Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di ven 21/02 delle ore 07:30

    GR di ven 21/02 delle ore 07:30

    Giornale Radio - 21/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 20/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 21/02 delle 07:14

    Metroregione di ven 21/02 delle 07:14

    Rassegna Stampa - 21/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 21/02 (terza parte)

    Fino alle otto di ven 21/02 (terza parte)

    Fino alle otto - 21/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 21/02 (seconda parte)

    Fino alle otto di ven 21/02 (seconda parte)

    Fino alle otto - 21/02/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 21/02 (prima parte)

    Fino alle otto di ven 21/02 (prima parte)

    Fino alle otto - 21/02/2020

  • PlayStop

    Let's spend the night together del gio 20/02

    Let's spend the night together del gio 20/02

    Let’s spend the night together - 21/02/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 20/02

    Rotoclassica di gio 20/02

    Rotoclassica - 21/02/2020

  • PlayStop

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! - 21/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 20/02

    1- Il veleno del razzismo in Germania. La denuncia di Angela Merkel dopo il doppio attacco terroristico di Hanau. Lo…

    Esteri - 21/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 21/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    MALOS - 21/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    MALOS - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (seconda parte)

    Parliamo della Notte delle Bacchette, iniziativa milanese per promuovere le attività di ristorazione cinese in città. (seconda parte)

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (prima parte)

    Parliamo del Festival del Giornalismo Alimentare di Torino con Maria Jose Fava di Libera Piemonte. (prima parte)

    Due di Due - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (seconda parte)

    Generic Animal, Pearl Jam, Soares, Curt Cobain, Rihanna, Calibro 35 (seconda parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack - 21/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l’armadillo - 21/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session - 21/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao - 21/02/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 20/02

    La puntata di oggi di Memos è dedicata a due appelli-campagne, diversi tra loro ma che hanno in comune un’idea…

    Memos - 21/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell’autore - 21/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

M5S dopo le regionali, il senatore Pellegrini: “No ad alleanze più strette col PD”

Luigi Di Maio

Dopo la sconfitta di Matteo Salvini alle elezioni regionali in Emilia-Romagna, in queste ore sono i rapporti all’interno della maggioranza di governo tra M5S e PD ad essere al centro delle discussioni politiche in Italia. Ci sarà un cambiamento negli equilibri?

Ne abbiamo parlato col senatore del Movimento 5 Stelle Marco Pellegrini. L’intervista di Alessandro Principe a Fino alle Otto.

Il Movimento 5 Stelle è andato male, mentre il Partito Democratico è riuscito a portare a casa questa vittoria così forte simbolicamente e politicamente in Emilia-Romagna. Cambieranno adesso i rapporti di forza tra M5S e PD?

Confermo la sua analisi per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle, non ce lo nascondiamo. Sono andate peggio di quelle che erano le attese. Non credo che ci saranno dei cambiamento in atto nel governo dopo questi risultati. Mi rifaccio a quello che avevano detto esponenti autorevoli del PD fino a qualche giorno fa. Ora non capisco perché dovrebbe essere cambiato qualcosa se ha vinto il centrosinistra e non il centrodestra come molti pensavano. Non credo che questo accadrà e comunque noi del Movimento 5 Stelle non lo permetteremo: abbiamo un’agenda di cose da fare e di provvedimenti da prendere su cui c’è un accordo sostanziale e non vediamo il motivo per cambiare le prospettive che avevamo fino a qualche ora fa.

Ci sarà un percorso di alleanza più stretta tra M5S e PD?

Assolutamente no. Le ragioni che hanno portato alla nascita del Movimento 5 Stelle sono ancora lì intatte: bisogno di aria nuova, temi nuovi e argomenti che non erano stati trattati dai partiti fino a quel momento e che erano richiesti dai cittadini. Queste esigenze sono ancora lì e noi proseguiremo su questa via. Non mi sembra che la questione del salario minimo sia a cuore dei partiti, mentre lo è per il Movimento 5 Stelle. Il taglio delle tasse lo abbiamo fatto noi sia con la precedente legge di bilancio e con quella che abbiamo approvato a dicembre 2019 e potrei andare avanti su altri temi e altri provvedimenti.

Quindi per lei si tratta di un NO a quella proposta di Nicola Zingaretti?

Noi siamo alternativi al loro modo di fare politica e penso
che almeno questo merito ci debba essere riconosciuto. Il Movimento 5 Stelle ha portato temi nuovi e aria nuova nella politica italiana.

Questa è anche la linea di Luigi Di Maio, che si è dimesso tre giorni prima delle elezioni con una mossa molto particolare, descrivendo un movimento in cui ci si accoltella alle spalle e i cui peggiori nemici sono all’interno. Cosa sta succedendo all’interno del Movimento 5 Stelle in vista degli Stati Generali a marzo?

Di Maio non ha detto esattamente che ci prendiamo tutti a coltellate, ma che il rumore di quei pochi che non sono d’accordo ha sovrastato il lavoro dei tanti, che credo sia un concetto ben diverso nel quale io mi ritrovo. E sono anche abbastanza arrabbiato quando vedo in tv o sui giornali che si parla di nostre presunte supposte beghe interne e accoltellamenti e non dei tanti provvedimenti che abbiamo portato a casa.

Se il leader si dimette dicendo quelle cose è chiaro che se ne parla.

Lei mi consentirà di essere orgoglioso come eletto del Movimento 5 Stelle e di aver cambiato la vita a milioni di cittadini. Di questo io sono orgoglioso e noi siamo orgogliosi.

Secondo lei ci sarà ancora Luigi Di Maio alla guida del Movimento 5 Stelle?

Quello lo decideranno gli iscritti. Tutte le scelte importanti che facciamo nel Movimento 5 Stelle le fanno gli iscritti. Anche io parteciperò al voto come tutti gli altri iscritti. Da noi vale la regola dell’uno vale uno e vedremo le proposte che verranno fatte agli Stati Generali. Credo che sarà un bel momento per il Movimento 5 Stelle, un momento di svolta. Abbiamo bisogno di darci una struttura diversa soprattutto sui territori. Sono convinto che ripartiremo più forti di prima.

Foto dalla pagina Facebook di Luigi Di Maio

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni