Approfondimenti

La Turchia bombarda Kobane, la strage di Colorado Springs, addio a Hebe Bonafini e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 20 novembre 2022 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. La Turchia ha bombardato diverse basi militari e territori curdi nel nord della Siria e dell’Iraq, tra cui Kobane, la città che tra il 2014 e il 2015 venne riconquistata dai miliziani curdi dopo la sconfitta dell’Isis. I bombardamenti sarebbero una ritorsione per l’attentato compiuto domenica 13 novembre a Istanbul, in cui sono state uccise sei persone e ne sono state ferite più di 80. In Ucraina c’è stata una serie di esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, occupata dalle forze russe. “Chiunque ci sia dietro, questo deve finire, state giocando col fuoco” ha detto il capo dell’agenzia internazionale per l’energia atomica. La strage di Colorado Springs, negli Stati Uniti. E’ morta Hebe Bonafini, tra le fondatrici delle madri di Plaza de Mayo. Stefano Bonaccini si è candidato alle primarie del Pd, che si terranno a febbraio. Sono iniziati i Mondiali in Quatar e vi raccontiamo come li seguiremo.

I bombardamenti della Turchia sui territori curdi

La Turchia da ieri notte bombarda i territori curdi nel Nord della Siria e dell’Iraq, più i 30 morti, un ospedale raso al suolo nella città simbolo di Kobane. Le forse democratiche siriane che hanno sconfitto Isis sul territorio e continuano a sorvegliare senza aiuti decine di migliaia di militanti jihadisti di mezzo mondo ancora una volta sacrificate sull’altare della politica turca.
L’intervista a Benedetta Argentieri, giornalista di guerra, esperta dell’area

Potrebbe essere stato ritrovato il corpo di Saman Abbas

Il caso di Saman Abbas, la ragazza di origini pakistane che viveva a Novellara – in provincia di Reggio Emilia – e si era opposta all’imposizione familiare di un matrimonio forzato. Secondo indiscrezioni circolate oggi, due giorni fa sarebbe stato lo zio a indicare il luogo in cui è stato trovato un corpo proprio a Novellara. Per portarlo alla luce servirà qualche giorno: il procuratore di Reggio ha spiegato che c’è un edificio pericolante e che serve molta cautela. L’esame del dna dovrebbe chiarire se si tratta della 18enne sparita il 30 aprile 2021. I magistrati che indagano sulla vicenda pensano che sia stata uccisa e che l’esecutore materiale sia stato proprio lo zio. In tutto sono cinque i parenti della ragazza accusati di coinvolgimento nella sua scomparsa.

La strage in un locale gay di Colorado Springs

Si chiama Anderson Lee Aldrich e ha 22 anni il giovane arrestato per la strage avvenuta poche ore fa in un locale gay nella città di Colorado Springs, negli Stati Uniti. Cinque persone sono state uccise e 18 sono rimaste ferite. La prima ipotesi è che il movente sia quello dell’omofobia. “La violenza delle armi da fuoco continua ad avere un impatto devastante e particolare sulle comunita’ lgbtqi+ nel nostro Paese”, ha detto il presidente Joe Biden, rilanciando la necessità di un divieto sulle armi d’assalto di cui si parla dopo ogni strage come questa, senza però che finora il congresso – il parlamento – lo abbia approvato.

Stefano Bonaccini si è candidato alla segreteria del Pd

(di Claudio Jampaglia)

Nel Partito Democratico, come previsto, oggi c’è stato l’annuncio della candidatura di Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia Romagna, alla segreteria del partito. E’ lui il favorito e per presentarsi ha scelto il suo paese e la sua sezione Campogalliano per un discorso da nuovo leader che non accetterà appoggi dalle correnti, ma riparte da tanti volti giovani e ovviamente dai sindaci, la linea maginot del Pd, che ha fatto degli enti locali la scuola di partito e la garanzia della propria affidabilità, d’altronde il partito è nato per governare fondendo quel che restava dell’incompiuto compromesso storico. E Bonaccini vuole tornare a vicnere e governare, convinto che senza il Pd non c’è strada né per il centro né per la sinistra. E allora coraggio e orgoglio. In uno dei passaggi dedicati alla confusione identitaria del partito l’ambizioso presidente dell’Emilia Romagna dice: “per dire che siamo, chi vogliamo rappresentare che società vogliamo rappresentare n militane della destra o dei grillini ci mette 10 secondi a noi a volte non bastano 20 minuti”. Ma in realtà lui in un discorso di 35 minuti, usa molte parole per definire il suo Pd: popolare, maggioritario, perno del centrosinistra, progressista, riformista, che vince ma rinuncia al sogno di costruire un mondo migliore, come se fossero in contraddizione. Quale parola allora sceglierebbe lui per definirsi? Forse socialdemocratico è quella più adatta ma social ormai sono i mezzi di comunicazione di massa digitali, e dovrà riuscire a sintetizzare la sua formula per non rimanere in mezzo al guado. E’ lo stesso compito che tocca alla prossima candidata annunciata Elly Schlein che avrebbe dalla sua i quarantenni, Provenzano e sembra anche l’Areadem di Franceschini e poi si attendono quelle possibili di Andrea Orlando, oltre a quella già annunciata di Paola De Micheli. La data delle primarie al momento è il 19 febbraio, sempre se non ci saranno le regionali in quei giorni, questa settimana la direzione nazionale deve nominare il “comitato costituente” incaricato di scrivere il nuovo “manifesto dei valori e dei princìpi” del partito e indire il congresso vero e proprio che sarà quindi dopo il voto degli iscritti sui candidati alla segreteria e dopo il ballottaggio aperto a tutti tra i due più votati.

E’ morta Hebe Bonafini, la storica presidente delle Madri di Plaza de Mayo

Tre giorni di lutto nazionale in Argentina per la morte a 93 anni di Hebe Bonafini, la storica presidente delle Madri di Plaza de Mayo, tra le prime protagonista delle “rondas” che ogni giovedì sera denunciavano le migliaia di desaparecidos della dittatura, fra cui due suoi figli, Jorge Omar e Raúl Alfredo, fondatrice delle Università dei diritti umani e sostenitrice di tante lotte contro la repressione e il fascismo. Ecco il ricordo da Buneos Aires di Vera Vigevani Jarach, scrittrice italiana residente in Argentina dal 1939 per fuggire alle persecuzioni razziali, a sua volta Madre de Plaza de Mayo per la scomparsa della figlia Franca. Ascoltiamola

Sono iniziati i Mondiali in Qatar

(di Claudio Agostoni)

Alle 17, ora italiana, si è disputata Qatar – Equador, la partita inaugurale dei discussi mondiali qatarioti. Sono stati definiti i mondiali della vergogna. Gli stadi in cui si giocheranno le partite sono stati costruiti dai lavoratori immigrati in condizioni allucinanti e con molti morti sul lavoro, come verificato dalle organizzazioni per la difesa dei diritti umani. Un disastro anche ecologicamente: basta ricordare che gli stadi verranno irrorati con aria condizionata ottenendo così che questi mondiali inquineranno il doppio di Russia 2018 e otto volte in più di Euro 2020. Il presidente della Fifa, alla vigilia della partita d’esordio, ha cercato di difendere l’indifendibile. “Le critiche al Mondiale sono ipocrite – ha detto Infantino – per quello che noi europei abbiamo fatto negli ultimi 3000 anni dovremmo scusarci per i prossimi 3000 anni, prima di dare lezioni morali agli altri”. Quindi, secondo Infantino, un tedesco del 2022 non può parlare di diritti civili perché i suoi bisnonni sono stati nazisti? Da qualsiasi parte la giri, l’idea di boicottare questi mondiali – facendo una campagna per non guardare le partite alla tv – sembra una cosa buona e giusta. Perlomeno per chi vive nel nord del mondo. Ma vale anche per chi vive nell’altra metà del globo? A un senegalese che per cercare lavoro è disposto a imbarcarsi su un barchino con il rischio di annegare e, una volta arrivato alla meta, non ha la certezza di aver risolto i suoi problemi, chi ha il coraggio di dirgli che deve rinunciare a sognare che almeno in un campo di calcio i figli dei colonizzati possano sconfiggere quelli degli ex coloni? Perché un argentino non dovrebbe sperare che, anche senza Maradona, può umiliare gli inglesi? La comunità ecuadoregna che vive in Italia si era organizzata da giorni per vedere comunitariamente Qatar – Equador.
La partita l’hanno anche vinta e così ora possono guardare dall’alto in basso i loro datori di lavoro italiani, che hanno una nazionale che in Qatar ha cercato di andarci, ma non c’è riuscita. Non è una questione di proto nazionalismo: per molti ragazzini del Camerun il sogno di una vita migliore si identifica con la possibilità di emulare le strade percorse da Onana o da Choupo-Moting… Perchè privarlo di un sogno? E perché togliere loro un mese di divertimento quando, la sfiga di essere nati nella parte sbagliata del mondo, di occasioni per svagarsi gliene offre decisamente poche? E’ come chiedere di boicottare la Coca Cola a chi rischia di morire di sete. O chiedere di diventare vegetariano a una famiglia che quotidianamente non riesce a mettere in tavola qualcosa da mangiare…
E forse lo è per chi vive nel nord del mondo.

Come Radio Popolare seguirà i Mondiali di Qatar 2022

(di Alessandro Gilioli)

Radio Popolare non farà le sue dirette ironiche delle partite come ha sempre fatto per Europei e Mondiali. Racconteremo questo torneo soprattutto per i risvolti che esulano dal puro dato calcistico – il rigore, il fuorigioco, il capocannoniere e così via. È una decisione che abbiamo preso insieme, come lavoratori e lavoratrici della radio, consapevoli della complessità della questione. Questo infatti, non è certo il primo Mondiale ottenuto con la corruzione, né è l’unico in cui nei cantieri si è pagato un contributo di sangue. E poi il calcio è uno sport popolare, bellissimo per miliardi di persone, che fa sognare, che fa immaginare. E anche tra noi molti guarderanno le partite, magari tifando qualche squadra, ma non potevamo far finta di niente. CONTINUA A LEGGERE

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 08/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/08/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 07/12/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 16:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 15:39

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 08/12/2022 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 12/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di giovedì 08/12/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 12:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 08/12/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 12/08/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di giovedì 08/12/2022

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 12/08/2022

  • PlayStop

    Mono di giovedì 08/12/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 12/08/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 07/12/2022

    Jazz Ahead 192 1. Preludio, Archivio Futuro, Archivio Futuro, La Tempesta Records, 2022 2. Voices (Of The Past) Tom Skinner,…

    Jazz Ahead - 12/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 07/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/07/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 07/12/2022 - ore 21:32

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/07/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 07/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 07/12/2022

    (55 - 246) Dove si assiste ad un'edizione speciale di Muoviti Muoviti per la prima della Scala con collegamenti dentro…

    Muoviti muoviti - 12/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 07/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/07/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City di mercoledì 07/12/2022

    Musica, suoni e gli artisti più interessanti e innovativi della scena musicale indie insieme ai grandi classici che li hanno…

    Sounds and the City - 12/07/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 07/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 07/12/2022

    Oggi ospite Max Nicolosi per raccontarci il compleanno e la vita di Fattoria Capre e Cavoli di Mesero, di Marte…

    Considera l’armadillo - 12/07/2022

  • PlayStop

    Pini marittimi

    Quando sogniamo a occhi aperti, ci rallegriamo della diminuzione temporanea delle bollette e torniamo indietro di 30 anni in quella…

    Poveri ma belli - 12/07/2022

Adesso in diretta