Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 10/12 delle ore 19:30

    GR di mar 10/12 delle ore 19:30

    Giornale Radio - 12/10/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 10/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 10/12 delle 19:49

    Metroregione di mar 10/12 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 12/10/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 10/12

    L'altro martedi' di mar 10/12

    L’Altro Martedì - 12/10/2019

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 10/12

    Wi-Fi Area del mar 10/12

    Wi-fi Area - 12/10/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 10/12 (prima parte)

    La manifestazione di Milano contro tutte le forme di odio con Liliana Segre, Beppe Sala e seicento sindaci italiani (prima…

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/10/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 10/12 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 10/12 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/10/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 10/12

    La manifestazione di Milano contro tutte le forme di odio con Liliana Segre, Beppe Sala e seicento sindaci italiani

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/10/2019

  • PlayStop

    Esteri di mar 10/12

    Esteri di mar 10/12

    Esteri - 12/10/2019

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 10/12 - In piazza con Liliana Segre

    La manifestazione di Milano contro tutte le forme di odio con Liliana Segre, Beppe Sala e seicento sindaci italiani

    Ora di punta – I fatti del giorno - 12/10/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12 (prima parte)

    Malos di mar 10/12 (prima parte)

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Malos di mar 10/12 (seconda parte)

    Malos di mar 10/12 (seconda parte)

    MALOS - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12 (prima parte)

    Due di due di mar 10/12 (prima parte)

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Due di due di mar 10/12 (seconda parte)

    Due di due di mar 10/12 (seconda parte)

    Due di Due - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12 (seconda parte)

    Jack di mar 10/12 (seconda parte)

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Jack di mar 10/12 (prima parte)

    Jack di mar 10/12 (prima parte)

    Jack - 12/10/2019

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 10/12

    Si parla con Rosario Balestrieri, Segretario di Ciso Centro Italiano Studi Ornitologici, di Giornata Internazionale per i Diritti Animali, del…

    Considera l’armadillo - 12/10/2019

  • PlayStop

    Radio Session di mar 10/12

    Radio Session di mar 10/12

    Radio Session - 12/10/2019

  • PlayStop

    Memos di mar 10/12

    «Società ansiosa di massa, stratagemmi individuali, scomparsa del futuro, pulsioni antidemocratiche, uomo forte». E’ solo un elenco parziale delle espressioni…

    Memos - 12/10/2019

  • PlayStop

    Tazebao di mar 10/12

    Tazebao di mar 10/12

    Tazebao - 12/10/2019

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult di mar 10/12 (seconda parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult di mar 10/12 (prima parte)

    Cult - 12/10/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 10/12

    LA STRAGE DI PIAZZA FONTANA - Presentato :LORENZA GHIDINI

    Note dell’autore - 12/10/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Rohingya, i perseguitati nella Birmania di Aung

Sta facendo il giro del mondo la foto di Mohammed Shohayet, un bimbo di soli 16 mesi annegato con la sua famiglia Rohingya mentre cercava di scappare dalla Birmania verso il Bangladesh a bordo di una barca che è colata a picco nel fiume Naf.

“Ecco l’Alan Kurdi Rohingya: ora il mondo prenderà atto?”. E’ l’interrogativo lanciato dalla rete tv statunitense Cnn che, paragonando la foto a quella del bimbo siriano ritrovato su una spiaggia turca nel 2015, vuole accendere un faro sulla persecuzione subita dalla minoranza islamica in Myanmar.

Un popolo che il governo birmano, guidato dalla Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, perseguita per “combattere le infiltrazioni terroristiche islamiche” che hanno provocato attentati e assalti armati. Un popolo, che conta quasi un milione di persone, perseguitato in realtà da sempre, al punto da far parlare diverse associazioni per i diritti umani di genocidio.

Nello stato del Rakhine, dove vive la maggioranza dei Rohingya, vige un durissimo apartheid, che si è ulteriormente inasprito dopo le violenze scoppiate nel 2012. Da allora gli attacchi dell’esercito alle città e ai villaggi di quella regione hanno spinto la popolazione a scappare, per ritrovarsi però bloccati in campi profughi o in aree militarizzate da cui è impossibile uscire. Molte famiglie, come quella di Mohammed Shohayet, tentano periodicamente di scappare in Bangladesh attraversando il fiume Naf.

Lo scorso novembre l’Onu aveva accusato il governo birmano di “pulizia etnica” nei confronti dei Rohingya. Riascolta il servizio del nostro collaboratore Gabriele Battaglia

Gabriele Battaglia – Birmania

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni