Approfondimenti

Arriva Draghi, ma non è vero che non abbiamo niente da metterci

DRAGHI E MATTARELLA recovery plan

In  questi giorni nei microfoni aperti e nelle interviste di Radio Popolare si sono ascoltate opinioni molto, molto diverse su Mario Draghi.

Ad esempio avete sentito economisti di sinistra come Varoufakis  e Brancaccio  esprimere pareri decisamente critici (per Varoufakis addirittura Draghi sarà solo un esecutore degli ordini della Troika), ma nelle stesse ore abbiamo mandato in onda le voci di altri economisti di sinistra – Pianta, Dosi, Marcon – che dicevano l’opposto e accoglievano con favore l’ex presidente Bce, come del resto ha fatto il segretario della Cgil Landini.

Lo stesso dibattito è avvenuto tra molte delle persone che ci seguono e ci telefonano: c’è chi si è detto “raggiante” per Draghi e chi voleva buttarsi dal cavalcavia per il suo probabile ingresso a Palazzo Chigi.

E ancora, lo stesso dibattito è quello che è abbiamo fatto qui in redazione, parlando tra di noi, in assemblea, lavoratrici e lavoratori di Rp.

La sinistra – non quella dei partiti, quella vera, quella nel Paese – è oggi divisa tra chi non si fida, chi invece si fida e chi addirittura si affida a Mario Draghi

Continueremo nei prossimi giorni il confronto aperto con la società, con i corpi intermedi, con chi ci ascolta e ci sostiene, trasmettendo diversi punti di vista.

Ma con alcuni punti fermi, con una cornice di certezze pur in mezzo a tanto dibattito.

La prima certezza è quella dell’assegno in bianco: che non va dato a nessun politico, a nessun potere. E in generale pensiamo non sia bene credere mai nel Salvatore della Patria, nell’uomo solo al comando che sistema tutto.

La seconda  certezza è quella del welfare, delle spaventose disuguaglianze del Paese, dell’inclusione sociale: ci sono delle decisioni che Draghi dovrà prendere presto su questi temi, anche per i provvedimenti in scadenza, e a questi appuntamenti lo aspettiamo, tra gli altri. Così come  a quelli che riguardano il precariato, la dignità del lavoro e dei salari.

La terza certezza è che la sinistra – quella vera, quella nel Paese – non deve oggi ancorarsi a una formula politica o una persona, ma alla solidità del proprio impianto valoriale: questione sociale, inclusione, equità, welfare, ambiente, parità di genere, antirazzismo, accoglienza. 

E sulla base di questo impianto giudicare qualsiasi politico, qualsiasi governo,  se necessario approvando e se necessario attaccando, senza temere il conflitto, chiunque sia al potere.

foto | ANSA

Brancaccio:

Pianta:

Dosi:

Marcon:

  • Autore articolo
    Alessandro Gilioli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta