Approfondimenti

Perché la sicurezza non è al primo posto?

sicurezza

Cosa serve per la sicurezza sul lavoro, oltre a protocolli e controlli? Fatti concreti e una cultura che renda la sicurezza un fatto positivo sempre da migliorare. Ecco una storia esemplare, che riguarda la fiera di Milano e il Salone del Mobile dove domenica scorsa, il giorno prima dell’inaugurazione, è morto un installatore cadendo da una scala (si chiamava Gaetano Faraoni, aveva 64 anni). Nei giorni scorsi gli ispettori sono andati a verificare lo smontaggio di stand e installazioni che avviene in pochi giorni, lavorando a ritmi intensi ed hanno rilevati irregolarità così gravi in uno stand del padiglione 7, uno di quelli del design, che hanno segnalato il tutto alla magistratura. Hanno trovato irregolarità anche sul fronte della legalità del lavoro, con persone che cercavano di allontanarsi dagli stand per non essere identificate.

Che i controlli ci siano bene, no? E la settimana è stata intensa per gli ispettori del settore palchi e fiere perché oltre alla kermesse del mobile hanno setacciato anche tanti palchi ed eventi del rilancio milanese e hanno rilevato condizioni di insicurezza anche attorno a importanti concerti. Perché non conta il prestigio dell’evento ma la catena dell’appalto e dei controlli che se fossero davvero serrati scoprirebbero probabilmente irregolarità in ogni dove. Il punto, però, non è tanto cosa hanno scoperto gli ispettori o la gravità dei fatti o quanti sono gli ispettori. Non siamo alla caccia alle streghe. Il tema sono piuttosto le istituzioni, i media e una certa ipocrisia generalizzata.

La Fiera di Milano ha firmato in questi anni due protocolli con Ats e Prefettura, uno sulla sicurezza e uno sulla legalità, buoni protocolli con ottimi principi che non prevedono però l’agibilità, cioè la presenza e la possibilità di verifica e denuncia dei rappresentanti della sicurezza dei lavoratori, dei sindacati, di obblighi di verifica e controllo in concreto su quello che succede. La Fiera, ad esempio, affitta gli spazi alle aziende espositrici e non ha obbligo di controlli, fa firmare delle carte ed è a posto. Per carità, se sicurezza e legalità sono almeno un obbligo formale abbiamo fatto un passo avanti ma pensiamo sia chiara l’urgenza dei fatti, degli incidenti, dei morti di questa ripresa tra bonus e fretta di tornare alla cosiddetta normalità. Quindi non basta.

Perché alla fine è una questione di cultura. La stessa che fa sì che Salone e Fiera non abbiano comunicato i controlli e i loro esiti, perché forse pensano non siano una notizia di rilevanza pubblica o magari facciano cattiva pubblicità all’evento. E invece è proprio dicendolo, facendosene carico, in maniera trasparente che avrebbero dato un segnale positivo e dimostrando che la sicurezza è importante ed è un obiettivo sempre, sempre migliorabile, sempre sotto la nostra attenzione. Perché vengono prima mani, gambe e vita delle persone di qualsiasi lavoro. Ovviamente non è tutto da buttare, gli sforzi ci sono, ma abbiamo ancora questo passo fondamentale da compiere: prima del marketing, della convenienza, della scadenza… c’è la sicurezza.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 27/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/06/2022

Adesso in diretta