Approfondimenti

Milano non è una città per chi lavora

Casa e reddito: un tempo il limite del “sostenibile” per chi lavora era il 30% del salario e Milano questa soglia la sta superando ovunque, periferie comprese. E’ il maggior risultato di tre giunte di centrosinistra, purtroppo, quella che sarà ricordata come l’epoca della grande valorizzazione della rendita immobiliare. Da Expo 2015 la forchetta tra redditi e costo dell’abitazione si è allargata di sei volte per l’acquisto e di più di tre volte per l’affitto. Colpendo maggiormente i ceti medio bassi, perché per i poveri non c’era già speranza prima, con solo l’1% del nuovo costruito di edilizia pubblica o convenzionata. Praticamente l’azzeramento di qualsiasi possibilità di abitazioni a costi contenuti.

I dati sono inoppugnabili e li propone il primo report di Oca – l’osservatorio sulla casa abbordabile promosso dal Consorzio cooperative lavoratori (Confcooperative) con Delta-ecopolis e Politecnico di Milano, curato da Marco Peverini, ricercatore, e Massimo Bricocoli, direttore del Dastu, il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano, dal titolo “Non è una città per chi lavora” e che potete consultare a questo link. Con una serie di tabelle e grafici molto chiari, i ricercatori si erano dati come compito quello di capire se esistesse una casa “abbordabile” nella città di Milano e la risposta è praticamente no. Sia per l’impennata dei costi immobiliari sia però anche per la presenza tra i milanesi di una fetta maggioritaria di uomini e donne che vivono di un lavoro che si sta impoverendo o che di certo non riesce a stare al passo della nuova inflazione: sono i due terzi (57% per l’esattezza) dei residenti che guadagnano meno di 26mila euro anno. Con i loro redditi, lo studio di Oca calcola quanto si “possano permettere” ovvero 16 metri quadrati in centro, una trentina al massimo in periferia. Perché ormai il fenomeno riguarda tutta la città.

  La narrazione dominante dell’amministrazione e degli operatori immobiliari (che sembrano davvero alleati anche nella comunicazione) dice che è normale sia così: una città attrattiva, internazionale, che migliora qualità della vita e dei servizi, costa un po’ di più e quindi selezionerà verso l’alto la sua cittadinanza. Ovviamente gli oppositori gridano alla “sostituzione” anche se dal Comune fanno sapere che evidenze statistiche di transumanza di milanesi verso la città metropolitana o altrove non ce ne sono. Il report di Oca però evidenzia come sia evidente la polarizzazione tra prezzi e redditi dei residenti a cui non si può rispondere con la narrazione della Milano attrattiva per i talenti e i turisti oppure del social housing della giunta Sala e dell’assessore Maran. Perché i numeri dicono che questi residenti non se la possono permettere con salari e redditi cresciuti solo di un magro 7% per impiegati e operai.

Rovesciando uno degli slogan cari a questa amministrazione Milano è già una città che prende più di quello che dà. Il report dice chiaramente che a Milano senza un sostegno finanziario, di una rendita o di fondi o di una famiglia alle spalle, non solo non si può vivere, ma ribaltando il concetto non si può lavorare. E la città diventa per i ricercatori di Oca la capofila della “gentrificazione professionale”.
Anche le cosiddette rigenerazioni urbane, senza politiche attive di regolazione dei costi, mette in guardia il direttore del Dastu del Politecnico Massimo Bricocoli “diventano in questa situazione inesorabili valorizzazioni dei quartieri a favore della rendita privata e Milano rischia addirittura di non essere più una città europea per polarizzazione e squilibri”. Ovviamente sociali.  Lo scenario insomma potrebbe essere quello che abbiamo anticipato qualche settimana fa con “le nuove porte di Milano”: e cioè una città interamente messa a rendita con valori dentro la cerchia delle tangenziali mai inferiori ai 3.500 euro al metro quadrato per la vendita e poi sugli snodi delle tangenziali e della ferrovia, nuovi quartieri da far costruire, magari, alle cooperative a prezzi sensibilmente più bassi e di cerniera con la città metropolitana.

In parte coinvolgendo anche i comuni dell’hinterland per “densificare” (questa la parola magica per die che si costruisce ma non si consuma nuovo suolo) aree oggi non ancora occupate da rotonde, centri commerciali. Se il futuro è questo restano tanti interrogativi: il primo è l’assenza di qualsiasi ragionamento per i ceti più deboli, col necessario ritorno dell’edilizia pubblica (un tabù per questa giunta); poi c’è il ruolo delle cooperative e di chi cerca di costruire case “sociali”, anche del social housing, che sta diventando complicato ai costi e con gli oneri finanziari attuali. Sul ruolo delle cooperative, del convenzionato sociale, sulle prospettive di Milano e del mercato immobiliare potete sentire qui l’intervista che abbiamo realizzato con Alessandro Maggioni, del Consorzio Cooperative Lavoratori ovvero Confcoperative.

Infine, un elemento segnalato da Oca che ci fa capire come la scarsa trasparenza sia il centro di tutto il mercato immobiliare che fa sì, ad esempio, che i costi di affitto misurati dalle rilevazioni delle agenzie immobiliari o degli operatori sono in media a 240 euro al metro quadrato anno, mentre quelli dell’Omi, l’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate, fato sui contratti registrati, dice 173 euro al metro quadrato: una differenza quasi del 30%. Impossibile. I dati non ci sono. Non vengono raccolti, incredibilmente, denunciano i ricercatori: “una sistematica assenza di basi informative” che invece sono fondamentali per le politiche urbane e della casa nel resto di Europa. Vale per il Comune, come per la Regione. A chi serve questa assenza di dati? Alla narrazione del potere, che in questa città è rappresentata dall’alleanza tra politica e immobiliare.

Grafico estratto da “Non è una città per chi lavora. Costi abitativi, redditi e retribuzioni a Milano”. Primo Rapporto di ricerca Oca – Osservatorio casa abbordabile a cura di Massimo Bricocoli e Marco Peverini, Dastu Politecnico di Milano

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 15:32

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Conduzione musicale di venerdì 12/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Il murale per Michela Murgia che non piace agli integralisti cattolici

    L'intervista di Roberto Maggioni a Laika, street artist e autrice del murales dedicato alla scrittrice Michela Murgia, sulla facciata del V Municipio a Roma

    Clip - 12-07-2024

  • PlayStop

    Matrilineare - Ep. 5 - Madri, Figlie, Figlie, Madri

    Matrilineare. 5 episodi sul cantautorato femminile, a cura di Piergiorgio Pardo. “Matrilineare” è il titolo di una suggestiva raccolta curata dai C.S.I. nel ’96, in cui un’Italia rurale persa nel tempo e un’altra contemporanea, di estrazione indie-rock, si fondevano lungo il filo rosso del matriarcato. Una provocazione che coinvolgeva anche i talenti, emergenti all’epoca, di Cristina Donà e Ginevra di Marco e si rivolgeva al genere maschile singolare per eccellenza del pop italiano: il cantautorato. Dati alla mano, il cantautorato in Italia continua a distinguersi in fatto di gender gap. Eppure il cammino della nostra canzone d’autore è disseminato di piccoli gioielli di pensiero femminile e divergente. Matrilineare, appunto. Conduce fino ad oggi e vale la pena raccontarlo.

    Matrilineare - 12-07-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Trump” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    Lo spartiacque del 2016, e tutto quello che lo riguarda. C'è Trump, ci sono eventi ben più seri come il cucchiaio di Pellè, ma c'è anche una generazione di musicisti hip-hop che ha cambiato tutto quello che è venuto dopo.

    IconZ - 11-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 11-07-2024

Adesso in diretta