Approfondimenti

Tutti dietro a Mattarella e Draghi, il Parlamento debole si affida a loro

draghi e Mattarella al Quirinale

Tutti dietro a Mattarella e Draghi. Tocca al premier incaricato, prima di iniziare il secondo giro di consultazioni, sciogliere i nodi che ancora lo separano dal governo di quasi tutti.

Le differenze sul programma economico, gli imbarazzi del Pd per la Lega in maggioranza, le resistenze nel Movimento 5 Stelle messe a tacere dalle urla di ieri di Beppe Grillo che si sono sentite fino in piazza; la competizione per i posti chiave, quelli che gestiranno direttamente il flusso di capitali in arrivo dalla Commissione europea. I partiti si affidano al presidente incaricato. Sperano che riesca a elaborare la formula -squadra e programma- che metta tutti nelle condizioni di non poter dire di no.

Tutti dietro a Mattarella e Draghi. Il Capo dello Stato è il garante dell’operazione e ne è la più grande assicurazione perché difficilmente il Parlamento avrebbe la forza di far saltare un progetto strategico che porta l’imprimatur del Quirinale. Lo si è capito per come è evoluta la crisi ma già prima del suo esplodere era evidente che Mattarella rappresentasse la figura dell’adulto nella stanza, a fronte della volubilità di un Parlamento che ha prodotto in tre anni un governo di destra radicale, uno di centrosinistra e ora sta per appoggiarne uno espressione della dottrina economica di Bruxelles e Francoforte. Un Parlamento espressione di forze politiche deboli che devono affidarsi ai supplenti.

La prospettiva è che siano sempre più il Quirinale e Palazzo Chigi a compiere tutte le scelte strategiche. La più evidente fino a questo momento è la profondità dell’allineamento alle posizioni degli Usa di Biden e dell’Europa di Von der Leyen. L’operazione di ricollocamento della Lega su posizioni europeiste e atlantiste va al di là della semplice adesione di Salvini a un programma di governo. E’ una inversione di tendenza strategica anche a livello internazionale perché l’Italia era, dopo la caduta di Trump negli Stati Uniti, uno dei paesi occidentali dove più forte rimaneva la spinta sovranista. Una minaccia per la coesione europea potenzialmente più grande di quanto rappresentato da Ungheria e Polonia. Ed è una operazione di ricollocamento che non nasce con l’incarico a Draghi ma lo precede, coi segnali che Salvini in questo senso aveva già dato nei mesi scorsi.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Metroregione di gio 25/02/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 26/02/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 26/02/21

    Serve And Volley di ven 26/02/21

    Serve&Volley - 26/02/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 25/02/21

    Rotoclassica di gio 25/02/21

    Rotoclassica - 26/02/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 25/02/21

    A casa con voi di gio 25/02/21

    A casa con voi - 26/02/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 25/02/21

    Ora di punta di gio 25/02/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/02/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 25/02/21

    1-In Francia la variante inglese rappresenta la metà dei casi positivi". Verso nuove misure restrittive ma il governo vuole evitare…

    Esteri - 26/02/2021

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia: Lucia Castellano

    Quarto incontro del nuovo ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da Raffaele…

    Lezioni di antimafia - 26/02/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues di gio 25/02/21

    Sunday Blues - 26/02/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 25/02/21

    Uno di Due di gio 25/02/21

    1D2 - 26/02/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l'armadillo gio 25/02/21

    Considera l’armadillo - 26/02/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 25/02/21

    Ospiti Carota e Lodo dello Stato Sociale che raccontano i loro progetti solisti e Venerus intervistato sul suo disco Magica…

    Jack - 26/02/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay Human di gio 25/02/21

    Stay human - 26/02/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 25/02/21

    Europa, tra aiuti e vaccini. Non si parla d’altro nel vecchio continente: dei soldi del Recovery Plan e dei vaccini…

    Memos - 26/02/2021

  • PlayStop

    Giuseppe Martini, Regio People

    GIUSEPPE MARTINI - REGIO PEOPLE - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 26/02/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 25/02/21

    ira rubini, cult, milano sanremo, l'ultima ruota, rita pelusio, duccio fabbri, doc squizo, louis wolfman, barbara sorrentini, davide steccanella, perché…

    Cult - 26/02/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 25/02/21

    Cominciamo lanciando uno sguardo dentro gli ospedali: raccontiamo due storie segnalateci dai nostri ascoltatori; medici di medicina generale e vaccini…

    37 e 2 - 26/02/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma di gio 25/02/21

    Prisma - 26/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 25/02/21

    Rassegna stampa internazionale - 26/02/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 25/02/21

    Il demone del tardi - 26/02/2021

Adesso in diretta