Approfondimenti

La Colombia verso la prima vittoria progressista: la storia di Francia Márquez

Francia Màrquez ANSA

In soli 40 anni di vita, Francia Márquez è stata minatrice e collaboratrice domestica, attivista per l’ambiente e i diritti umani, avvocatessa e politica.

Nata il 1° dicembre 1982 nel villaggio di Yolombo, nel dipartimento colombiano di Cauca, a soli 13 anni Márquez ha iniziato la sua attività partecipando alle mobilitazioni contro il progetto di deviazione del fiume Ovejas. Mentre nel 2014, per protestare contro l’estrazione mineraria illegale nel Cauca, ha organizzato, insieme a 80 donne, una marcia di più di 500km dalla sua città natale fino alla capitale del Paese, Bogotà.

Proprio a causa del suo impegno per l’ambiente e il territorio natio, Francia Márquez è stata costretta a lasciare Cauca dopo aver ricevuto minacce di morte da parte delle mafie locali. Minacce che si sarebbero potute concretizzare nell’attentato a cui è sopravvissuta nel 2019.

Francia Márquez, anche vincitrice del Goldman Environmental Prize nel 2018, domenica potrebbe raggiungere un nuovo traguardo: diventare la prima donna nera vicepresidentessa della Colombia.

Secondo i sondaggi, il favorito per la vittoria alle presidenziali del 29 maggio sarebbe infatti il candidato della sinistra Gustavo Petro, ex sindaco di Bogotà, al suo terzo tentativo di conquistare la più alta carica dello Stato. E alle primarie di coalizione del 13 marzo scorso che hanno visto trionfare Petro, la candidatura di Márquez per il ruolo di vicepresidentessa ha raccolto quasi 800.000 consensi.

Se venisse effettivamente eletta, Márquez farebbe salire a quota “due” il numero delle donne nere che hanno ricoperto il ruolo in Sud America. La prima in assoluto è stata Epsy Campbell Barr, ex vicepresidentessa in Costa Rica.

Gli afro-colombiani rappresentano il 10% dei 50milioni di abitanti del Paese. Una parte della popolazione considerata da sempre minoritaria e che non ha mai ricevuto grandi spazi nella vita pubblica, né un’adeguata rappresentanza politica.

Per questo sono molte le persone, soprattutto donne afro-discendenti, che vedono nella plausibile vittoria del duo Petro – Márquez l’inizio di una nuova era di maggiore equità sociale in un Paese da anni scosso dalla violenza e attraversato da profonde disuguaglianze.

L’avversario di Petro è Federico Gutiérrez, candidato di destra ed ex sindaco di Medellín. Per molti Gutiérrez sarebbe un semplice prosecutore dello status quo.

L’esito di questa elezione potrebbe essere decisivo, non soltanto per un cambiamento sociale tanto atteso, ma anche per il fragile processo di pace con i guerriglieri delle FARC, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, avviato con un patto siglato nel 2016. L’accordo ha messo fine a decenni di sanguinosa guerra civile. Ma se, da un lato, Petro e Márquez sono concordi nel proseguimento di questo processo, Gutiérrez, dall’altro, si è più volte detto contrario.

In vista delle elezioni che potrebbero sancire la prima vittoria progressista in Colombia, Petro sarebbe infatti il primo presidente di sinistra, anche la violenza politica è aumentata. La cosa non stupisce se si pensa che nel Paese dagli anni ’80 sono stati quattro i candidati presidenziali assassinati.

Allo Stato si oppongono i gruppi paramilitari e quelli criminali che controllano i traffici di armi e droga. Lo stesso Petro è stato costretto a sospendere la campagna dopo aver ricevuto minacce di morte dalla Cordillera, il gruppo armato che spadroneggia nella zona dei cafeteros, i grandi produttori di caffè.

Ma il duo Petro-Márquez non sembra assolutamente intenzionato a fare passi indietro. L’obiettivo resta dare voce al volto progressista di una nuova Colombia, che avanza al grido di “Il popolo non si arrende”.

di Eleonora Panseri

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 27/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/06/2022

Adesso in diretta