Approfondimenti

Jake Daniels, coming out del giovanissimo attaccante del Blackpool

Jake Daniels coming out

Dieci giorni fa, a pochi minuti dalla fine della Championship, il campionato di Serie B inglese, un giovane attaccante entrava in campo con la maglia del Blackpool per la prima volta.

Diciassette anni, nato a un quarto d’ora dallo stadio, cresciuto nelle giovanili fin da quando di anni ne aveva sette. Il suo nome è Jake Daniels e lo scorso febbraio ha firmato il primo contratto da calciatore professionista della sua vita.
A pochi giorni dal suo esordio, Daniels ha preso una decisione: far sapere pubblicamente di essere un calciatore professionista omosessuale.“Ho passato così tanto tempo a mentire, ho pensato e ripensato ogni giorno a come e quando fare coming out. Credo che ora sia il momento giusto – ha detto Daniels in un’intervista a Sky Sports News – È stata dura, in passato ho avuto delle ragazze solo per far pensare ai miei compagni che fossi etero. Quando ho detto la verità a mia madre e a mia sorella, il giorno dopo abbiamo giocato contro l’Accrington e ho segnato quattro gol. Questo dimostra quale peso mi fossi tolto da addosso, quanto mi sentissi sollevato”.

Daniels ha ammesso di aver creduto che tacere il suo orientamento sessuale fosse necessario per la sua carriera. Aspettare il ritiro sembra l’opzione più logica in un mondo, quello del calcio maschile, dove l’omosessualità resta un tabù con rarissime eccezioni. L’anno scorso, il centrocampista australiano Josh Cavallo si era dichiarato gay, ma prima di lui è stato soltanto uno il calciatore professionista in attività a fare coming out.

L’attaccante inglese Justin Fashanu avrebbe forse voluto essere ricordato solo per il gol, premiato come il più bello dell’anno, che segnò ai campioni del Liverpool nel febbraio 1980. Per quanto forte e talentuoso, aveva però tre caratteristiche che lo rendevano profondamente fragile davanti all’opinione pubblica: era orfano, era nero, era gay. Il Nottingham Forest, che in quegli anni vinse due Coppe Campioni, lo acquistò per l’enorme cifra di un milione di sterline, ma appena cominciò a girare la voce che Fashanu frequentasse i gay club di Nottingham la sua vita diventò un calvario.

Nel 1990, Fashanu decide di dichiararsi pubblicamente, ma lo fa nel modo più controverso, vendendo l’esclusiva per una grossa somma di denaro al tabloid The Sun. Finisce ancora più isolato. Persino il fratello John, anche lui calciatore della First Division inglese, prende le distanze. Alla fine della sua carriera, Justin Fashanu avrà cambiato una ventina di squadre e sette Paesi. Nel 1998, un giovane lo accusa di violenza sessuale. Fashanu si suicida, lasciando un biglietto in cui scrive di sapere che sarebbe stato giudicato ingiustamente colpevole.
Ora una fondazione porta il suo nome per lottare contro le discriminazioni e contro l’omofobia nel calcio.

Ora il 17enne Jake Daniels, appena diventato professionista, ha trovato intorno a sé una famiglia, degli amici, un club che lo hanno sostenuto nella sua scelta di dichiararsi omosessuale. Il primo ministro britannico Boris Johnson lo ha ringraziato con un messaggio, augurandogli di essere un’ispirazione. Daniels ha detto che una cosa sarebbe fantastica: “Che altri pensassero: “Se ha avuto il coraggio di farlo questo ragazzino, posso farlo anch’io”.

Luca Parena
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 26/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/06/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di lunedì 27/06/2022

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 26/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 26/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 26/06/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 26/06/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 27/06/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 26/06/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 27/06/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 26/06/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 27/06/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 26/06/2022

    Incantagioni, il nuovo libro di Mariano Tomatis, racconta sei storie di donne ribelli nel mondo del mentalismo; è uscito Prostitute…

    Sui Generis - 27/06/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 26/06/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 27/06/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 26/06/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 27/06/2022

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 26/06/2022

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 27/06/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 26/06/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 27/06/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 26/06/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 27/06/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 26/06/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 27/06/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 27/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 27/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/06/2022

Adesso in diretta