Approfondimenti

“Linate, aeroporto chiuso e cantiere aperto senza mascherine”: la denuncia del Cub

Aeroporto Linate - Coronavirus

All’aeroporto di Linate, che formalmente dovrebbe essere chiuso, ogni giorno lavorano centinaia di persone. Vengono dalla bergamasca, una delle zone della Lombardia più colpite dal coronavirus COVID-19. Lavorano senza protezioni e non vengono controllati all’ingresso.

La SEA, società che gestisce i servizi aeroportuali, nonostante la grave situazione sanitaria della Regione, anziché sospendere tutto ha deciso di far continuare le attività di rifacimento dello scalo.

La denuncia arriva da Renzo Canavesi del sindacato Cub Trasporti intervistato da Filippo Robbioni.

Per prima cosa vorrei specificare che sarò io, da responsabile esterno, a fare queste dichiarazioni poiché abbiamo già avuto pressioni sui nostri delegati.
L’aeroporto di Linate dovrebbe essere chiuso invece è un cantiere aperto. Tutti i giorni entrano almeno un centinaio di lavoratori. Stanno rifacendo tutta la struttura in muratura di una parte dell’aeroporto, stanno ampliando i negozi e altro.
Questi lavoratori ogni mattina raggiungono Linate con ogni mezzo. Chi individualmente, chi con i mezzi pubblici, chi a bordo di camioncini. Quadi tutti provengono dalla bergamasca. È una situazione assurda.
Questi lavoratori entrano dal varco 1, lo stesso usato da tutti gli altri lavoratori di SEA (le guardie aeroportuali, che in questo momento devono comunque operare) e con loro condividono mensa, spogliatoi, macchinette del caffè e bagni senza avere nessun dispositivo di protezione.
Non hanno niente. I lavori che stanno facendo sono tranquillamente rimandabili.
Stiamo parlando di lavori già previsti che andavano fatti quando l’aeroporto era ancora in funzione.
Ora anziché posticiparli si continua a farli senza predisporre nessuna misura di controllo per i lavoratori. Così non di argina il contagio.
È assurdo che ci siano decreti che vietano di andare al parco e non si fermino invece attività industriali inutili, tranquillamente posticipabili come questa “ristrutturazione” dello scalo di Linate.

SEA, che dovrebbe vigilare l’ingresso di Linate, cosa dice?

C’è un protocollo siglato con le organizzazioni sindacali che prevede certe norme. Il controllo della temperatura corporea dei lavoratori in ingresso, la verifica di una serie di dispositivi di sicurezza, gli esterni devono entrare in condizioni diverse rispetto al personale che vi opera.

Questi controlli vengono fatti?

Non viene fatto niente di tutto ciò. Rifare dei negozi in un momento come questo non serve a nulla.
Non si parla di approvvigionare materiale o medicinali, stiamo parlando di un’opera che poteva essere tranquillamente sospesa e rinviata di un mese. Non ho parole. Certe attività andavano sospese a prescindere. Non sono utili.

Cosa chiede il sindacato?

Se si deve chiudere, si chiude tutto. Restino aperte soltanto le attività indispensabili.
Qui hanno chiuso tutto ma ci sono ancora lavoratori costretti a operare in condizioni assurde per colpa di chi ha deciso di non fermarsi.

Vogliamo parlare delle imprese edili che stanno lavorando al progetto?

Io ho tutti i nomi. Abbiamo registrato tutto ma preferisco evitare. Sono imprese edili o di smaltimento rifiuti della bergamasca.
I lavori vanno sospesi. La ventilata scusa di Sea che dice che sospendendo i lavori perderebbe soldi dovendo pagare penali per mantenere i tempi delle attività non è vera perché di fronte a questa emergenza tutto quanto viene bloccato. Anche eventuali penali.
È stata proprio deciso di approfittare della chiusura dell’aeroporto di Linate per fare i lavori in fretta e furia per essere pronti alla riapertura dello scalo.

RIASCOLTA L’INTERVISTA A RENZO CANAVESI

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 01/04

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 04/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 01/04 delle 07:15

    Metroregione di mer 01/04 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 04/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tempi Diversi di mer 01/04 (seconda parte)

    Tempi Diversi di mer 01/04 (seconda parte)

    Tempi diversi - 04/01/2020

  • PlayStop

    Tempi Diversi di mer 01/04 (prima parte)

    Tempi Diversi di mer 01/04 (prima parte)

    Tempi diversi - 04/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session di mer 01/04

    Radio Session di mer 01/04

    Radio Session - 04/01/2020

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alessandra Dolci Nando dalla Chiesa

    Settimo e ultimo incontro del ciclo di “Lezioni di antimafia” ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” e coordinato da…

    Lezioni di antimafia - 04/01/2020

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alessandra Dolci Nando dalla Chiesa

    Le mani delle mafie sull’emergenza coronavirus. Esiste un rischio concreto che i capitali criminali finiscano per colonizzare le imprese in…

    Memos - 04/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 01/04

    Note dell'autore di mer 01/04

    Note dell’autore - 04/01/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 01/04

    Cult di mer 01/04

    Cult - 04/01/2020

  • PlayStop

    Barrilete Cosmico di mer 01/04

    Rugby Milano Webb (con due b), l'iniziativa dell'associazione per allenarsi a casa; "Leo Messi. La pulce" il titolo di Alessandro…

    Barrilete Cosmico - 04/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 01/04 (terza parte)

    Microfono Aperto sulla nuova circolare del Viminale che permette ad un genitore di fare una passeggiata nei pressi dell'abitazione insieme…

    Prisma - 04/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 01/04 (seconda parte)

    La situazione reale nella bergamasca, intervista al presidente dei medici di famiglia di Bergamo Mirko Tassinari. (seconda parte)

    Prisma - 04/01/2020

  • PlayStop

    Favole al microfono di mer 01/04

    Favole al microfono di mer 01/04

    Favole al microfono - 04/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di mer 01/04 (prima parte)

    Abbiamo raggiunto davvero il picco dei contagi da Coronavirus? Intervista a Marino Gatto, docente di ecologia al Politecnico di Milano,…

    Prisma - 04/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 01/04

    Rassegna stampa internazionale di mer 01/04

    Rassegna stampa internazionale - 04/01/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 01/04

    Il demone del tardi - copertina di mer 01/04

    Il demone del tardi - 04/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 01/04 (terza parte)

    La situazione nei comuni citta' metropolitana. Intervista a Daniele Del Ben sindaco di Rosate (terza parte)

    Fino alle otto - 04/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 01/04 (seconda parte)

    L'edicola di Popolare Network. Il brano del giorno - Francesca Michielin ft.Maneskin: Stato di Natura (seconda parte)

    Fino alle otto - 04/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 01/04 (prima parte)

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: il 1 aprile 1957 il…

    Fino alle otto - 04/01/2020

Adesso in diretta