Approfondimenti

Lavori non essenziali durante l’epidemia: 300mila lavoratori costretti a muoversi a Milano

trasporto pubblico scuola milano

A Milano almeno 300mila lavoratori costretti a muoversi per lavorare in aziende ed imprese non essenziali. E i controlli? Non ci sono.

Meno “passeggiate”, meno jogging, parchi chiusi. Il governo ha deciso di stringere ancora le maglie nei confronti dei comportamenti individuali, con l’obbiettivo di colpire chi esce di casa senza un motivo valido e frenare la diffusione del coronavirus. I provvedimenti però continuano ad ignorare il grosso degli spostamenti non necessari: quelli legati a chi è costretto a spostarsi per lavorare in quei settori ritenuti non essenziali dai decreti del governo.

La gestione di questi settori è stata delegata all’accordo tra governo, sindacati ed imprese, delegando di fatto alla contrattazione ed ai rapporti di forza nelle aziende sia la decisione di chiudere, sia l’applicazione delle misure di sicurezza e tutela di chi lavora.

Ne è nata un’ondata di scioperi che ha attraversato le imprese da nord a sud, laddove la presenza del sindacato è radicata e conflittuale, e che ha imposto la chiusura a molte imprese “non essenziali“.

È successo per lo più in grandi aziende, mentre in piccole e medie imprese, dove il sindacato è meno tollerato dagli imprenditori, si è spesso continuato a lavorare come nulla fosse, nella totale indifferenza delle autorità pubbliche: né il governo, né le regioni, hanno preso provvedimenti restrittivi. Il presidente di Confindustria Lombardia è arrivato a definire “irresponsabili” gli scioperanti.

Il caso più lampante è stato quello di Bergamo, dove le pressioni degli industriali sulle autorità, hanno fermato la pur invocata creazione di una zona rossa attorno ad uno dei focolai più aggressivi del COVID-19, con i risultati drammatici in termini di contagi e di morti che purtroppo conosciamo. Il 28 febbraio Confindustria Bergamo diffondeva un video di rassicurazione destinato ai partner esteri, con un titolo che oggi suona sinistro e di pessimo gusto: “Bergamo is running”, Bergamo sta correndo.

Quanti sono i lavoratori “non essenziali” costretti a lavorare?

Una stima a livello nazionale è estremamente difficile, ma numeri più precisi si possono trovare analizzando i singoli territori. Emblematico è il caso di Milano: “La diga che non deve cedere”, pena l’esplosione del sistema sanitario.

Eppure, mentre polizia, vigili e cittadini indignati danno la caccia al runner o alla signora che accompagna il cane, ogni giorno nell’indifferenza generale 300.000 lavoratori sono costretti dalle loro aziende a spostarsi per svolgere lavori non essenziali.

La stima è della Camera del Lavoro di Milano, che insieme a Radio Popolare ha elaborato i dati. Il calcolo lo spiega Antonio Verona, responsabile del mercato del lavoro della CGIL di Milano.

Ogni giorno nell’area metropolitana di Milano sono circa 1.460.000 i lavoratori attivi. A questo numero ne vanno sottratti circa 400.000 che rientrano in quei settori commerciali e di servizi che sono stati bloccati dai decreti del governo.

Altri 600.000 sono gli addetti alle filiere necessarie: alimentari, sanificazione e pulizie, medico sanitarie. Restano 460.000 lavoratori di imprese non necessarie. Se stimiamo in circa 150 mila gli addetti in smart working o aziende che hanno spontaneamente chiuso, si arriva a quel numero: 300mila persone che ogni giorno sono costrette a muoversi dai loro datori di lavoro, col mezzo privato o affollando gli autobus, venendo così a contatto con altre persone e arrivando poi ai luoghi di lavoro. Quanti di questi ogni giorno affollano i mezzi pubblici?

Difficile dirlo, anche qui non possiamo che ragionare per stime, con un alto margine di errore – certamente al ribasso – che portano a calcolare in circa 150mila i “lavoratori non essenziali” che usano il mezzo pubblico.

Il rischio è doppio: sia per i lavoratori, sia per chi viene a contatto con loro perché costretto invece a spostarsi per necessità. E questi lavoratori sono a loro volta doppiamente in pericolo: sia negli assembramenti cui sono costretti, sia nei luoghi di lavoro dove spesso le misure di sicurezza non vengono rispettate.

“In treno da Bergamo, dal cuore del focolaio”. Le testimonianze e le denunce arrivate a Radio Popolare

Dopo i dati diffusi da Radio Popolare in collaborazione con la Cgil di Milano, sono arrivati tante testimonianze, in molti casi angoscianti.

Semilavorati per mobili, costruzione di banconi per bar e gelaterie, placche per le prese elettriche, nautica, fabbriche di ascensori, al settore metalmeccanico. Lavoratori che si domandano il senso di portare avanti queste produzioni in un momento come questo, impauriti di contagiarsi e contagiare i propri cari e colleghi.

Nord di Milano, ad esempio: azienda che produce pezzi per gli scarichi delle automobili. Spostamenti da e per il capoluogo, con treno e mezzi pubblici, che passano da zone focolaio come Bergamo, Lodi, Cremona. Con le mascherine arrivate solo al 18 marzo e distribuite solo a coloro che lavorano “a contatto”, come se in fabbrica fosse possibile evitare rapporti ravvicinati. Sciopero dei lavoratori che non è servito a convincere l’azienda a chiudere.

Oppure, sempre a nord di Milano, ancora metalmeccanico. Motori per industria e mezzi marini. È la FPT Industrial del gruppo FCA, che aveva già deciso che la fabbrica doveva chiudere entro l’anno. Ma che deve proprio lavorare in questi giorni, anche qui con le mascherine distribuite solo ad una parte dei lavoratori. “Si lavora col doppio disagio di un impiego che non ci sarà più e con la paura del contagio” racconta un operaio, che insieme ai colleghi ancora provano a convincere l’azienda a non riaprire dopo alcuni giorni di stop per adempiere alle misure di sicurezza.

“Non avete le mascherine? Mettetevi la sciarpa”

Facciamo ascensori, niente mascherine perché possiamo stare sufficientemente lontani secondo i capi“. O ancora: “Sto lottando con tutte le mie forze per garantire sicurezza in azienda. Ma ammetto che in questa vicenda non esiste sicurezza sufficiente per metterci al riparo da eventuali rischi. Spero di convincerli a chiudere“, racconta un lavoratore del settore nautico.

Siamo sempre in Lombardia, tra le centinaia di migliaia costrette ogni giorno a spostamenti di massa con auto, treni, autobus per lavorare in aziende di filiere non essenziali.

I racconti ci portano in una fabbrica di autoricambi dell’hinterland di Milano. Decine di persone che arrivano con mezzi, o in automobile insieme, nell’angoscia di avere qualche linea di febbre. “Non ci hanno dato nulla, una boccia di sapone in reparto, il disinfettante ai badge. Niente mascherine, le ha solo chi se le porta. Nei consigli per la sicurezza, ci hanno scritto: se non avete la mascherina mettetevi la sciarpa“.

“Aprire o chiudere? È un calcolo economico”

Fermiamoci per la vita. Sospendere tutte le attività non essenziali e indispensabili alla sopravvivenza” è l’ultimo appello lanciato dai sindacati in Lombardia, ma le istituzioni sembrano sorde. Alcune Regioni come la Campania o l’Emilia-Romagna non hanno atteso il governo per “stringere” sulle passeggiate. Ma si continuano a lasciar aperte le imprese non essenziali.

L’ultimo è stato il Friuli Venezia Giulia: parchi chiusi e supermercati ad orario ridotto, fabbriche a pieno ritmo.

Maurizio Marcon è il segretario regionale della Fiom: “L’80% della metalmeccanica produce beni che in questo momento non rientrano nelle filiere essenziali. Per la maggior parte beni intermedi. Questi, in particolare, sanno perfettamente che se non si fermano ora, saranno costrette a farlo più avanti di fronte al rallentamento del mercato, trovandosi a smaltire le scorte di quel che stanno producendo. Ad esempio, chi ha scelto di non chiudere, penso a tanto nord est ma anche Lombardia che produce per la Germania- sta iniziando a farlo ora perché anche i tedeschi si stanno fermando, o perché, al contrario, non stanno arrivando pezzi da altri paesi. Ma è una scelta di profitto, non di salute: il calcolo che stanno facendo gli imprenditori è proprio questo: quando gli converrà di più fermarsi“.

Molti pensano che sarà più conveniente farlo più avanti: ma in questo calcolo puramente economico, ci sono di mezzo quelle centinaia di migliaia di persone costrette a lavorare a contatto, spostarsi, prendere mezzi.

I controlli inesistenti

L’altro buco nero è quello dei controlli, anche qui è palese la disparità di approccio: dalle campagne martellanti ed a reti unificate sui comportamenti individuali, al silenzio sulla responsabilità delle imprese.

L’accordo tra governo-imprese sindacati non impone un controllo terzo, perciò si va in ordine sparso. E così, se in una settimana polizia, carabinieri, finanza, vigili urbani, ed ora pure i militari hanno controllato oltre un milione e mezzo di persone negli spostamenti in strada e quasi centomila esercizi commerciali, le imprese controllate di cui si ha notizia risultano essere qualche decina, perse tra i trafiletti dei giornali locali.

Si ha conoscenza di controlli delle aziende sanitarie in imprese marchigiane – sopralluoghi ma previa telefonata di avviso – ed in Veneto, sempre nell’ordine delle decine.

La via della diffusione del virus, nell’indifferenza delle istituzioni che dovrebbero decidere, nella consapevolezza di chi ha fatto pressioni per non perdere profitti, sta passando soprattutto da qui.

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR sabato 20/07 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 20/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 20/07/2024

    Arriva l’estate e Mash Up si trasforma in un cocktail party, offerto dal tramonto alla sera dei vostri sabati calienti. Mischia e shakera il vostro dj per matrimoni impossibili Piergiorgio Pardo. Servire con ghiaccio bollente. Mail: mischionepopolare@gmail.com

    Mash-Up - 20-07-2024

  • PlayStop

    Pop Music di sabato 20/07/2024

    Una trasmissione di musica, senza confini e senza barriere. Canzoni da scoprire e da riconoscere, canzoni da canticchiare e da cui farsi cullare. Senza conduttori, senza didascalie: solo e soltanto musica.

    Pop Music - 20-07-2024

  • PlayStop

    Si dice verao di sabato 20/07/2024

    Estate in portoghese si dice verão. Si dice verão è una selezione di musica brasiliana curata da Loretta da Costa Perrone. Ogni puntata avrà come sfondo una spiaggia del Brasile, per immaginarla, per sognarla e per ascoltarla attraverso vari generi musicali, dal samba alla MPB, dalla bossa al maracatu, dal funk al jazz.

    Si dice verao - 20-07-2024

  • PlayStop

    Suoni d'estate di sabato 20/07/2024

    Suoni d'estate è la trasmissione che ogni sabato vi porta nei principali festival italiani ed europei: le anteprime, le voci e gli inviati per raccontare al meglio la musica dal vivo di questa estate 2024.

    Suoni d’estate - 20-07-2024

  • PlayStop

    Agitanti di sabato 20/07/2024

    Un programma per gente che muove mente, corpo e spirito. Un programma di sport – sport paralimpico – per imparare a conoscere le vite, i sogni, le discipline degli atleti che stanno cercando di qualificarsi per Parigi 2024. Per arrivare preparati alle prossime Paralimpiadi, al via il 28 agosto: sapendo cosa cercare, dove guardare, come godere della grandissima competizione che le discipline che gli sport per persone con disabilità riservano. Un magazine che prende il suo nome dagli Agitos (dal latno “agito”, metto in movimento), le tre anime – verde, rossa e blu, come i colori più diffusi nelle bandiere del mondo – che compongono lo stendardo dei giochi paralimpici e che rappresentano appunto mente, corpo e spirito. Magari – chissà – ascoltandolo scoprirai che esistono discipline a cui non avevi pensato. In cui puoi metterti in gioco con il corpo che hai, esattamente per come è fatto: metterti alla prova, sudare, divertirti, competere, tenerti in forma e spostare il tuo limite un po’ più in là. “You can’t be what you can’t see”, diceva Marian Wright Edelman, la prima donna afroamericana ammessa all’albo degli avvocati del Mississippi nel 1965. Non puoi essere ciò che non puoi vedere: ci vogliono modelli in cui ci si riconosce per come si è, altrimenti è difficile persino sognare di poter diventare qualcosa. Un discorso che vale per tutti quelli che in qualche misura vengono etichettati come “diversi”. Ogni sabato alle 15 per mezz’ora su Radio Popolare. Conduce Giulia Riva, giornalista e nuotatrice paralimpica. Un programma di corpi, teste e voci “diversamente” agili.

    Agitanti - 20-07-2024

  • PlayStop

    Aria fresca di sabato 20/07/2024

    Aria Fresca è la trasmissione estiva di Radio Popolare dedicata a chi rimane in città durante l'estate. Anais Poirot Gorse e Nicola Mogno esplorano la quotidianità dei giovani che restano nei loro quartieri, raccontando come affrontano il caldo e il tempo libero. Attraverso sport, musica, conversazioni nei parchi e serate all'aria aperta, il programma fa vivere le attività e le esperienze che caratterizzano la vita estiva urbana. Un appuntamento settimanale che approfondisce le dinamiche sociali e culturali locali.

    Aria fresca - 20-07-2024

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 20/07/2024

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere più notizie ed approfondimenti in quell’ambito della cultura che cerchiamo di racchiudere nella definizione “Arti Visive”. A cura di Tiziana Ricci va in onda il sabato alle 13.15 e vuole essere un viaggio fra alcuni degli eventi più importanti della settimana, ma non solo. Interviste ai protagonisti per scoprire le idee che stanno dietro la loro ricerca creativa e rendere cosi’ accessibile a tutti il significato delle loro opere. Vi proporremo anche le opinioni dei critici che stimiamo di piu’ per la loro onesta’ intellettuale e cercheremo di avere un’attenzione particolare per giovani talenti che come ben sappiamo hanno difficolta’ a far conoscere il loro lavoro.Infine ci auguriamo che ” I GIRASOLI ” possa essere uno strumento utile per capire se gli eventi che ci vengono proposti sono operazioni culturali serie oppure frutto di furbizie che hanno come obiettivo solo business o intenti propagandistici.Ci sembra che questa attenzione sia piu’ che mai necessaria oggi dato che assistiamo a un grande aumento degli eventi , molti dei quali di pessima qualità. Contiamo anche di dare spazio a notizie ed eventuali polemiche che riguardano i progetti di politica culturale.

    I girasoli - 20-07-2024

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 20/07/2024

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare mentre ci si prepara al pranzo estivo del sabato!

    Sing Sing Sing - 20-07-2024

  • PlayStop

    Un bacio a te proprio d’amore - Seconda parte

    La storia di Giacomo Matteotti non è solo la storia del più efferato omicidio politico avvenuto in Italia. È anche una storia d’amore. Una storia di lettere d’amore. Le lettere che Matteotti e Velia Titta si sono scambiati per più di dieci anni. Perché, come diceva Antonio Gramsci, non ci si può dire socialisti se non si è stati innamorati almeno una volta.

    Un bacio a te proprio d’amore - 20-07-2024

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 20/07/2024

    Un'estate speciale richiede uno speciale appuntamento settimanale dedicato ai suggerimenti di lettura: in ogni puntata un personaggio della cultura propone i suoi "must" da leggere in estate e un libraio o una libraia indipendenti propongono alcuni titoli tratti dal loro scaffale.

    Letti e lettini - 20-07-2024

  • PlayStop

    Itaca di sabato 20/07/2024

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 20-07-2024

Adesso in diretta