Approfondimenti

Nanni Moretti torna a Cannes con Tre piani

Nanni Moretti Credit: Festival di Cannes Tre piani

Nanni Moretti, già premiato con la Palma d’oro per La stanza del figlio nel 2001, è tornato a Cannes per presentare il suo ultimo film Tre piani.  Barbara Sorrentini lo ha intervistato in esclusiva per Radio Popolare.

Come mai hai deciso, per la prima volta, di lavorare a una sceneggiatura tratta da un libro?

Avevo già fatto dei timidi tentativi nei riguardi di alcuni libri, ma non sono mai stato molto convinto. Io, Maria Santella e Federica Pontremoli stavamo girando a vuoto da più di un anno su un soggetto ambientato negli anni ’50 quando un giorno Federica mi ha detto: “Perché non leggi Tre piani?” Io sono lento come lettore, ma quel libro l’ho letto velocemente, senza nessuna sensazione di sentirmi diminuito come autore solamente perché, per la prima volta, volevo trarre un film da un libro. Ho deciso subito di farlo. Spiegare perché è difficile, ho sentito che in quel libro, in cui si parla di colpa, di rapporti tra genitori e figli, del senso di responsabilità e delle conseguenze delle nostre scelte c’era qualcosa di importante e di denso. Volevo che fosse il mio nuovo film.

Hai deciso subito di interpretare uno dei personaggi?

No, non ho deciso subito. Mentre lavoravamo alla scrittura di Tre piani le sceneggiatrici hanno insistito perché interpretassi Vittorio. L’ho fatto volentieri cercando di stare in equilibrio tra l’interpretazione di quel personaggio e l’intenzione di me regista, la volontà di comunicare agli spettatori la rigidità e la durezza di quel personaggio.

Nell’ultimo periodo il microcosmo del condominio è diventato un punto centrale delle nostre vite. Che cosa hai provato lavorando al tuo film durante la pandemia?

Il film era già pronto a marzo. Sarebbe dovuto uscire ad aprile e andare a Cannes nel 2020. Mi sono stupito di essere riuscito, anche con una certa calma, a far passare tutto questo tempo e nel frattempo di esser riuscito a lavorare a un altro progetto. Per i registi è una cosa normale, ma a me non è mai successo di iniziare a preparare un film prima di far uscire quello precedente.
Il condominio è un microcosmo che siamo stati costretti a scoprire durante la pandemia. Durante quest’ultimo anno e mezzo, però, abbiamo anche capito che è impossibile pretendere di far a meno degli altri, della collettività e della comunità. La pandemia ha smascherato questa bugia. Anche nel mio film sono presenti i microcosmi degli appartamenti, ma nel finale c’è un movimento verso l’esterno, verso gli altri, quelli lontani da noi e quelli con cui si vuole riallacciare un rapporto.

Il film uscirà a settembre. Hai evitato le piattaforme per poter andare al cinema?

Sì, non giudico chi è andato su Netflix, Sky, Amazon o altre piattaforme, ma io non posso prescindere dal cinema. Prima che da regista, produttore, attore ed esercente parlo da spettatore. Non posso fare a meno di andare al cinema a vedere i film degli altri. I miei gusti e i miei sentimenti di spettatore hanno sempre influenzato le mie scelte di regista, per questo motivo non ho mai pensato di dare i miei film alle piattaforme. Magari glielo venderemo dopo, quando sarà già uscito in più paesi possibili

Com’è cambiato il modo di fare cinema negli ultimi anni?

Mi sembra di essere tornato all’epoca dei miei filmini in Super 8, solo che ora è più facile montarli e farli vedere. All’epoca montavo su una moviolina di pochi centimetri quadrati, strizzando gli occhi per capire cosa dicessero i personaggi. Per far vedere i miei film dovevo portarmi dietro le pizze, il mio proiettore e l’amplificatore. Non era facile. Ora, grazie ai telefonini, è tutto più semplice, ma  gli aspiranti registi e registe non devono illudersi che fare un film sia facile. Bisogna riflettere bene sul mezzo espressivo che si usa. L’agilità dei nuovi mezzi, a volte, fa scavalcare la fase della riflessione. Bisogna costruirsi un proprio stile, sapere quello che si vuole e soprattutto, quando si inizia, quello che non si vuole.

ASCOLTA L’INTERVISTA DI BARBARA SORRENTINI A NANNI MORETTI:

FOTO| Festival di Cannes

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 26/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 26/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di giovedì 26/05/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 27/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 26/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/05/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 26/05/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 27/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 26/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 26/05/2022

    1 – Ucraina, nel Donbass la battaglia è al punto di intensità massima. La Russia, in vantaggio nella regione di…

    Esteri - 27/05/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 26/05/2022

    1) Scuola, sciopero il prossimo 30 maggio. Oltre un milione di lavoratori e lavoratrici senza contratto dal 2018. Come per…

    The Game - 27/05/2022

  • PlayStop

    La mitica compagnia degli eroi S 01 E 09

    Le oscure arti magiche del mago Sbruffenkel avevano soggiogato tutti gli esseri viventi del continente di Alador, c'era ancora solo…

    Poveri ma belli - 27/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 26/05/2022

    Dove si chiacchiera di cose trovate in auto dopo molto tempo, del problema dello spopolamento della città di Venezia che…

    Muoviti muoviti - 27/05/2022

  • PlayStop

    Sbadigli contagiosi e mappe di genere

    Con Andrea Bellati e Clarice.

    Di tutto un boh - 27/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 26/05/2022

    Si parla con Piero Amodio, ricercatore della Stazione Zoologica Anton Dohrn, di polpi e della loro complessità, ma anche di…

    Considera l’armadillo - 27/05/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 26/05/2022

    Intervista a Venerus sul suo primo live del nuovo tour, all'interno del Mi Ami 2022

    Jack - 27/05/2022

  • PlayStop

    Robo advisor

    quando percorriamo il red carpet di Cannes insieme a Barbarella Spritz, discettiamo su quale sia il superpotere più ambito e…

    Poveri ma belli - 27/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 26/05/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/05/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 26/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il consueto collegamento con il Festival di…

    Cult - 27/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 26/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 27/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 26/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con il giornalista Alberto e Andrea Segrè Professore di Politica agraria internazionale e comparata.…

    Prisma - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 26/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 27/05/2022

Adesso in diretta