Approfondimenti

L’Europa faccia come Biden, i vaccini siano di interesse nazionale

vaccini covid

La disparità nella distribuzione globale dei vaccini è devastante, e l’Europa ha le mani legate con le aziende private mentre il mondo, da Cuba all’India, si sta organizzando –  forse meglio – con una produzione statale. Stamattina a Prisma abbiamo intervistato Nicoletta Dentico, responsabile Salute globale per la Ong “Society for International Development”, per cui sta seguendo il Consiglio esecutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in corso in questi giorni, dopo il ritorno degli Usa nell’organizzazione.

“I programmi vaccinali in tutto il mondo sono cominciati quarantacinque giorni fa negli Stati Uniti e ventisei giorni fa in Europa, quindi stiamo parlando di un processo davvero appena iniziato. Dentro l’Oms esistono due preoccupazioni. La prima è che non si applichi su scala globale il principio della Moratti “che arrivano prima quelli che hanno il Pil più alto”. Perché è di fatto quello che sta succedendo oggi nel mondo. Il 95% dei vaccini in circolazione oggi vanno a dieci Paesi soltanto. Il direttore generale dell’Oms ha citato il fatto che in un solo paese povero africano si stanno facendo programmi di vaccinazione, e lunedì scorso si erano fatti 25 vaccini. Lui diceva non 25 milioni o 25mila, 25 persone vaccinate. C’è una disparità globale che toglie il respiro. Non si punta su Pfizer, perché come ha detto il responsabile del programma Covid dell’Oms, è troppo complesso ed è troppo caro. Ed è un vaccino elitario, che può essere usato solo in paesi ricchi, che hanno delle strutture sanitarie affidabili e in paesi che, tra virgolette, se lo possono permettere”.

Sappiamo che c’è il vaccino di Moderna, già autorizzato in Europa. Astrazeneca, altra casa farmaceutica privata, che il 29 sembra avrà il giudizio all’Ema. I tedeschi hanno chiesto di valutare lo Sputnik 5, russo, poi il New York Times ci dice che Cuba ha una enorme capacità di produzione. L’India ne ha uno che regala ai Paesi vicini con quella che viene chiamata diplomazia del vaccino. Ci fai un quadro?

“In questa pluralità di produzioni vaccinali c’è un elemento positivo, perché è evidente che il mondo non si può affidare solo a quelli che vengono dall’Occidente. Stiamo operando su una scala così straordinariamente levata, cioè avere due miliardi di dosi entro l’anno, che non si è mai fatta prima. In poche settimane, si deve fare quel che tradizionalemte le aziende farmaceutiche potevano pianificare in anni. E’ opportuno avere più vaccini, La sorpresa interessante è Cuba, che si calcola abbia l’8 per cento di tutti i vaccini che potrebbe mettere in campo su scala globale. L’Europa sta guardando con interesse al vaccino russo e cinese, che probabilmente avranno un ruolo crescente. Russia, Cina e India si stanno attrezzando per stare sul mercato. Tutte le autorizzazioni sono ancora di emergenza, date in via eccezionale, non siamo nella fase di mercato standard. Questi Paesi stanno giocando sulla diplomazia sanitaria”.

Non converrebbe all’Unione europea aprirla questa diplomazia dei vaccini?

“Ci arriveremo. I vaccini non occidentali avranno dei prezzi inferiori, Ci saranno sorprese nel rapporto tra i governi europei e le aziende private a cui hanno totalmente affidato le sorti delle vaccinazioni della nostra parte del mondo. Un po’ di nodi ora vengono al pettine, ed è patetico sentire Arcuri che pensa di fare un’azione legale. Prima di tutto perché il gioco con Pfizer e Astrazeneca si fa a livello europeo. E poi perché gli accordi, peraltro segretari, prima di essere portati da un legale, forse devono anche essere rimessi in discussione. Le condizioni poste fino a oggi, pur di avere un vaccino, sono poche. Penso sarà una forte lezioni per i governi europei. E si può iniziare a pensare che affidarsi totalmente al privato per produrre beni essenziali, non è la scelta industriale più strategica e lungimirante. E’ il momento di pensare all’industria farmaceutica come quella militare, che più o meno è pubblica. L’Europa potrebbe fare per esempio quel che ha già deciso Biden: il governo americano si prende il diritto di imporre produzione e derogare ai brevetti, così da garantire che 100 milioni di persone siano vaccinate nei prossimi 100 giorni, come ha detto Biden”.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 26/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 26/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 26/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 26/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 26/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

Adesso in diretta