Approfondimenti

Il Governo ha cancellato il blocco dei licenziamenti

blocco dei licenziamenti

Il Governo ha cancellato il blocco dei licenziamenti. Unica eccezione, la filiera del tessile. La fermezza di Draghi, sostenuto dall’asse Lega-Italia Viva, non ha lasciato altre concessioni. Non si salvano neppure le 85 aziende con aperto un tavolo di crisi.

È difficile persino chiamarla mediazione.
Di fatto passa la linea più ferma, quella di Confindustria, che voleva subito la fine del blocco: in industria ed edilizia le aziende potranno ricominciare a licenziare, con decine, forse centinaia di migliaia di posti a rischio, difficile quantificarli. Unica concessione la filiera del tessile – circa 140 mila lavoratrici e lavoratori coinvolti – che sarà quindi l’unico oggetto dell’apposito decreto che il Governo approverà domani per allineare il blocco al 31 ottobre, come nei servizi. Spetterà ora ai tecnici definire i criteri oggettivi.

È questo l’esito della cosiddetta “cabina di regia”, il vertice tra il presidente del Consiglio Mario Draghi ed i ministri che nel Governo rappresentano i partiti della maggioranza. Il blocco del pagamento delle tasse per le imprese, quello invece è stato prorogato, di due mesi.

Scartata l’ipotesi di allargare le eccezioni ad altri settori -l’automotive ad esempio – usando il criterio del ricorso alla cassa integrazione, non si salvano nemmeno i 55mila lavoratori delle 85 aziende per cui è aperto un tavolo di crisi, che sembrava potessero beneficiare della deroga e che invece non sarà automatica, ma scatterà solo se saranno le aziende a chiedere fino a 13 settimane di ulteriore cassa covid. Potrà licenziare ad esempio Whirlpool, prima ad annunciare che con la fine del blocco dei licenziamenti avrebbe avviato le procedure. I sindacati avevano chiesto almeno di attendere la riforma degli ammortizzatori sociali, per evitare che chi sarà buttato fuori dalle aziende, rischi di trovarsi senza lavoro e senza tutele.

Richieste totalmente ignorate: il Governo li incontrerà oggi, ma a giochi ormai fatti. Ultima carta che resta a Cgil-Cisl e Uil è sperare nella benevolenza di Confindustria ad accettare un patto per utilizzare prima tutti gli strumenti consentiti – contratti di espansione, proroga della cassa covid laddove è possibile – e solo poi procedere ai licenziamenti.

Difficile: le imprese in queste settimana hanno mostrato una certa fretta per poter per iniziare prima possibile quei processi di ristrutturazione interna che per i sindacati si tradurranno nell’espulsione dalle aziende dei contratti più tutelati e remunerati, sostituiti da collaborazioni, interinali, contratti a tempo. Del resto è già avvenuto nei primi mesi del 2021, con il boom dei contratti a termine a fronte di una situazione per le imprese tutt’altro che drammatica: lo testimoniano i dati Istat di forte crescita su tutti i fronti: produttività, fatturato, fiducia, lo stesso risparmio di 5 miliardi sui sostegni non richiesti discussi nella cabina di regia è un indice chiaro.

La proroga avrebbe solo rimandato ad ottobre questo che è il vero nodo socio-politico: in quali tasche finiranno i soldi della crescita che è già ripresa. Ma le associazioni di categoria delle imprese volevano evitare di trovarsi a novembre troppi licenziamenti tutti insieme in un clima sociale potenzialmente rovente.
Di fatto è passata questa linea.

Il segretario del PD Enrico Letta ed il suo ministro Andrea Orlando rivendicano quella che chiamano “mediazione”, per Orlando – contestato ieri all’Ilva di Genova – la fine del blocco dei licenziamenti così sarà “meno traumatica”. Ma la linea di Pd, 5S, LeU, e persino di Forza Italia, che chiedevano 2 mesi di proroga secca, è stata bocciata, per la fermezza di Draghi sostenuta dall’asse tra leghisti e renziani.

  • Autore articolo
    Massimo Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 19/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 19/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giacomo Natali, Capire l'Eurovision. Tra musica e geopolitica

    GIACOMO NATALI - CAPIRE L'EUROVISION. TRA MUSICA E GEOPOLITICA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 19/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 19/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare, in onda alle 11.30: le corrispondenze dal Salone del Libro di…

    Cult - 19/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 19/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 19/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 19/05/2022

    DRAGHI RIFERISCE IN PARLAMENTO SULLA GUERRA Dalle 9 la diretta dell'intervento al Senato del Presidente del Consiglio Mario Draghi, che…

    Prisma - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 19/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 19/05/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 19/05/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 19/05/2022

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 19/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 18/05/2022

    Jazz Ahead 174 - Playlist: 1. Sounds Like Freedom, Rosa Brunello, Sounds Like Freedom, Domanda Music, 2022 2. Desert Moon…

    Jazz Ahead - 19/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 18/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 18/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 18/05/2022

    Con Fabio Ciconte parliamo della grande industria agricola e alimentare mondiale, con Samantha Pilati, meteorologa dell'Osservatorio Milano Duomo, dell’ondata di…

    Il giusto clima - 19/05/2022

  • PlayStop

    What's going on? 18/05/2022

    a cura di Luigi Ambrosio

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 18/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 19/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 18/05/2022

    1) Indipendenti da Mosca, ma non ancora dal nucleare e dal carbone. Il piano europeo Re-PowerEu punta a ridurre la…

    The Game - 19/05/2022

Adesso in diretta