Approfondimenti

I pacifisti sono pochi? Le risposte dalla piazza di Milano contro la guerra

milano pace ansa

Sono pochi in piazza per la chiamata alle arti di Milano contro la guerra, nel sesto sabato consecutivo di mobilitazione. C’è un camion con l’amplificatore e un palchetto per racconti, poesie, improvvisazioni.

Le bandiere e gli striscioni sono quelli di chi c’è sempre: centri sociali, Rifondazione, sindacati di base, Mediterranea. Ma in piazza molti sono venuti senza sigle. Ci sono tre giovanissime di Brugherio che hanno provato a coinvolgere la loro classe, sono venute con due professori e le mamme. Se chiediamo a loro perché la mobilitazione sembra diminuire, invece che crescere con gli orrori che si vedono, ci dicono che è perché è già diventata un fatto quotidiano non come nei primi giorni. Assuefazione e anche un po’ di rimozione dell’orrore per chi era uscito già scosso da due anni diversamente normali. La solita fottuta paura, insomma, di cui hanno colpa soprattutto i media, su questo sono tutti d’accordo.

I più vecchi dicono, niente di nuovo: siamo sempre stati soli in piazza come a fare volontariato, e lo siamo ancora oggi a portare aiuti con le carovane, ad accogliere i profughi nelle case, accompagnarli, aiutarli per inserire i figli a scuola, le istituzione arrivano sempre dopo, se arrivano e i media a puntare il dito contro di noi: le anime belle. Solo che questa volta la proporzione è davvero annichilente: sembra la campagna interventista della prima guerra mondiale.

E colpisce anche le aree vicine al pacifismo stavolta con molti se e ma. Sai cosa mi fa incazzare, dice il pacifista di lungo corso, uno che è stato sotto le bombe a Gaza come a Sarajevo: la pace si costruisce quando c’è, perché poi quando arriva la guerra è tardi, adesso puntano il dito contro di noi che li avevamo avvertiti che sarebbe finita male anche questa volta… Hanno paura i pacifisti di rimanere inascoltati come successe 20 anni fa quando denunciavano la deriva dittatoriale di Putin o come quando chiedevano energie rinnovabili e meno dipendenza da gas e petrolio. Venti anni fa si diceva costassero troppo e venivano trattati da belle anime sognatrici, adesso? Adesso, nonostante avessero tutte le ragioni, i pacifisti sono in un isolamento ancora più grande. Sperano nella marcia Perugia Assisi, nel Papa. Non c’è più politica. Ma non smetteranno, perché “tra uccidere o morire c’è una terza via, vivere”.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 25/05/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di martedì 24/05/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 25/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Lea Ypi - Libera. Diventare grandi alla fine della storia

    Negli studi di Radio Popolare, la docente, saggista, filosofa e scrittrice Lea Ypi, racconta a Cult di Ira Rubini, la…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 23/05/2022

    Questa puntata è realizzata con bambine e bambini dell'IC Confalonieri nell'ambito del progetto Be Resilient Be Sustainable realizzato in collaborazione…

    La Pillola va giù - 25/05/2022

  • PlayStop

    Contrabbando di meteoriti

    quando andiamo a controllare se ad Amsterdam i tour di Zucchero procede secondo i piani, voliamo in Uruguay sulle tracce…

    Poveri ma belli - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Festival di Cannes, la rassegna Nuove…

    Cult - 25/05/2022

Adesso in diretta