Approfondimenti

La nuova indagine del Washington Post sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh

shireen abu akleh

È passato un mese dalla morte di Shireen Abu Akleh, ma la giornalista di Al Jazeera uccisa l’11 maggio a Jenin, in Cisgiordania, da un colpo di arma da fuoco alla testa non ha ancora ricevuto giustizia.

Ancora, infatti, non conosciamo il nome o i nomi delle persone che hanno aperto il fuoco sul gruppo di reporter di cui faceva parte anche Abu Akleh, inviata sul posto per documentare il nuovo raid delle Forze di difesa israeliane che da settimane negano ogni responsabilità.

Ma, secondo una nuova inchiesta pubblicata oggi dal Washington Post, Shireen sarebbe stata colpita e uccisa proprio da un soldato israeliano. Attraverso l’analisi di oltre 60 video, post sui social, fotografie, il quotidiano statunitense ha ricostruito gli ultimi istanti di vita della giornalista. E, oltre all’analisi delle immagini, i giornalisti del Post si sono anche recati due volte sul luogo dell’omicidio per ispezionare l’area e hanno commissionato ad alcuni esperti un’analisi acustica degli spari ripresi dalle videocamere.

Secondo le forze di difesa israeliane, che dal giorno dell’omicidio di Shireen hanno sostenuto questa ipotesi, la giornalista sarebbe stata colpita non intenzionalmente durante uno scontro armato tra forze palestinesi ed esercito israeliano. Eppure, i materiali analizzati dal Post e le testimonianze raccolte dal quotidiano smentiscono ancora una volta questa teoria.

Il gruppo di giornalisti di cui faceva parte anche Shireen si era avvicinato a un convoglio militare israeliano e dalle analisi acustiche che il Post ha commissionato agli esperti emerge chiaramente che i colpi esplosi contro Shireen e i suoi colleghi sarebbero partiti proprio da quel convoglio.

Il capo di stato maggiore delle Forze di difesa israeliane ha più volte dichiarato che nessun soldato israeliano ha sparato deliberatamente contro la giornalista e che non potevano esserci altre conclusioni. Ma l’esercito di Israele non ha mai chiarito in che modo queste conclusioni sono state raggiunte. Come ribadito più volte anche dal Washington Post, non ci sono prove che dimostrino che i soldati del convoglio non fossero a conoscenza della presenza sul posto di giornalisti o che non abbiamo sparato deliberatamente contro di loro.

Nonostante le forze di difesa israeliane abbiamo assicurato di non aver ancora concluso l’inchiesta aperta per far luce sulla morte di Abu Akleh, si continua comunque a negare che ci sia stata una condotta criminale nell’uccisione della reporter.

“Io ero lì per raccontare cosa stava succedendo”, ha detto al Post Ali Al-Samoudi, uno dei colleghi di Shireen, ferito anche lui l’11 maggio alla spalla da un colpo di arma da fuoco. “Ma le notizie, qualsiasi esse siano, non sono più preziose della mia vita. Per questo mi preoccupo di prendere sempre le giuste precauzioni. Noi andiamo lì per raccogliere notizie, non per morire”, ha spiegato il giornalista.

Shireen Abu Akleh, aveva 51 anni, era una giornalista ed è stata uccisa l’11 maggio 2022 mentre stava facendo il suo lavoro. Non possiamo e non dobbiamo smettere di chiedere che vengano fatte chiarezza e giustizia sul suo omicidio.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

Adesso in diretta