Approfondimenti

Tutti dietro a Mattarella e Draghi, il Parlamento debole si affida a loro

draghi e Mattarella al Quirinale

Tutti dietro a Mattarella e Draghi. Tocca al premier incaricato, prima di iniziare il secondo giro di consultazioni, sciogliere i nodi che ancora lo separano dal governo di quasi tutti.

Le differenze sul programma economico, gli imbarazzi del Pd per la Lega in maggioranza, le resistenze nel Movimento 5 Stelle messe a tacere dalle urla di ieri di Beppe Grillo che si sono sentite fino in piazza; la competizione per i posti chiave, quelli che gestiranno direttamente il flusso di capitali in arrivo dalla Commissione europea. I partiti si affidano al presidente incaricato. Sperano che riesca a elaborare la formula -squadra e programma- che metta tutti nelle condizioni di non poter dire di no.

Tutti dietro a Mattarella e Draghi. Il Capo dello Stato è il garante dell’operazione e ne è la più grande assicurazione perché difficilmente il Parlamento avrebbe la forza di far saltare un progetto strategico che porta l’imprimatur del Quirinale. Lo si è capito per come è evoluta la crisi ma già prima del suo esplodere era evidente che Mattarella rappresentasse la figura dell’adulto nella stanza, a fronte della volubilità di un Parlamento che ha prodotto in tre anni un governo di destra radicale, uno di centrosinistra e ora sta per appoggiarne uno espressione della dottrina economica di Bruxelles e Francoforte. Un Parlamento espressione di forze politiche deboli che devono affidarsi ai supplenti.

La prospettiva è che siano sempre più il Quirinale e Palazzo Chigi a compiere tutte le scelte strategiche. La più evidente fino a questo momento è la profondità dell’allineamento alle posizioni degli Usa di Biden e dell’Europa di Von der Leyen. L’operazione di ricollocamento della Lega su posizioni europeiste e atlantiste va al di là della semplice adesione di Salvini a un programma di governo. E’ una inversione di tendenza strategica anche a livello internazionale perché l’Italia era, dopo la caduta di Trump negli Stati Uniti, uno dei paesi occidentali dove più forte rimaneva la spinta sovranista. Una minaccia per la coesione europea potenzialmente più grande di quanto rappresentato da Ungheria e Polonia. Ed è una operazione di ricollocamento che non nasce con l’incarico a Draghi ma lo precede, coi segnali che Salvini in questo senso aveva già dato nei mesi scorsi.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 26/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 26/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 26/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 26/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 26/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

Adesso in diretta