Approfondimenti

Macron va nel Golfo e incontra (ancora una volta) il principe saudita

Tre paesi del Golfo in due giorni. E una serie di consistenti contratti da firmare, discussioni diplomatiche sulla disperata situazione del Libano, sulla Libia o sull’Iran da portare avanti. O ancora, meeting strategici sulle operazioni di contro-terrorismo da coordinare. Durante il suo viaggio lampo nella penisola araba iniziato questo venerdì, il presidente francese Emmanuel Macron non si farà mancare nulla. Nemmeno l’occasione di stringere la mano del principe ereditario saudita Mohammad bin Salman davanti ai fotografi, prima di tornare a Parigi. Diventando così il primo grande leader occidentale a riconoscere nuovamente MBS come partner ufficiale, dopo che il principe è stato ostracizzato dalla comunità internazionale per tre anni. Da quando un rapporto dell’ONU, confermato in seguito da altri tra cui uno della CIA, lo ha designato come il mandante dell’omicidio di Jamal Khashoggi. Il giornalista torturato e ucciso all’interno dell’ambasciata saudita di Istambul il 2 ottobre 2018. Da allora, solo il presidente cinese ha ricevuto ufficialmente il principe ereditario. Che l’anno scorso ha anche incontrato segretamente l’allora primo ministro israeliano Netanyahu. Il presidente americano Biden invece, rifiuta persino di parlargli al telefono.

In realtà, gli americani non hanno mai smesso di fare affari e stringere accordi con Riyad. La Casa Bianca ha desegretato il rapporto della CIA ma non ha sanzionato severamente i sauditi e il segretario della Difesa parla regolarmente con MBS. Un modo per ottenere, forse, qualche cosa sul fronte della guerra in Yemen e dei diritti umani, continuando a fare gli interessi militari ed economici del paese. E se lo fanno gli Stati Uniti, perché non potrebbe farlo, più apertamente, anche la Francia? Il Qatar, gli Emirati Arabi Uniti e l’Arabia Saudita sono a tutti gli effetti degli alleati e dei partner commerciali importantissimi per i francesi, che sono i terzi esportatori di armi al mondo dopo gli statunitensi e i russi. La Francia, però, ha più bisogno di vendere che i suoi clienti di comprare da lei ed ecco quindi che la questione dei diritti umani passa rapidamente in secondo piano. Dopo la crisi sanitaria e lo smacco subito in Australia per la mancata vendita dei sottomarini francesi, lo storico contratto da 17 miliardi di euro per l’acquisto di ottanta caccia firmato dagli Emirati questo venerdì è una boccata d’ossigeno per l’industria militare del paese. Ed entro la fine del viaggio Macron, che, non dimentichiamolo, è in campagna elettorale, potrebbe portare a casa altri ordini succosi.Poco importa che proprio oggi, a Parigi, diversi dirigenti delle monarchie del golfo tra cui i principi ereditari degli Emirati e dell’Arabia Saudita, siano stati denunciati per crimini di guerra, tortura e finanziamento del terrorismo. Poco importa che uno di loro abbia ordinato l’omicidio di un giornalista. E poco importa che quest’episodio mini ancora di più la credibilità della Francia quando critica dei regimi avversari, visto che agli alleati tutto è concesso.

Foto | Il principe ereditario saudita Mohammad bin Salman e il presidente francese Macron in occasione di una visita a Parigi, nell’aprile 2018

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 07/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 07/12/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 07/12/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 12/07/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 07/12/2022

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 12/07/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 07/12/2022

    Dalla culla alla tomba del welfare state? Ottant’anni fa la presentazione del rapporto Beveridge in Gran Bretagna poneva le basi…

    Pubblica - 12/07/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 07/12/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 12/07/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di mercoledì 07/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 07/12/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 12/07/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 07/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/07/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 07/12/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 12/07/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 07/12/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 12/07/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 06/12/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 12/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 06/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/06/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 06/12/2022

    Dal 13 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantaduesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 12/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 06/12/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 12/06/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 06/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 06/12/2022

    1-Vigilia della Cop 15 sulla biodiversità di Montreal. l’obiettivo è rendere area protetta il 30% del territorio mondiale entro il…

    Esteri - 12/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 06/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/06/2022

Adesso in diretta