Approfondimenti

Le persone sono più avanti delle organizzazioni

La prima notizia politica è che ieri in Italia decine di migliaia di persone si sono mobilitate contro il razzismo e contro il fascismo.

Non era scontato, dopo che per una settimana le destre sono riuscite a ribaltare la lettura della realtà dell’attentato fascista di Macerata e hanno imperversato con le loro feroci campagne contro gli immigrati.

Le destre hanno potuto approfittarne anche perché partiti, sindacati, organizzazioni che rappresentano il campo dell’antifascismo sono stati timidi, titubanti, hanno avuto paura di perdere voti o di finire nel tritacarne delle polemiche, arrivando a evitare di aderire alle manifestazioni antirazziste e antifasciste.

Ne consegue una seconda notizia, forse ancora più importante dal punto di vista politico: ieri le persone in piazza hanno dimostrato di essere più avanti delle organizzazioni da cui dovrebbero essere rappresentate.

Non hanno avuto dubbi sulla necessità di esserci, non hanno avuto timore di violenze e scontri che erano solo fantasmi agitati alla vigilia, non si sono perse in valutazioni di opportunità o in contese tattiche su chi dovesse aderire a che cosa.

La lezione di ieri è che, a fronte dell’insorgere dell’estrema destra che usa la violenza e conquista consensi, la risposta affidata a calcoli legati ai sondaggi e al marketing elettorale non funziona. Lo hanno affermato i circoli dell’Anpi, dell’Arci, gli iscritti alla Cgil, i militanti dei partiti che autonomamente sono andati in piazza.

Lo hanno affermato soprattutto le migliaia di persone che erano lì in nome di una istanza politica urgente, a prescindere dalla rappresentanza.

Milano si conferma una città all’avanguardia. Ieri ha sfilato la città del 25 aprile insieme a quella del 20 maggio, l’antifascismo e le battaglie per i diritti di cittadinanza. Milano da tempo ha dimostrato di avere compreso che attorno ai temi della cittadinanza passa una fetta consistente della battaglia politica e si è confermata una bussola per il resto del Paese. Anche la destra italiana, sempre più estremista, a modo suo ha dimostrato di averlo compreso. Gli altri, nella settimana di Macerata, hanno fatto più fatica

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 28/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 28/06/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 28/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 28/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 28/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 28/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh. Isole e vie di fuga

    Con Margherita Fruzza, Giulia Strippoli e Lorenzo Palloni

    Di tutto un boh - 28/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 28/06/2022

    Si parla con Mino Petazzini su La poesia degli animali, un'antologia di testi su cane, cavallo, gatto e altri animali…

    Considera l’armadillo - 28/06/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 28/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 28/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    La GKN lombarda: la storia della Cromoplastica di Verdellino

    Lo scorso fine settimana la proprietà della Maier Cromoplastica di Verdellino ha portato via, nottetempo, alcuni macchinari necessari alla produzione…

    Clip - 28/06/2022

  • PlayStop

    Suadenza forzata

    quando le corde vocali di Dismacchione lo costringono ad assumere un tono sexy, mentre auguriamo buone vacanze alle nostre antenne…

    Poveri ma belli - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

  • PlayStop

    Avni Doshi, Zucchero bruciato

    AVNI DOSHI - ZUCCHERO BRUCIATO – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/06/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 28/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la libraia Mariana Marenghi parla del contest…

    Cult - 28/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 28/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 28/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 28/06/2022

    L'ASTENSIONE: UN PROBLEMA SOCIALE E POLITICO. Salvatore Vassallo direttore istituto Cattaneo e Filippo Barbera docente di sociologia economica all'università di…

    Prisma - 28/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 28/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di martedì 28/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/06/2022

Adesso in diretta