Approfondimenti

L’esercito israeliano non aprirà un’indagine sulla morte della giornalista Shireen Abu Akleh

Shireen Abu Akleh

Oggi l’esercito israeliano ha fatto sapere che non verrà aperta un’indagine sulla morte di Shireen Abu Akleh, la giornalista di Al Jazeera uccisa mercoledì scorso mentre stava seguendo un’operazione dell’esercito israeliano nel campo profughi di Jenin, nella Cisgiordania settentrionale.
In un comunicato pubblicato dal giornale israeliano Jerusalem Post, la Polizia Militare – cioè l’organo dell’esercito che si occupa di presunti reati compiuti dai militari – spiega che la decisione si deve al fatto che per legge la morte di un palestinese avvenuta nel corso di un’operazione militare non richiede l’apertura di un’inchiesta a meno che non ci sia il sospetto che sia stato compiuto un reato: e secondo l’esercito israeliano in questo caso non ci sarebbero indizi di questo tipo.

Secondo quanto riporta Haaretz, altro giornale israeliano ma più vicino alla sinistra del paese, la polizia militare avrebbe considerato sufficiente la garanzia fornita dall’esercito del fatto che al momento della morte della giornalista, le truppe israeliane non erano al corrente della presenza di Abu Akleh nelle vicinanze del campo profughi, e quindi ha ritenuto non fosse necessario avviare un indagine. Secondo Haaretz, però, la polizia avrebbe preso questa decisione perché temeva che un indagine su militari israeliani potesse creare spaccature all’interno della società israeliana.
Qualunque sia la motivazione, o la scusa, per cui Israele sceglie di non investigare sulla morte di una giornalista che al momento della morte indossava elmetto e giubbotto antiproiettile con la scritta “PRESS” ben evidente, e che secondo i testimoni è stata colpita da cecchini dell’esercito israeliano, non è tanto importante. Quello che conta è che, ancora una volta, si riconferma ciò che è ormai chiaro da anni: l’impunità dell’esercito israeliano.
Non che la cosa stupisca. Dopo la morte della giornalista, l’esercito ha – nell’ordine: fatto irruzione nella casa della famiglia di Abu Akleh, minacciato il fratello e attaccato violentemente la processione funebre che portava il corpo della giornalista dalla chiesa al cimitero. Dopo la sua uccisione, gli appelli internazionali per un’indagine si sono affollati, per poi scemare velocemente verso il silenzio.

La famiglia di Shireen Abu Akleh continua a chiedere un’inchiesta trasparente, condotta da terzi, e gli Stati Uniti stessi ne avevano promessa una, considerando che Shireen è anche una cittadina americana. Ma per ora niente sembra muoversi.
L’impunità dell’esercito israeliano è un dato di fatto: secondo l’ONG israeliana per i diritti umani Yesh Din, solo lo 0,7% delle denunce palestinesi ha portato a indagini, mentre l’80% è stata chiusa senza nessuna investigazione.
L’effetto di questo, è chiaro: i militari israeliani non hanno nessun motivo per temere ripercussioni per le loro azioni. Nemmeno quando uccidono una giornalista conosciuta in tutto il mondo.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 06/07/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La Portiera di mercoledì 06/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 06/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/06/2022

  • PlayStop

    Addio a Lisetta Carmi, la fotografa degli ultimi

    Ci ha lasciato all'eta' di 98 anni Lisetta Carmi, fotografa di fama internazionale e sorella dell'artista Eugenio Carmi. Viveva da…

    Clip - 07/06/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 06/07/2022

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 07/06/2022

  • PlayStop

    Midnight Ramblers di mercoledì 06/07/2022

    Il 12 luglio del 1962 i Rolling Stones suonarono il loro primo concerto, al Marquee di Londra. Esattamente 60 anni…

    Midnight Ramblers - 07/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 06/07/2022

    Quando magnanimi regaliamo biglietti dei concerti, tra pub e fantasmi vi portiamo in giro per Dublino, facciamo un saltello a…

    Poveri ma belli - 07/06/2022

  • PlayStop

    Cult Estate di mercoledì 06/07/2022

    A Cult Estate di oggi: Lucilla Giagnoni con "Anima Mundi" al Festival di Villa Arconati, Elisa Pol con Sosta Palmizi…

    Cult - 07/06/2022

  • PlayStop

    Odara-Caetano Veloso #80 - 3

    Joao Gilberto

    Odara – Caetano Veloso #80 - 07/06/2022

  • PlayStop

    Odara-Caetano Veloso #80 - 3

    Joao Gilberto

    Odara – Caetano Veloso #80 - 06/07/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di mercoledì 06/07/2022

    La rassegna stampa dei quotidiani in edicola oggi inizia con la politica e le analisi su quel che potrà succedere…

    Radiosveglia - 07/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 06/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/06/2022

  • PlayStop

    Music revolution di martedì 05/07/2022

    La musica è rivoluzione.  A volte perché è stata usata per manifestare un’idea, altre volte perché ha letteralmente scardinato lo…

    Music Revolution - 07/05/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di martedì 05/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 05/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/05/2022

Adesso in diretta