Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 23/01 delle ore 13:29

    GR di gio 23/01 delle ore 13:29

    Giornale Radio - 23/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 23/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 23/01 delle 07:16

    Metroregione di gio 23/01 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 23/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Memos di gio 23/01

    Memos di gio 23/01

    Memos - 23/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao - 23/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 23/01

    MATTEO DELLA BORDELLA - LA VIA MENO BATTUTA - Presentato da:MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 23/01 (seconda parte)

    Cult di gio 23/01 (seconda parte)

    Cult - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 23/01 (prima parte)

    Cult di gio 23/01 (prima parte)

    Cult - 23/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session 22-01-20

    a cura di Giordano Casiraghi

    Radio Session - 23/01/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 23/01

    37 e 2 di gio 23/01

    37 e 2 - 23/01/2020

  • PlayStop

    La transizione, la bolletta e il solarpunk

    Secondo Alessio Cipullo, dell'Ufficio Studi di Elettricità futura (Confindustria) la transizione non farà aumentare le bollette elettriche italiane. Costanza Boggiano…

    C’è luce - 23/01/2020

  • PlayStop

    Radio Grenouille: L'arte è una follia mentale

    E’ venuto a trovarci in redazione Mario Bompart, uno dei responsabili del workshop Radio La, che va in onda su…

    Psicoradio - 23/01/2020

  • PlayStop

    Funk Shui 37

    Tracklist: 1. Izo Fitzroy - Blind Faith..2. Pho Queue - Running Out ..3. Funky Bijou - Come On And Get…

    Funk shui - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (terza parte)

    Prisma di gio 23/01 (terza parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (prima parte)

    Prisma di gio 23/01 (prima parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (seconda parte)

    Prisma di gio 23/01 (seconda parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/01

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/01

    Il demone del tardi - 23/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/01

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/01

    Rassegna stampa internazionale - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (terza parte)

    L'INTERVISTA DEL GIORNO: CITOFONATA AL RAGAZZO TUNISINO..CATHY LA TORRE avvocata, attivista per i diritti civili, che difende il ragazzo accusato da Salvini…

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Funk shui di mer 22/01

    Funk shui di mer 22/01

    Funk shui - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 22/01

    Cosa ne Bici del mer 22/01

    Cosa ne BICI? - 23/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

L’Austria resta un Paese spaccato in due

“Gli austriaci non vogliono un populista di destra come presidente. E vogliono restare nell’Unione europea”.

Così scrive il quotidiano progressista der Standard, sottolineando che a rendere possibile la vittoria di Alexander Van der Bellen sono state la paura di una svolta a destra e l’ampia coalizione (dai Verdi ai funzionari del partito socialdemocratico, fino ad un nutrito gruppo di sindaci del partito popolare) che lo ha sostenuto.

Il giornale conservatore Die Presse afferma invece che “la Repubblica ha schierato tutte le risorse per evitare l’ascesa di un esponente della Fpoe”. Avvertendo però: “Così di nuovo non funzionerà”.

“Finalmente presidente” titola il popolare quotidiano Kronen Zeitung, che pubblica in prima pagina una foto del neo-eletto presidente sorridente accanto alla moglie, ricordando quanto sono stati lunghi e faticosi questi 11 mesi di campagna elettorale.

Van der Bellen – professore di economia, in passato politico dei Verdi, convinto europeista – ha ottenuto consensi soprattutto tra le donne, i giovani e le persone con un alto livello di istruzione. Oltre a chi lo ha votato per evitare la vittoria di Hofer. Al quale sono andati i voti della maggioranza degli uomini e degli anziani. L’immagine dell’Austria come Paese diviso in due, insomma, resta.

Hofer – che ha perso anche questo secondo ballottaggio – ha fatto appello perché gli austriaci ora siano coesi, non importa chi abbiano votato, e ha mostrato un buon fair play nella sconfitta. Meno concilianti i toni del suo partito, a partire dal leader Heinz Christian Strache, che ha parlato di “paura del cambiamento” e accusato: “tutti i partiti si sono coalizzati contro Hofer”.

A giocare un ruolo importante – secondo diverse analisi – è stato, tra gli altri, l’atteggiamento aggressivo che il candidato dell’Fpoe ha tenuto durante l’ultimo dibattito tv con Van der Bellen – “è caduta la maschera”, dicevano alcuni. E i toni moderati del giorno seguente, alla chiusura della campagna elettorale nell’elegante sala della Borsa di Vienna, a questo punto evidentemente non sono bastati.

La Fpoe ha perso certo una battaglia. Resta però il partito in testa ai sondaggi. E oggi già guarda avanti, alle prossime elezioni.

Vedremo come andrà.

Per ora, intanto, l’Austria ha detto stop all’avanzata dell’estrema destra.

  • Autore articolo
    Flavia Mosca Goretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni