Approfondimenti

“Uno sfregio alle vittime della Terra dei fuochi”

Lo hanno chiamato “Giardino del senso civico”: un nome importante e non banale. Richiama il senso del rispetto delle regole,  della legalità, del vivere comune. Si trova a Cassino, la città dove sono cominciate le inchieste di Roberto Mancini, il poliziotto che con la sua squadra ha scoperto la “Terra dei Fuochi”. Indagini che hanno svelato gli interessi della camorra, fino alla sconvolgente rivelazione sui rifiuti tossici fra Napoli e Caserta, dove la gente muore di cancro e l’ambiente è annichilito. E’ stato proprio nel secondo anniversario della sua morte che qualcuno ha devastato quel luogo. Spaccando la lapide, spaccando le statue realizzate dagli allievi del Liceo Artistico di Cassino, spaccando tutto quello che c’era da spaccare. Uno sfregio, un messaggio forse. Che ha suscitato molte reazioni di sdegno e l’apertura di un’inchiesta da parte della procura di Cassino.

Noi ne abbiamo parlato con Monika Mancini, moglie del poliziotto insignito con la medaglia d’oro al valor civile.

Signora Mancini, cosa ha provato quando ha saputo che il giardino era stato devastato?

Credo che di senso civico ci sia un gran bisogno e ce ne sia sempre meno in questo paese. Sono arrabbiata, delusa. Anche se questo gesto ha acceso ancora i riflettori su quello che ha fatto mio marito. Facendo quello che hanno fatto non si sono resi conto che hanno costretto tutti a parlare ancora di lui. Roberto non morirà mai. E spero che queste persone si facciano un esame di coscienza.

Perché secondo lei quel luogo è stato preso di mira?

Ancora non mi sono data una spiegazione. Forse perché quel parco è stato tolto al giro di spaccio che c’era prima. E’ stato tolto al degrado, è stato reso bellissimo. Oppure proprio per colpire la memoria di mio marito. Non lo so.

Nel parco c’erano della statue realizzate dagli studenti del Liceo artistico di Cassino…

Sì, e i ragazzi quelle statue continueranno a rifarle. Vogliono distruggerle un’altra volta? Noi daremo i soldi ai ragazzi per farle ancora e ancora. Mi hanno mandato oggi un messaggio che è già partita la colletta per rifare il giardino com’era prima.

Com’era, ce lo descrive?

E’ bellissimo, vicino a un laghetto. Le statue rappresentano delle mani che escono dalla terra. Sono le mani delle persone morte nella Terra dei Fuochi. E nelle mani reggevano la bandiera italiana. Penso sia molto significativo perché queste persone erano italiani, e chiedono giustizia.

Ha incontrato i ragazzi?

Sì, li ho incontrati quando abbiamo inaugurato il parco, il 15 aprile. Erano molto emozionati. E felici di aver contribuito a questo progetto. Mi hanno letto anche i loro pensieri su Roberto. Per loro è stato un simbolo molto importante, perché ricordiamoci che le indagini di Roberto sono partite proprio da Cassino.

Cosa direbbe se potesse parlare alle persone che hanno compiuto questo gesto?

Solo di riflettere su quello che hanno fatto. Perché quello che hanno fatto non lo hanno fatto a me. E nemmeno solo a mio marito. Ma lo hanno fatto a tutte le persone che sono morte nella Terra dei Fuochi.

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Rassegna stampa internazionale - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lunedì 16/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 15/05/2022

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 16/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 15/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 16/05/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 15/05/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 15/05/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 16/05/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 15/05/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 16/05/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 15/05/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 15/05/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 16/05/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 15/05/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 15/05/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 16/05/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 15/05/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 16/05/2022

Adesso in diretta