Approfondimenti

Italia in isolamento: le iniziative e le difficoltà a Segrate

Comune di Segrate

Il primo cittadino di Segrate, Paolo Micheli, racconta a Radio Popolare la situazione nel comune alle porte di Milano e parla delle difficoltà che i cittadini e l’amministrazione stanno affrontando in queste settimane tra intere famiglie in quarantena, concittadini ricoverati in ospedale e una parte della popolazione più giovane che fa fatica ad adattarsi alle misure restrittive.

L’intervista di Serena Tarabini a Fino Alle Otto.

Com’è la situazione nel vostro comune?

Purtroppo ieri abbiamo avuto un secondo deceduto. Ci sono diversi miei concittadini che si trovano in ospedale in una situazione drammatica. Li stiamo monitorando insieme alle autorità sanitarie e le famiglie, stiamo cercando di capire come procedono le loro vite in ospedale.
Ufficialmente a Segrate ci sono una ventina di cittadini con coronavirus, ma le informazioni che ci danno i medici di base sono un po’ diverse: probabilmente i numeri sono un po’ più alti. E poi c’è una quantità di persone in quarantena. Noi registriamo spavento e molta agitazione in tutte le famiglie colpite da questa malattia. Dall’altro lato riscontriamo degli atteggiamenti di superficialità. È complicato per noi sindaci cercare di costringere la popolazione, soprattutto i più giovani, a rimanere a casa.
Continuo a pensare che la persuasione sia più utile delle sanzioni. Oggi la cosa che deve starci a cuore è la nostra vita, ma i ragazzi fanno un po’ fatica a capirlo. Andiamo in giro coi megafoni per dire alle persone di rimanere a casa. Credo ci sia anche una responsabilità della politica. All’inizio, quando è arrivata la prima ondata di questo virus, la politica avrebbe dovuto dare fin dal principio regole stringenti. E invece ci stiamo arrivando passo dopo passo. Non voglio giustificare questi atteggiamenti, ma arrivandoci passo dopo passo questa cosa potrebbe aver generato un po’ di confusione. Siamo arrivati un po’ tardi alla chiusura totale e forse all’inizio il messaggio è stato un po’ confuso. Io ogni giorno chiamo le famiglie che sono in quarantena o i loro parenti. Ieri ho chiamato una famiglia per sapere come stava il padre e mi hanno risposto con voce rotta che era appena morto. Noi non eravamo ancora stati avvistati, è stato sconvolgente anche per me. Ho chiamato un anziano che si trovava in ospedale per COVID-19, piangeva a dirotto perché la moglie malata di tumore aveva preso il COVID-19 in un altro ospedale. Non la vede da due settimane, non aveva sue notizie da giorni e ad un certo punto è arrivata una chiamata dall’altro ospedale dicendogli che avrebbero dimesso la moglie perché avevano bisogno di posti letto. Era disperato perché la moglie non è in grado di stare da sola e mi chiedeva un supporto.
Ho chiamato un’altra famiglia di un ammalato che si trova in ospedale per capire com’era la situazione e ho scoperto che una signora di 86 anno era rimasta da sola e che non stava mangiando da tre giorni. Il dramma di questa malattia è davvero complesso e va a colpire in maniera profonda la parte più fragile della nostra popolazione. Questo è davvero il tempo della responsabilità, è il momento di mettere da parte i nostri egoismi.

Anche lei è sottoposto a questo regime restrittivo. Come fa a conciliare i suoi impegni da amministratore con queste limitazioni?

A Segrate abbiamo contingentato il personale e attivato lo smart working per tutti i casi in cui era possibile. L’edificio del comune è abbastanza svuotato e portiamo avanti quelle che sono le funzioni essenziali.
Io continuo ad andare in comune insieme ai collaboratori più stretti, ma quello che faccio è anche cercare di aggiornare la popolazione su quello che sta succedendo. Cerco di fare da megafono delle informazioni per raccontare la complessità e la delicatezza del momento. Sono in isolamento sia a lavoro che a casa.

Foto dalla pagina Facebook del sindaco di Segrate Paolo Micheli

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

Adesso in diretta