Approfondimenti

La Casa degli Artisti riapre con un tributo all’artista Pippa Bacca

Pippa Bacca Sempreverde

La Casa degli Artisti ha riaperto con un omaggio a Pippa Bacca, l’artista scomparsa in Turchia undici anni fa mentre faceva un viaggio-performance in abito da sposa che doveva essere un inno alla vita contro la guerra e la violenza.

La mostra è intitolata Pippa Bacca Sempreverde e tra le sue opere incontriamo la sorella Rosalia Pasqualino di Marineo, che oltre ad essere sorella di Pippa Bacca è anche nipote di Piero Manzoni, curatrice di questo percorso. L’intervista di Tiziana Ricci per Cult.

Che opere hai scelto?

La scelta delle opere è stata un po’ condizionata dallo spazio. Abbiamo dovuto adattarci e creare una zona che raccontasse il viaggio delle spose, la parte del viaggio di Pippa in Turchia, con alcuni scatti fatti da fotografi nelle tappe di Gorizia, Lubiana e Istanbul. Gli abiti da sposa erano due, Pippa li aveva fatti identici: uno era quello indossato da lei e andato perduto, l’altro era rimasto in Italia proprio perché l’idea di Pippa era quella, una volta rientrata, di confrontare come vivere un’esperienza modifica il vestito e noi stessi.

La sua era davvero una sorta di performance.

Sì, era un viaggio-performance. Lei viaggiava in autostop vestita da sposa. L’abito da sposa era stato scelto come simbolo di qualcosa di positivo, un momento di gioia, di pace e di unione.
Doveva attraversare in autostop undici Paesi che erano stati teatro di guerra e in cui si vedevano ancora i segni, nelle città e nelle persone, delle guerre recenti. L’idea era quella di un vestito positivo che attraversa posti che erano stati teatro di cose tristi e negative. E, in alcune tappe in cui era riuscita ad organizzarsi, Pippa faceva la lavanda dei piedi alle ostetriche, un particolare molto importante perché voleva omaggiare chi fa nascere la vita in posti difficili in cui la guerra ha portato via delle vite umane. Era una specie di rito in cui conversava con le ostetriche sulla maternità, sui loro ricordi ed esperienze.

Oltre all’abito da sposa di sono molte altre opere.

Sì, oltre alle performance, Pippa usava la tecnica del ritaglio con le forbici, un gesto che riporta all’infanzia e l’innocenza, e con questo creava delle opere che sono qui esposte. Poi c’è una serie legata all’autostop: lei faceva le foto alle persone che le davano un passaggio e ha ritagliato queste foto con la forma di barche, auto o aerei.
Oppure abbiamo delle boule de brouillard, delle palle di nebbia che contengono grappa e farina e immagini di personaggi della vecchia Milano che appartengono ad un mondo che stava già scomparendo nel 2008.

La mostra Pippa Bacca Sempreverde è visitabile fino al 13 febbraio 2020 presso la Casa degli Artisti di Via Tommaso da Cazzaniga, 89a a Milano.

Foto dalla pagina Facebook della Casa Degli Artisti

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 26/10/20 delle 19:47

    Metroregione di lun 26/10/20 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 27/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 27/10/20

    From Genesis to Revelation di mar 27/10/20

    From Genesis To Revelation - 27/10/2020

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 26/10/20

    Jazz Anthology di lun 26/10/20

    Jazz Anthology - 27/10/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 26/10/20

    Jailhouse Rock di lun 26/10/20

    Jailhouse Rock - 27/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 26/10/20

    A casa con voi di lun 26/10/20

    A casa con voi - 27/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di lun 26/10/20

    1-” La storia è nostra e la fanno i popoli” , si è avverata la profezia di Salvador Allende... In…

    Esteri - 27/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 26/10/20

    Ora di punta di lun 26/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/10/2020

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 26/10/20

    La pillola va giu di lun 26/10/20

    La Pillola va giù - 27/10/2020

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 26/10/20

    Gimme Shelter di lun 26/10/20

    Gimme Shelter - 27/10/2020

  • PlayStop

    Jack di lun 26/10/20

    Jack di lun 26/10/20

    Jack - 27/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 26/10/20

    Considera l'armadillo lun 26/10/20

    Considera l’armadillo - 27/10/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 26/10/20

    Senti un po' di lun 26/10/20

    Senti un po’ - 27/10/2020

  • PlayStop

    DOC di lun 26/10/20

    DOC di lun 26/10/20

    DOC – Tratti da una storia vera - 27/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di lun 26/10/20

    Note dell'autore di lun 26/10/20

    Note dell’autore - 27/10/2020

  • PlayStop

    Cult di lun 26/10/20

    ira rubini, cult, tommaso sacchi, assessore cultura firenze, dpcm, chiusura teatri, andree shammah, teatro franco parenti, lettera aperta franceschini, tiziana…

    Cult - 27/10/2020

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 26/10/20

    Rachele Borghi, docente di Geografia all’Università Sorbona di Parigi, per la collana Culture Radicali di Meltemi editore ha pubblicato il…

    Sui Generis - 27/10/2020

  • PlayStop

    Prisma di lun 26/10/20

    Prima parte: in giro per bar e ristoranti di Milano con Valerio Sforna, all'indomani della decisione di chiuderli alle 18.…

    Prisma - 27/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 26/10/20

    Fino alle otto di lun 26/10/20

    Fino alle otto - 27/10/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 26/10/20

    Rassegna stampa internazionale di lun 26/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 27/10/2020

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 26/10/20

    Di Lunedi di lun 26/10/20

    DiLunedì - 27/10/2020

Adesso in diretta