Approfondimenti

La scuola nella fase 2: 3 miliardi ad Alitalia e 1 miliardo e mezzo all’istruzione

scuola fase 2

Tra meno di un mese si terranno gli esami di maturità, ma la Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina sta già guardando avanti in vista della riapertura delle scuole a settembre. Per guidare la scuola nella fase 2 è stata istituita una task force di cui fa parte anche l’architetto Giulio Ceppi, intervenuto oggi a Prisma per illustrare quali sono i progetti e le idee al vaglio per il ritorno a scuola.

L’intervista di Alessandro Braga.

Dobbiamo immaginare che a settembre troveremo gli inizi di una scuola diversa. Bisognerà cercare di “usare” quanto ci sta accadendo per alzare l’asticella e cogliere, come spesso accade in Italia, l’emergenza per cercare di risolvere i problemi, come quello delle classi troppo numerose, che ci accompagnano ormai da troppi anni. In questo gruppo di 18 persone a cui sono stato invitato a partecipare ci sono oggi pedagogisti, psicologi, esperti di questioni normative e tributarie o di iter, perché non basta avere le idee: per quanto noi possiamo suggerire al Ministro e ai parlamentari una serie di cose, questo vanno poi trasferite nella realtà.
Io sono l’unico architetto progettista del gruppo e uno dei temi su cui stiamo lavorando è il patrimonio edilizio importante che abbiamo: ci sono più di 42mila scuole con territori anche molto fragili e situazioni molto diverse che vanno, per assurdo, da classi di 4 bambini come in Valle d’Aosta a classi troppo numerose. Quello che accadrà è cercare di usare il tempo e non solo lo spazio, o meglio una combinazione di queste due variabili, in maniera diversa.
Stiamo lavorando su un modello molto più ibrido che adesso seguirà ancora la forzatura che il COVID-19 ci impone, ma che nel tempo diventerà una modalità permanente: lavorare con tempi diversi, con modalità diverse e con le differenze che ogni scuola vorrà applicare a seconda del numero di studenti e a seconda di come è collocata nel territorio. Dovremo avere tre piattaforme su cui lavorare, a cominciare dalla fisicità della scuola, quella a cui siamo tutti abituati: forse si andrà meno a scuola, ma si farà più scuola. In parte si lavorerà in piccoli gruppi anche da casa e in parte stiamo lavorando per creare spazi nuovi, spazi esterni alla scuola, e fare quelli che abbiamo chiamato “patti di comunità”: agevolare le scuole per avere dei laboratori, delle aule e degli spazi che siano esterni, sempre nelle vicinanze della scuola e che possano diventare degli spazi sicuri.

Sarà necessario rinnovare un po’ anche il corpo docente per questa fase 2 della scuola legata alla tecnologia?

Di sicuro c’è un tema di rinnovo del corpo docente. Noi abbiamo la classe docente più anziana d’Europa e abbiamo un digital divide che è chiaramente anche legata all’età. Abbiamo visto che i ragazzi sono sicuramente più smart, ma questo non vuol dire che poi sappiano veramente usare in profondità gli strumenti digitali. Credo che la scuola debba fare educazione anche su questo. Non si tratta ovviamente di fare la stessa lezione online, penso che tutti siano d’accordo su questo. Usare gli strumenti digitali vuol dire anche fare attività legate anche alla cultura e alla comprensione dei mezzi digitali stessi, imparare veramente a sfruttare questi strumenti al meglio ed essere consapevoli del loro potere positivo, ma anche degli aspetti critici.
Ieri sono stati stanziati 3 milioni per i cosiddetti e-Games. Noi li chiamiamo videogiochi, ma non dobbiamo trascurare il fatto che gli e-games abbiano un appeal sui giovani ormai superiore alle attività fisiche normali. Questo non vuol dire che vada assecondato, ma che vada trovato un punto di mediazione, va trovato il modo di portare il digitale anche dentro l’attività fisica e fare delle palestre che usino anche le tecnologie digitali per fare attività motoria. Credo molto nell’ibridazione e credo molto che l’analogico e il digitale non siano due culture opposte. Sono due mondi che devono dialogare tra di loro e credo che la scuola debba avere un ruolo attivo in questo. E i docenti dovranno essere aggiornati e formati. Credo anche che per i giovani sarà un grande richiamo il fatto che la scuola creda di più nel digitale.

Sappiamo che la burocrazia, non solo in questo campo spesso rallenta l’iter di un cambiamento. State pensando anche ad una semplificazione, ad esempio, per quanto riguarda gli appalti?

Sono d’accordo con lei, ma non sono io a legiferare. Siamo però tutti d’accordo nel dover sfruttare questa situazione di emergenza per accelerare e semplificare dell’iter burocratici che non sono soltanto lunghi, ma possono essere anche estremamente fuorvianti e mal fatti. Dico una cosa da architetto: che le gare d’appalto siano sempre vinte nella logica del ribasso e del prezzo minore lo trovo vergognoso. Noi siamo diventati un Paese che punta al ribasso. Vince quello che fa l’offerta più bassa e poi è banale dire che l’offerta più bassa è spesso la più scadente e la più disonesta. Chi fa quel prezzo, poi alla prima questione che esce un attimo dal protocollo scritto ti aggiunge altri costi.
Questo va cambiato. Vanno cambiate le logiche degli appalti, vanno introdotti nuovi criteri che devono essere attenti alla sostenibilità e alle certificazioni. Bisogna alzare l’asticella. In Italia abbiamo forse le scuole migliori del mondo e purtroppo anche le peggiori. Dai casi virtuosi dobbiamo imparare e capire come trasferite in maniera più orizzontale e più distribuita le qualità che ci sono riconosciute.
Io oggi sono scandalizzato: 3 miliardi ad Alitalia e 1 miliardo e mezzo alla scuola e l’università.

A suo avviso da qui a settembre quali sono gli interventi che si potranno fare per far trovare la scuola italiana pronta alla fase 2?

Verranno stanziati 300 milioni, che non sono pochi, per una serie di interventi legati all’emergenza, come per la sanificazione e la ricerca di aperture e ingressi multipli all’interno degli edifici, così come per il distanziamento sociale e la riqualificazione dei bagni. È chiaro che ci sono una serie di operazioni che vanno fatte, ma quello su cui stiamo puntando tanto è dare l’opportunità alle scuole di potersi creare degli spazi satellite, visto che gli spazi non possono essere raddoppiati dalla mattina alla sera. Ci concentreremo molto sulla ricerca di spazi, partendo da quelli demaniali come le caserme o altri spazi grandi e disponibili in prossimità delle scuole.
Il tema non è andare a casa o altrove a fare le stesse cose, ma cercare anche di portare dentro la scuola tempi nuovi.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 29/05

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/05/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 29/05 delle 07:15

    Metroregione di ven 29/05 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 29/05/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Tempi Diversi di ven 29/05

    Tempi Diversi di ven 29/05

    Tempi diversi - 29/05/2020

  • PlayStop

    Radio Session (Stay Human) 29-05-20 (seconda parte)

    a cura di Claudio Agostoni (seconda parte)

    Radio Session (Stay Human) - 29/05/2020

  • PlayStop

    Radio Session (Stay Human) 29-05-20 (prima parte)

    a cura di Claudio Agostoni (prima parte)

    Radio Session (Stay Human) - 29/05/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 29/05

    Fondo per la ripresa, 750 miliardi di euro tra prestiti e sussidi per i paesi più colpiti dalla pandemia di…

    Memos - 29/05/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore - 29/05/20

    MARCO CATTANEO - SFIDARE IL CIELO. LE VENTIIQUATTRO PARTITE CHE HANNO FATTO LA STORIA - presentato da ELENA MORDIGLIA E…

    Note dell’autore - 29/05/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 29/05 (seconda parte)

    Cult di ven 29/05 (seconda parte)

    Cult - 29/05/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 29/05 (prima parte)

    Cult di ven 29/05 (prima parte)

    Cult - 29/05/2020

  • PlayStop

    È partita l'era delle comunità energetiche

    Editoriali di Chiara Falduto, co-fondatrice di Duegradi.eu, e di Davide Agazzi, responsabile del laboratorio di innovazione urbana a Brindisi. Ospiti:…

    C’è luce - 29/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 29/05

    La rivolta di Minneapolis dopo l'uccisione dell'afroamericano George Floyd, il nostro collaboratore dagli Usa Davide Mamone. L'inchiesta della Procura di…

    Prisma - 29/05/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (seconda parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (seconda parte)

    Il giorno delle locuste - 29/05/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (prima parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (prima parte)

    Il giorno delle locuste - 29/05/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di ven 29/05

    Rassegna stampa internazionale di ven 29/05

    Rassegna stampa internazionale - 29/05/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 29/05

    Il demone del tardi - copertina di ven 29/05

    Il demone del tardi - 29/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 29/05 (terza parte)

    Le riaperture. Intervista a Sara Riva sindaca di Gromo (terza parte)

    Fino alle otto - 29/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 29/05 (seconda parte)

    L'edicola di Popolare Network. Il brano del giorno: Francesca Michielin ft.Maneskin: Stato di Natura. Brano che ha accompagnato l'uscita dell'ultimo…

    Fino alle otto - 29/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 29/05 (prima parte)

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: il 29 maggio 1940 avviene…

    Fino alle otto - 29/05/2020

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di gio 28/05

    From Genesis to Revelation di gio 28/05

    From Genesis To Revelation - 29/05/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 28/05

    Rotoclassica di gio 28/05

    Rotoclassica - 29/05/2020

Adesso in diretta