Approfondimenti

La linea di Draghi sulla pandemia, i 500mila morti negli Stati Uniti e le altre notizie della giornata

Il racconto della giornata di domenica 21 febbraio 2021 con le notizie principali del giornale radio delle 19.30. Domani la prima decisione su come gestire la pandemia a firma del neo premier Draghi: esclusa una zona arancione vaccinale, forse ci saranno delle micro aree rosse. Sui vaccini? Per arrivare al traguardo di mezzo milione al giorno siamo in ritardo. Gli Stati Uniti arrivano a 500mila morti: più delle due guerre mondiali e quella in Vietnam messe insieme. L’ipotesi è coinvolgere anche l’esercito. I grillini litigano, anche tra gli “espulsi”. Infine, i dati di oggi sull’andamento dell’epidemia da COVID in Italia con i grafici di Luca Gattuso.

Nessuna zona arancione nazionale, ma lockdown locali e risarcimenti certi

(di Luigi Ambrosio)

Privilegiare lockdown e restrizioni solo su base locale, provinciale o comunale. E con risarcimenti certi. Decisioni comunicate con ampio margine, mai più casi come quelli delle piste da sci. E poi far partecipare i ministri dell’economia e dello sviluppo economico alla cabina di regia che definisce le strategie anti covid. Sono richieste che le regioni stanno comunicando al governo in vista del consiglio dei ministri di domani mattina. Da un lato, i presidenti del nord, quasi tutti di centrodestra, fanno valere il loro peso. Dall’altro, la ministra Gelmini, di Forza Italia, pronta ad accogliere le loro richieste.

L’asse politico è favorevole a chi vede male la linea dura, soprattutto sul fronte del lavoro e della produzione. La richiesta di avere i ministri economici nella cabina di regia da questo punto di vista è particolarmente significativa. Chi rischia di essere sconfitto è il ministro della salute, Speranza. Draghi sembra orientato a mantenere anzi rafforzare misure rigorose per i cittadini, a partire dal prolungamento anche fino alla fine di marzo del divieto di spostamento tra regioni e il divieto di incotrare più di due persone per volta nelle abitazioni private. E allo stesso tempo ad accogliere la richiesta di chiusure e lockdown là dove si verificano gli ingrementi maggiori dei contagi. Pensando alla tenuta del sistema economico. E intanto Salvini, che si sta imponendo, apre un nuovo fronte, quello della sostituzione del commissario straordinario all’emergenza coronavirus, Domenico Arcuri: “mi aspetto il suo licenziamento, ha fallito”. Prima le piste da sci, poi il no a misure uniche nazionali, ora Arcuri. Salvini sta usando la stessa strategia di sempre: attacca e costringe gli altri a difendersi. E tutti gli altri, ancora una volta, inseguono.

Movimento 5 Stelle, si litiga (anche) tra gli espulsi

Anche tra gli espulsi dal movimento 5 stelle ci sono divisioni. Questa mattina ai microfoni di radio popolare il deputato Pino Cabras ha spiegato che la strada è quella di creare una nuova forza politica. Affermazioni che hanno suscitato la reazione di Barbara Lezzi, un’altra espulsa per non avere votato la fiducia a Draghi. “Cabras con qualcun altro vorranno costituire un altro gruppo. Io no, resisterò in tutti i luoghi perché ritengo di avere diritto di restare nel M5s – ha detto Lezzi – e io voglio correre per il comitato direttivo”. Cabras invece si sente già altrove.

 

Negli Stati Uniti i morti sono 500mila

(di Roberta Festa)

Dopo i ritardi di Pfizer e Moderna, oggi Astrazeneca ha annunciato un taglio delle forniture di In Gran Bretagna domani il premier Boris Johnson annuncerà le prime misure per allentare il lockdown nazionale. Nel paese, è stato comunicato oggi, le persone vaccinate sono 18 milioni. Un adulto su tre. Negli Stati Uniti, Biden rilancia la campagna di vaccinazione di massa. Gli usa hanno ordinato altre 200 milioni di dosi, 100 a Pfizer e 100 a Moderna. I morti, negli Stati Uniti, hanno raggiunto la soglia dei 500mila. Come le due guerre mondiali e la guerra del Vietnam messi insieme.

“Non è un raptus a ucciderci, basta crederci!”

(di Alessandra Fava)

Il femminicidio di Clara Ceccarelli, uccisa a coltellate nel suo negozio, nel centro di Genova, dall’ex compagno che la perseguitava da un anno. Ieri in 200 si sono ritrovate davanti al luogo del delitto con uno striscione per dire: “Non è un raptus a ucciderci, basta crederci!”.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Sono 13.452 i casi e 232 vittime nelle ultime 24 ore. I deceduti arrivano quindi a un totale di 95.718, mentre i contagi sono a quota 2.809.246 dall’inizio della pandemia. I tamponi nelle ultime 24 ore sono stati 250.986 e il totale dei tamponi arriva quindi a 38.058.939 (33.746.297 test molecolari e 4.312.642 antigenici). I guariti dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono ad oggi 2.324.633.

Foto | Il presidente Fontana alla giornata dedicata alla comunità resiliente e alle vittime del Covid-19 a Codogno

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 01/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/01/2022

Adesso in diretta