglio scorso. Nel 2021, invece, c’è stata una graduale e nuova escalation. Nelle ultime settimane sono ripresi gli scontri sulla linea del fronte, nel Donbass, e quasi in contemporanea Mosca ha spostato uomini e mezzi verso la frontiera ucraina.

Per quale motivo proprio adesso? Sicuramente il fatto che il primo accordo tra le parti del 2015, una specie di accordo di pace siglato a Minsk, non sia mai stato implementato non aiuta. Ma la decisione di Putin, che forse lui stesso chiarirà nell’annuale discorso sullo stato della nazione mercoledì prossimo, sembra soprattutto una risposta a mosse o prese di posizione soprattutto dell’Occidente e allo stesso tempo un messaggio a Stati Uniti e Unione Europea.

Nei mesi scorsi la Corte Europea per i Diritti Umani ha accolto un ricorso dell’Ucraina per la violazione dei diritti umani in Crimea, in ambito ONU Mosca è stata accusata di ostacolare la soluzione del conflitto nell’est dell’Ucraina, il presidente ucraino Zelensky ha chiesto nuovamente l’adesione alla NATO, Kiev ha bloccato ancora una volta media vicini alla Russia, e non da ultimo a inizio marzo il presidente del Consiglio Europeo, Charles Michel, durante una visita alla linea del fronte nel Donbass, ha ribadito che in questa situazione Bruxelles manterrà le sanzioni alla Russia.

Il Cremlino sta quindi pensando a un’invasione dell’Ucraina? La maggior parte degli analisti russi lo esclude, anche se difficilmente Mosca starà a guardare nel caso ci fosse un grosso attacco contro le repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk. Oltretutto centinaia di migliaia di persone, in quelle regioni, hanno ormai il passaporto russo.
Ma l’obiettivo di Putin è quello di lanciare alcuni segnali molto chiari: il futuro dei paesi confinanti con la Russia e con un passato legato alla Russia – in sostanza quelli nell’ex-spazio sovietico – non può essere deciso dall’Occidente e in ogni caso a nostro svantaggio. Quindi la Russia c’è e non starà a guardare e al governo di Kiev non conviene intensificare le operazioni militari.

In questo senso la visita di Charles Michel che citavamo prima potrebbe essere stata letta come una provocazione. Da questo punto di vista le manovre militari di queste settimane sarebbero un grosso deterrente.

Poi c’è il probabile messaggio diretto all’amministrazione Biden. Meglio non adottare nuove sanzioni, perché noi siamo in grado di mettere in crisi gli interessi occidentali o comunque quelli di chi stringe alleanze con l’Occidente – la questione dell’adesione alla NATO da parte di Kiev. Da questo punto di vista il Cremlino vuole anche testare la Casa Bianca. Nei giorni scorsi Biden ha chiamato direttamente Putin.

Il messaggio potrebbe essere passato. Washington avrebbe infatti ritirato la richiesta di far passare dal Bosforo due navi da guerra da piazzare nel Mar Nero.
La questione rimane comunque molto delicata e ogni sviluppo è possibile. L’Europa sa bene, o dovrebbe sapere bene, che bisogna evitare provocazioni. I ministri degli esteri oggi non hanno adottato nuove sanzioni.

Le cancellerie europee, come in passato, non sono poi sempre sulla stessa linea. E tra i nodi c’è una questione che interessa la Germania, non un Paese a caso, la finalizzazione del North Stream 2, che dovrebbe portare il gas russo in Germania passando dal Baltico.

  • Autore articolo
    Emanuele Valenti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 13/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 13/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'ingrediente segreto di sabato 13/08/2022

    Un programma di musica alla ricerca di quell’elemento nascosto che rende una canzone così speciale Perché “Walk on the Wild…

    L’ingrediente segreto - 13/08/2022

  • PlayStop

    HiSporty di sabato 13/08/2022

    Storie di sport e società a cura di Andrea Cegna.

    HiSporty - 13/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/08/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 13/08/2022

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/08/2022

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare…

    Sing Sing Sing - 13/08/2022

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/08/2022

    Oggi a Letti e Lettini, il settimanale estivo di Radio Popolare dedicato ai libri in onda il sabato alle 11.00,…

    Letti e lettini - 13/08/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/08/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 13/08/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di venerdì 12/08/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 08/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 12/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 08/12/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/12/2022

  • PlayStop

    Popsera di venerdì 12/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 08/12/2022

  • PlayStop

    La Portiera di venerdì 12/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 08/12/2022

  • PlayStop

    Il mondo dello spettacolo dopo la pandemia

    Ne parlano: Roberto Rampi – Senatore PD, Roberto D’Ambrosio, sindacalista CUB Spettacolo e lavoratore Scala, Silvia Comand, presidentessa Bauli in…

    All you need is pop 2022 - 08/12/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/08/2022 delle 15:37

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 08/12/2022

  • PlayStop

    Episodio 10 - Mr. Morale & The Big Steppers

    Forse il suo disco più personale, Mr. Morale & The Big Steppers aggiunge un nuovo capitolo al grande romanzo dell’America…

    The Good Kid from Compton - 08/12/2022

  • PlayStop

    Episodio 10 - Mr. Morale & The Big Steppers

    Forse il suo disco più personale, Mr. Morale & The Big Steppers aggiunge un nuovo capitolo al grande romanzo dell’America…

    The Good Kid from Compton - 08/12/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 12/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 08/12/2022

Adesso in diretta