Approfondimenti

Domani si vota, il “barone nero” spazza via la difesa di Giorgia Meloni e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di sabato 2 ottobre 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Si è conclusa oggi a Milano con un lungo e colorato corteo la settimana dedicata alla giustizia climatica: per dare un futuro al pianeta bisogna cambiare la produzione. Quello dei politici resterà soltanto un “bla bla bla”? “Non facciano finta di non conoscermi, i voti neofascisti fanno gola” ha detto Roberto Jonghi Lavarini, il ‘barone nero’ protagonista dell’inchiesta di Fanpage sui legami della destra milanese con gruppi neofascisti ed estremisti. E il commento spazza via tutti i tentativi di Giorgia Meloni di prendere le distanze. Domani si vota. Infine, l’andamento della pandemia di COVID-19 in Italia.

L’ultimo corteo per la giustizia climatica

Si chiude con un lungo corteo colorato per le vie di Milano la settimana che ha reso il capoluogo lombardo la capitale del clima. La città ha ospitato prima il summit dei giovani, e poi la Precop che si è conclusa oggi. Agli eventi ufficiali si sono aggiunte decine di iniziative organizzate da associazioni e movimenti in rete, fino alla marcia globale di oggi pomeriggio, quando in migliaia hanno risposto all’appello di scendere in piazza lanciato ieri nel venerdì di sciopero per il clima dai movimenti degli attivisti. Tra i manifestanti infatti non c’erano solo studenti, ma anche molte realtà della società civile, famiglie e persone di tutte le età. Sentiamo alcune delle voci raccolti dai nostri inviati.

Proprio mentre era in corso la manifestazione, sempre a Milano si teneva la conferenza stampa di chiusura della Precop, tra le dichiarazioni conclusive si avverte un grande attivismo, spinto anche dai movimenti dei giovani e dalle manifestazioni degli ultimi giorni. “I cambiamenti climatici rappresentano la più grande minaccia per l’umanità” e occorre quindi “cambiare radicalmente e velocemente” ha detto per esempio il vice presidente della Commissione europea, Frans Timmermans. Sullo stesso tono anche l’inviato Usa per il clima John Kerry: “Glasgow è la sfida del secolo” ha detto, aggiungendo che “stare entro il grado e mezzo di aumento del clima è un obiettivo raggiungibile, ma tutti i Paesi devono fare di più”. La Precop è stata l’evento preparatorio per la Cop26 di Glasgow, considerato un summit cruciale per la verifica degli accordi di parigi e per gli impegni che i singoli paesi dovranno prendersi proprio per fermare la corsa al riscaldamento globale. Oltre ai 50 ministri per l’ambiente e ai delegati dei governo, alla precop hanno partecipato anche alcuni gruppi come i giovani di italian Climate network, di cui Giulia Persico è membro e rappresentante.

Si vota!

Ci siamo, domani si vota. Urne aperte dalle 7 di mattina e fino alle 23, e poi anche lunedì fino alle 15.1.157 i Comuni, due supplettive, e le regionali in Calabria. L’attenzione ovviamente è sui sei capoluoghi di Regione, I risultati di Roma sono i più attesi e forse più incerti, e poi Milano, Torino, Bologna, Trieste e Napoli. A Roma tutto più aperto, i candidati sono quattro – Michetti Gualtieri Raggi Calenda – e la battaglia è per arrivare al ballottaggio. a politica guarda con attenzione alla sfida nella capitale, ma è così sentita tra i cittadini? A Milano , dopo una campagna elettorale piuttosto moscia, le incognite riguardano l’affluenza e la possibile vittoria di Sala al primo turno. Il politologo dell’università Bicocca Roberto Biorcio.

La galassia di Fratelli d’Italia a Milano

(di Alessandro Braga)

Msi, An, Fratelli d’Italia. A Milano, se si parla di destra postfascista, con mille virgolette e un grosso punto di domanda sul post, si parla della famiglia La Russa. Romano e, ancor di più, Ignazio. Ora si affaccia una nuova generazione, la terza, se si considera che il padre di Ignazio e Romano, Antonino, è stato senatore dell’Msi. In questa tornata elettorale, a livello di municipio, ci prova uno dei figli di Ignazio, Cochis, dopo che Geronimo, un altro figlio, si è bruciato la carriera per alcuni guai giudiziari in cui è incappato. Una dinastia al servizio della destra. Con atteggiamento spavaldo, senza mai nascondere la propria nostalgia per il ventennio. Attorno a loro, negli anni, varie figure hanno provato a ritagliarsi il proprio spazio. Riccardo Decorato, ad esempio. Vicesindaco sceriffo di Milano, consigliere comunale per lungo tempo. O Paola Frassinetti, altra big dei fratelli milanesi. O ancora, Roberta Capotosti, che qualche anno fa nei manifesti della sua campagna elettorale sfoggiava al collo una bella croce celtica. E Carlo Fidanza, ora autosospeso. È lui che negli ultimi venti anni, sempre vicino alla leader Giorgia Meloni, ha tessuto rapporti con la più becera destra neofascista sul territorio, dalle curve sportive ai convegni in cui negazionismo e apologia di fascismo la facevano da padrona. Infine Jonghi Lavarini, il barone nero, anche lui coinvolto nell’ultimo scandalo. Ufficialmente tutti lo tenevano a distanza, informalmente tutti trattavano con lui, per la forza attrattiva che ha sempre esercitato sulla galassia neofascista milanese. In questa tornata elettorale vorrebbero fare il botto, superando la Lega, che negli ultimi anni ha portato via a Fratelli d’Italia molti voti dell’estrema destra. Un derby a destra, con implicazioni giudiziarie da entrambe le parti.

Viaggio nella periferia romana che ha perso la fiducia

(di Luigi Ambrosio)

Il barista parla con l’amico che gli dice ‘stanotte non ho dormito’: “è perché stai da tanto senza lavorare. Si perde la spinta ad alzarsi per fare cose”. L’amico annuisce, la testa bassa. Sul bancone i santini di un candidato di Forza Italia. CONTINUA A LEGGERE

A Nardò botte e insulti ai candidati Cinque Stelle

E’ diventata un caso politico l’aggressione contro un esponente dei 5stelle ad opera di neofascisti ieri sera a Nardò, comune di 30mila abitanti in provincia di Lecce. Il capo politico del Movimento Giuseppe Conte ha chiesto al mondo politico di condannare questa ed altre due aggressioni che hanno colpito il Movimento in campagna elettorale. I fatti di Nardò si sono svolti al termine del comizio del sindaco uscente di destra, Pippi Mellone, che aveva definito i suoi avversari “il male da asfaltare”. Alcuni suoi sostenitori, identificati come vicini a Casa Pound, hanno aggredito fisicamente e con insulti omofobi i sostenitori del suo sfidante, Carlo Falangone sostenuto da PD e 5 Stelle. Ad avere la peggio è stato Tiziano De Pirro dei 5 stelle, con una mano rotta e altre ferite per cui è ancora ricoverato in ospedale e sottoposto ad accertamenti. Nel PD si è aperta una polemica: Mellone infatti ha avuto anche l’appoggio del presidente della regione del PD Emiliano, che per le regionali a sua volta era stato sostenuto da Mellone. “Mi aspetto parole chiare, forte e decisioni conseguenti dai vertici del partito”, ha dichiarato il senatore pugliese del Pd Dario Stefano. Mellone si è difeso parlando di un diverbio per “motivi calcistici”.

Altro che untori, gli adolescenti e la corsa al vaccino

(di Alessandro Principe)

Sono stati additati come gli untori: la movida, le spiagge, le feste abusive.
Gli adolescenti, le ragazze e ragazzi tra i 14 e 18 anni, oggi sono quelli che più credono nell’importanza dei vaccini e sono pronti ad affrontare contrasti in famiglia, pur di poter essere immunizzati. Affermano con forza la loro fiducia nella scienza e pensano che ci salverà dalla pandemia. Sono i risultati della ricerca Ipsos per Save the Children. Gli adolescenti italiani si sono informati di più sulle questioni scientifiche in questi mesi di pandemia e hanno le idee chiare: nonostante più della metà degli intervistati (59%) affermi che sia comprensibile che le persone siano spaventate dal vaccino, quasi due adolescenti su tre (64%) sono favorevoli all’introduzione dell’obbligo vaccinale. Una scelta – quella del vaccino – sulla quale sono coerenti anche nelle proprie scelte personali: solo uno su 10 afferma di non avere alcuna intenzione di vaccinarsi, gli altri o lo hanno già fatto (60%) o dichiarano di volerlo fare (30%) nel momento della rilevazione, ad agosto di quest’anno. La famiglia, molto più della scuola o degli amici, è il luogo in cui si è discusso di vaccini e di ricerca scientifica nell’ultimo anno. I contrasti sull’utilità dei vaccini sono scoppiati in 4 famiglie su 10, “almeno qualche volta”. Tra chi lo dichiara, ben 6 giovani su 10 sostengono che la principale ragione di contrasto è stata il loro essere a favore dei vaccini. Tuttavia, solo in pochi casi il contrasto si è tramutato in divieto al vaccino. I giovani che volevano vaccinarsi sono stati liberi di farlo nella maggioranza dei casi (7 su 10) anche se non tutto è filato sempre liscio. 3 su 10, infatti, sono i minori che hanno avuto contrasti in famiglia perché volevano vaccinarsi e hanno dovuto insistere per farlo o si sono trovati in una situazione di impedimento effettivo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

In Italia si registrano, il 2 ottobre, altri 3.312 casi e 25 vittime di coronavirus. Lo riportano i dati del ministero della Salute. Effettuati 355.896 tamponi, per un tasso di positività che si attesta allo 0,9%. Le terapie intensive aumentano di 3 unità, per un totale di 432, mentre i ricoveri nei reparti ordinari sono in negativo di 61 unità nelle ultime 24 ore.

Foto | L’iniziativa ‘Viva Vittoria’ con l’esposizione di cinquemila coperte multicolore per sostenere le donne che hanno subito violenza in piazzatta Reale Milano

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 12/07 10:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 12/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 11/07/2024 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 11-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di venerdì 12/07/2024

    Oggi a Cult Estate: Giovanni Chiodi sulla stagione lirica estiva in diretta da Canterbury; Claudio Ricordi sulla serata dedicata a Giacomo Puccini a Venegono Superiore; a Milano apre un nuovo e antico spazio: il Casello di S. Cristoforo; Mario Brunello dirige il programma dello Stresa Festival 2024; a Base Milano la Compagnia Marionettistica Carlo Colla e Figli propone la rassegna "Marionette d'Estate"; Stefano Annoni al Teatro Franco Parenti con la sua versione di "Il sentiero dei nidi di ragno" di Italo Calvino; Tiziana Ricci parla con il neo-direttore di Brera della probabile futura apertura di Palazzo Citterio...

    Cult - 12-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 12/07/2024

    a cura di Roberto Maggioni e Massimo Alberti Joe Biden non molla. “Sono il candidato giusto per battere Biden” dice il presidente Usa in chiusura del vertice Nato a Washington. Ne parliamo con Fabrizio Tonello professore di Scienza politica presso l'Università di Padova. Il decreto sicurezza del governo: cosa c’è e cosa sta uscendo. Devis Dori, capogruppo AVS in commissione giustizia La Spagna, Lamine Yamal e il quartiere di Barcellona dove è cresciuto e che il partito spagnolo di estrema destra Vox definisce “letamaio multiculturale”. Con Nicola Tanno, ricercatore in scienze politiche, autore per Jacobin, vive e lavora a Barcellona Gaza, la scorta mediatica. Con l’autore del libro Raffaele Oriani. Ex collaboratore del Venerdì di Repubblica, autore del libro “Gaza, la scorta mediatica. Come la grande stampa ha accompagnato il massacro. E perché me ne sono chiamato fuori”

    Giorni Migliori – Intro - 12-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 12/07/2024

    In conduzione Francesco Tragni. Abbiamo raccontato dove sono finiti i soldi dell'8 per mille del 2024, dell'impresa di Jasmine Paolini a Wimbledon e ascoltato quali pazzie hanno fatto i nostri ascoltatori in nome delle loro grandi passioni.

    Apertura musicale - 12-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 12/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 11-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 11/07/2024

    La cultura pop dell'ultima generazione ad aver passato la maggiore età, dall'ascolto al racconto. Un'atmosfera leggera e autoironica per scoprire, dalle voci di due che nel nuovo millennio ci sono nati, cosa ci sia di generazionale e cosa invece sta diventando storia. Una trasmissione che per i “centennials” sarà un'opportunità per ritrovarsi, mentre per tutti gli altri sarà una porta d'accesso. Il giovedì dalle 23 a mezzanotte, a cura di Luca Santoro e Alessandro Simonetta.

    IconZ - 11-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 11/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 11-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 11/07/2024

    L'ultimo giorno del vertice della Nato e l'attesa per la conferenza stampa di Biden, con Roberto Festa. Il dibattito italiano sulla giustizia, con l'ex procuratore di Milano Edmondo Bruti Liberati. Il rapporto Ecomafia con Sara Dell'Acqua e Enrico Fontana di Legambiente. L'ospedale pediatrico bombardato a Kiev con Joshua Evangelista di Gariwo. Il 29esimo anniversario del genocidio di Srebrenica con Andrea Rizza Goldstein, coordinatore del partenariato tra Arci e il Memorial Center Srebrenica. Le prove Invalsi 2024 con Alex Corlazzoli, maestro e giornalista. I 45 anni dall'omicidio di Giorgio Ambrosoli, con il figlio Umberto.

    Popsera - 11-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di giovedì 11/07/2024

    Quando si vola in Germania con würstel e sandali con calzini bianchi per questa fresca giovane puntata tra battute di tennis, luoghi comuni e scoperte sulla materia oscura. Entriamo poi nel vivo dei concerti con l'esclusiva rubrica "Cegna, Cegna edition".

    Poveri ma belli - 11-07-2024

Adesso in diretta