Approfondimenti

Fase 2 e bambini tra centri estivi e distanziamento sociale

bambini fase 2

L’avvio della fase 2 è accompagnato da una serie di problematiche su più fronti, ma una delle esigenze più impellenti per milioni di persone che dal 4 maggio torneranno a lavoro è legata alla gestione dei bambini. Con le scuole chiuse fino a settembre, come si sta organizzando il governo di Conte per far fronte a queste urgenze? Ne abbiamo parlato con Elena Bonetti, Ministra per le pari opportunità e la famiglia.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Alessandro Braga a Prisma.

La scuola non è un parcheggio di babysitting. La scuola è una comunità educante all’interno della quale esiste la possibilità per i bambini di accedere alla formazione personale, ma anche di vivere esperienze di relazione e socialità. A me piace parlare di comunità più che di agenzia educativa. Il fatto che le scuole oggi siano chiuse priva i bambini e i giovani di un pezzo di questo loro percorso educativo, quello di poter vivere, ad esempio, la relazione con i loro coetanei e di poter avere una dimensione di movimento e di uscita dal contesto familiare. Certo, c’è un tema di custodia: finché i bambini sono a scuola ci sono gli insegnanti e gli educatori che se ne fanno carico mentre i genitori possono andare a lavorare.
Il primo punto è il diritto all’educazione integrale, fatta anche di relazioni e di socialità dei bambini e dei giovani. Il secondo punto è un problema di concretezza. È vero quello che abbiamo detto, ma è anche vero che le mamme e i papà non possono abbandonare i figli a casa da soli. Se devono andare a lavorare e i bambini nella fase 2 devono rimanere a casa deve esserci una figura adulta di riferimento con loro, altrimenti è abbandono di minore. Se le scuole sono chiuse bisogna avere delle soluzioni alternative.
Il congedo parentale e il bonus baby sitter erano stati pensati in quella forma per una chiusura iniziale delle scuole non per un lunghissimo periodo.
Poi l’evoluzione dell’epidemia ci ha portato alla necessità di prolungare questa chiusura. Quegli strumenti non possono funzionare sul lungo periodo della chiusura, rispondevano ad un esigenza di immediatezza. Il vero problema si pone adesso con la riattivazione del mondo del lavoro. E per questo stiamo pensando certamente ad estendere i congedi parentali e a renderli anche più elastici nella loro fruibilità.
Io ho molto insistito e insisterò affinché il tipo di congedo parentale sia costruito per da essere condiviso tra le madri e padri. Deve essere chiaro il principio che la custodia, la cura e l’educazione della casa e dei figli non sono affidati soltanto alla donna. La fruibilità deve essere adattata alla turnazione che il lavoro dovrà mettere in campo per questioni di sicurezza sanitaria.
Il voucher baby sitter non dovrà essere usato solo per le baby sitter, ma anche per altri servizi educativi che dovremo attivare. E arrivo al punto chiave: la necessità per questa fase 2 di ricostruire occasioni educative a sostegno delle famiglie per i bambini e per i giovani, ma del tutto riorganizzate. Queste occasioni non devono riprodurre il modello della scuola, un modello di incontro di tante persone. Bisogna ragionare su piccoli gruppi, spazi aperti, indicazioni sanitarie molto precise, una revisione delle modalità del gioco e dello stare insieme.
In una prima fase auspichiamo di poterlo fare almeno per i figli dei lavoratori già da maggio usando gli spazi aperti, poi da giugno con una programmazione strutturata dell’attività estiva, i centri estivi. Stiamo lavorando su questo piano e ho convocato un tavolo di lavoro con tutti i Ministeri coinvolti in qualche modo: il Ministero dell’Istruzione che ha messo a disposizione gli spazi aperti per l’estate, il Ministero dello Sport e quello della Salute. E poi ovviamente i protagonisti – Comuni, Province, Regioni – e ci sarà anche la grande proposta di coinvolgere tutto quel mondo che già oggi è attivo nel nostro Paese – terzo settore, volontariato e realtà educative – per mettersi a disposizione di questa grande sfida che ci attende con un focus specifico: i bambini da 0 a 6 anni.

Che indicazioni darete per conciliare queste esigenze didattiche con la sicurezza dei bambini e degli educatori in questa fase 2?

Le indicazioni saranno molto chiare rispetto alle regole sanitarie di sicurezza. Siamo in un momento in cui dobbiamo fronteggiare e contrastare la diffusione di un’epidemia e per farlo bisogna intervenire in modo scientifico e puntuale sulle indicazioni di alcuni parametri, dalla distanza fisica tra le persone a quali sono i dispositivi dei quali necessitiamo, ma anche alcune procedure di carattere igienico-sanitario. Daremo queste indicazioni, ma poi c’è anche la responsabilità della politica per trasformare queste regole in un possibile modello organizzativo. Se ci si è riusciti nel mondo del lavoro e delle aziende, do per certo che lo si riesca a fare nel mondo educativo, formativo, ludico e ricreativo, proprio perché sono attività che già vivono di creatività e innovazione. Chi mi dice che non è possibile far giocare i bambini a distanza non ha mai organizzato un gioco per bambini e non ha mai fatto educazione. Un educatore sa bene che i bambini possono avere più difficoltà a rimanere a distanza, ma il gioco è uno strumento straordinario e uno dei più elastici.

Prima parlava di attivare dei centri estivi per i figli dei genitori che dal 4 maggio torneranno a lavoro. Mancano pochissimi giorni, quando si saprà qualcosa di più?

Per maggio stiamo lavorando su una situazione della pandemia con numeri ancora alti e non c’è un margine di attivazione di movimento di ulteriori persone. Quello su cui stiamo lavorando coi sindaci è la possibilità di usare gli spazi aperti per organizzare custodia di bambini. Stiamo costruendo questa proposta da sottoporre al comitato tecnico scientifico. Io ho molto insistito affinché i parchi potessero venir aperti per i minimi e avevo chiesto che si potesse accedere in modo contingentato anche all’attività ludica. Questo non è stato concesso, ma io insisterò. È chiaro che deve essere fatto tutto in sicurezza, non a contatto stretto con gli altri coetanei.
Poi stiamo attivando una rete di volontari e di studenti universitari che possono aiutare le famiglie ad affiancare gli studenti e i bambini nell’apprendimento a casa, soprattutto pensando a quelle famiglie fragili per le quali oggi è impossibile affrontare la gestione della didattica a distanza.
Sappiamo che questo può essere uno degli elementi che attiva un processo di impoverimento anche educativo, oltre che materiale. È chiaro che su questi casi più fragili, che i comuni e le scuole sanno individuare, interverremo con uno strumento ad hoc attraverso l’utilizzo di studenti universitari e di volontari.

Matteo Renzi ha accusato il presidente Conte di calpestare la Costituzione per via dei DPCM che continuano ad essere lo strumento utilizzato per imporre regole in questo momento di emergenza. Lei come la pensa da questo punto di vista?

Io penso che ci si salva se ci si salva insieme. I luoghi istituzionali e collegiali sono stati costruiti proprio per assumersi pienamente la condivisione di una responsabilità che non può essere affidata ai pochi, ma che a maggior ragione in questo momento di difficoltà deve essere del Paese. E il Paese è rappresentato dal Parlamento. Il DPCM, che in una prima fase è servito per rispondere all’emergenza, è un provvedimento che non passa in Consiglio dei Ministri. I Ministri, quindi, non entrano nel merito del DPCM, se non quelli sentiti per le materie trattate. Adesso dobbiamo tornare a mettere in campo una progettualità condivisa in seno al governo da portare in Parlamento per raccogliere le sollecitazioni e per fare una verifica rispetto all’operato.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 22/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 22/01/21 delle 07:15

    Metroregione di ven 22/01/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 22/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jack di ven 22/01/21

    Jack di ven 22/01/21

    Jack - 22/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di ven 22/01/21

    Stay Human di ven 22/01/21

    Stay human - 22/01/2021

  • PlayStop

    Memos di ven 22/01/21

    Conversazione sul Pci (seconda puntata, ieri la prima). Cent’anni fa nasceva il Partito Comunista d’Italia e trent’anni fa il Pci…

    Memos - 22/01/2021

  • PlayStop

    Paolo Madeddu, David Bowie changes

    PAOLO MADEDDU - DAVID BOWIE CHANGES - presentato da MATTEO VILLACI

    Note dell’autore - 22/01/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 22/01/21

    ira rubini, cult, equi voci lettori, chi ha ucciso john zebedee, giorno della memoria, biblioteca valvassori peroni, tiziana ricci, artefiera…

    Cult - 22/01/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 22/01/21

    C'e' Luce di ven 22/01/21

    C’è luce - 22/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 22/01/21

    Le inchieste della Procura di Bergamo sul piano pandemico vecchio e comunque non applicato, raccontate dall'avvocato Consuelo Locati: quanti vaccini…

    Prisma - 22/01/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 22/01/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 22/01/21

    Il giorno delle locuste - 22/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 22/01/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 22/01/21

    Il demone del tardi - 22/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 22/01/21

    Fino alle otto di ven 22/01/21

    Fino alle otto - 22/01/2021

  • PlayStop

    Il centenario del PCI

    le versioni integrali delle interviste andate in onda nel corso della giornata per raccontare i 100 anni del Partito Comunista…

    Gli speciali - 22/01/2021

  • PlayStop

    Serve And Volley di ven 22/01/21

    Serve And Volley di ven 22/01/21

    Serve&Volley - 22/01/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 21/01/21

    Rotoclassica di gio 21/01/21

    Rotoclassica - 22/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 21/01/21

    con Alessandro Diegoli. Puntata particolare, dedicata al centesimo anniversario dalla fondazione del PCI, con noi vari ospiti e telefonate sul…

    A casa con voi - 22/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 21/01/21

    1- Strage in un mercato di Baghad. In Iraq torna l’incubo degli attentati kamikaze. ( Laura Silvia Battaglia) ..2-Stati uniti.…

    Esteri - 22/01/2021

Adesso in diretta