Approfondimenti

Non c’è accordo sulla proroga ai licenziamenti, il centrodestra milanese sbanda e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di giovedì 24 giugno 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Manca una settimana alla fine del blocco dei licenziamenti, ma ancora non c’è nessun accordo del governo sulle proroghe. Che cosa succederà ai lavoratori? La multinazionale Whirpool è stata la prima ad aprire le danze, annunciando che dal primo luglio lascerà a casa i 350 lavoratori di Napoli, cui se ne sommeranno altrettanti per l’indotto. Ancora non c’è un candidato per il centrodestra milanese: la rinuncia di Oscar di Montigny è come l’imprevisto del monopoli che fa tornare al via. Infine l’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia.

Decreto Sostegni, i sindacati: “Si rischia la rottura sociale”

La situazione è cristallizzata: non c’è accordo nel governo su eventuali proroghe. Oggi i sindacati sono tornati a insistere: si rischia la rottura sociale, ha detto Landini. Sbarra della Cisl ha chiesto che venga cambiato il decreto Sostegni, lo ha fatto lanciando le manifestazioni dei sindacati confederali previste sabato prossimo. Mattia Guastafierro ne ha parlato con Giovanna Fullin, sociologa del lavoro UniMi Bicocca.

Montigny rinuncia, il centrodestra è nel caos

(di Alessandro Braga)

Che ad augurarsi che Salvini e company riescano a trovare un candidato forte per la sfida a Milano sia Giuseppe Sala la dice lunga sullo stato in cui versa il centrodestra milanese. Allo sbando, proprio nella città che fu (un’era politico-geologica fa) laboratorio del leghismo prima, del berlusconismo poi. La rinuncia di Oscar di Montigny è come l’imprevisto del monopoli che ti fa tornare alla casella del via. Salvini fa lo smargiasso, e dice che in tempi rapidi offrirà alla città non solo un sindaco, ma un’intera squadra vincente, ma in realtà non sa che pesci pigliare. Aveva puntato tutto su Di Montigny, e pure i suoi stessi uomini, dopo averlo incontrato, raccontano dall’entourage leghista, sono rimasti basiti di fronte a un uomo che non rappresenta la destra impersonificata dalla Lega. Tutto da rifare insomma, con sempre meno tempo e la difficoltà di mettere d’accordo gli alleati. Giorgia Meloni sta serena, forte dei sondaggi in crescita e del fatto di aver ottenuto quello che voleva a Roma. Berlusconi, sempre tiepido nei confronti di Montigny, continua a volere Maurizio Lupi, che però a Salvini non va proprio. Albertini, dopo il lungo tira e molla, adesso continua a offrirsi come vice di chiunque, ma solo se glielo chiederanno. E comunque una figura come l’ex sindaco rischia di mettere in ombra qualsiasi candidato che non sia stranoto. Uno come Salvini, per dirla alla Giuseppe Sala, che ha buttato lì l’ipotesi che il suo sfidante sia proprio il leader della Lega. Che però si giocherebbe il tutto per tutto in una sfida difficilissima. E la sua probabile sconfitta avrebbe ripercussioni pesanti, sia con gli alleati sia all’interno della stessa Lega.

Il viaggio di Alex Bellini sul Po per combattere l’inquinamento

(di Sara Milanese)

Alex Bellini è un esploratore e attivista ambientale, da anni porta avanti il suo progetto di navigazione sui 10 fiumi più inquinati del mondo. Ha attraversato fiumi come il Nilo, il Gange e il fiume delle perle in Cina. Quest’anno sta attraversando il Po, un fiume che oltre a essere il più lungo d’Italia riversa nel Mediterraneo tonnellate di plastica ogni anno. Nella puntata di Fino alle 8 del 24 giugno 2021, Sara Milanese lo ha intervistato. [LEGGI L’ARTICOLO SUL SITO]

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

In Italia oggi ci sono stati 927 casi accertati di Covid. 28 le vittime, il tasso di positività resta allo 0,5%, calano ancora i ricoveri. L’impatto della variante Delta dunque al momento è contenuto, limitato a quei focolai di cui si è parlato negli ultimi giorni. Ma la preoccupazione c’è, lo ha detto oggi anche il commissario Figliuolo. La Fondazione sanitaria Gimbe oggi nel suo rapporto ha detto che ci vuole più tracciamento e più lavoro, e meglio coordinato a livello nazionale, per individuare le varianti e ora, urgentemente, la variante Delta. In Gran Bretagna nelle ultime 24 ore sono stati rilevati 16.700 nuovi casi di Covid, è il numero più alto da febbraio: la causa è la diffusione della variante Delta. Rimane però più contenuto l’incremento del totale dei ricoveri ospedalieri, grazie all’efficacia vaccinale, e con una sostanziale stabilità dei morti a livelli bassi.

Foto | Sindacati in piazza a Roma a sostegno di iniziative per il lavoro (10 dicembre 2019. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI)

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 26/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 26/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 26/05/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 27/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 26/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/05/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 26/05/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 27/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 26/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 26/05/2022

    1 – Ucraina, nel Donbass la battaglia è al punto di intensità massima. La Russia, in vantaggio nella regione di…

    Esteri - 27/05/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 26/05/2022

    1) Scuola, sciopero il prossimo 30 maggio. Oltre un milione di lavoratori e lavoratrici senza contratto dal 2018. Come per…

    The Game - 27/05/2022

  • PlayStop

    La mitica compagnia degli eroi S 01 E 09

    Le oscure arti magiche del mago Sbruffenkel avevano soggiogato tutti gli esseri viventi del continente di Alador, c'era ancora solo…

    Poveri ma belli - 27/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 26/05/2022

    Dove si chiacchiera di cose trovate in auto dopo molto tempo, del problema dello spopolamento della città di Venezia che…

    Muoviti muoviti - 27/05/2022

  • PlayStop

    Sbadigli contagiosi e mappe di genere

    Con Andrea Bellati e Clarice.

    Di tutto un boh - 27/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 26/05/2022

    Si parla con Piero Amodio, ricercatore della Stazione Zoologica Anton Dohrn, di polpi e della loro complessità, ma anche di…

    Considera l’armadillo - 27/05/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 26/05/2022

    Intervista a Venerus sul suo primo live del nuovo tour, all'interno del Mi Ami 2022

    Jack - 27/05/2022

  • PlayStop

    Robo advisor

    quando percorriamo il red carpet di Cannes insieme a Barbarella Spritz, discettiamo su quale sia il superpotere più ambito e…

    Poveri ma belli - 27/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 26/05/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/05/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 26/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il consueto collegamento con il Festival di…

    Cult - 27/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 26/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 27/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 26/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con il giornalista Alberto e Andrea Segrè Professore di Politica agraria internazionale e comparata.…

    Prisma - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 26/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 27/05/2022

Adesso in diretta