Approfondimenti

Guerra in Palestina, la protesta degli studenti milanesi

manifestazioni studentesche pro palestina

Anche a Milano gli studenti e le studentesse si stanno mobilitando per la Palestina. Come nei campus americani e in un centinaio di università europee, la modalità della protesta è quella delle tende. Ci sono due accampamenti a Milano: all’Università Statale in via Festa del Perdono e fuori dal Politecnico. Gli studenti dei collettivi e dei giovani palestinesi chiedono agli atenei di rompere gli accordi con le università israeliane e di attivarsi per dare solidarietà concreta alla popolazione di Gaza. Per Giorni Migliori, Roberto Maggioni ha intervistato Jawan e Chiara, due studentesse accampate nel chiostro dell’Università degli Studi di Milano

Venerdì scorso sembravano esserci circa quaranta tende, ma ora sembra ce ne siano un po’ di più anche sotto i portici del chiostro, si è aggiunto qualcuno alla protesta?

Chiara: “Credo che il picco di presenze sia stato proprio ieri sera. Molte persone sono passate oltre a mettere la propria tenda, magari solo per dare il loro supporto, fare donazioni di qualsiasi tipo o semplicemente godersi un po’ la serata. Ieri c’era anche una banda di ottoni che intratteneva. Questo è molto importante. Ma oltre al supporto che tantissime persone ci stanno dimostrando passando in questi giorni, il numero di tende è effettivamente aumentato. In questi due-tre giorni è già cresciuto, e speriamo che continui a farlo sempre di più”.

Come sono andate queste ultime nottate? Si sono verificati problemi?

Chiara: “La situazione è stata abbastanza tranquilla, anzi abbiamo riempito il nostro tempo con discussioni, riunioni politiche e conversazioni riguardanti i nostri obiettivi e le nostre richieste su come vogliamo portarle all’interno dell’università. Abbiamo anche organizzato varie attività. È stato tutto piuttosto tranquillo e siamo riusciti a prepararci per oggi, il primo giorno di lezioni dopo l’accampamento. Sono accadute alcune piccole cose, ma eravamo pronti a gestirle”.

Oggi è il giorno in cui riapre la Statale e gli studenti tornano all’università. Cosa vi aspettate? Avete già ricevuto reazioni o commenti da parte di qualcuno?

Chiara: “Finora, per quanto riguarda le persone contrarie alla nostra causa, abbiamo avuto solo un paio di individui abbastanza violenti. Fortunatamente, sono stati prontamente allontanati e non abbiamo avuto grandi problemi questa mattina.Questo è un momento cruciale per noi. Oggi l’università ci vede con i propri occhi e non solo attraverso uno schermo. Dopo questi giorni iniziali, stiamo lavorando per consolidare la nostra presenza. Distribuiamo volantini e organizziamo lezioni aperte in giro per il campus, con il supporto di professori e professoresse solidali che hanno deciso di trasferire le loro lezioni qui”.

Jawan: “Adesso è in atto una lezione nell’atrio centrale. Ci stiamo muovendo anche all’interno dell’università. Ci aspettiamo che il nostro accampamento si espanda sempre di più e diventi sempre più numeroso”.

Ci avete già detto di essere due studentesse, ma fate anche parte di collettivi studenteschi

Jawan: Faccio parte dei Giovani Palestinesi di Milano e Chiara è del collettivo studentesco Rebelot

Come vi siete avvicinati alla questione israelo-palestinese?

Jawan: “Siamo un gruppo di giovani palestinesi e siamo coinvolti nella causa sin dalla nascita. Da mesi, anzi, anni, ci stiamo mobilitando anche nelle università per porre fine agli accordi con le università israeliane, poiché consideriamo Israele uno stato coloniale. L’urgenza non è certo nata dopo il sette ottobre, ma dato l’attuale genocidio in Palestina, ci siamo uniti e abbiamo creato un coordinamento di realtà studentesca attraverso il quale portiamo avanti la nostra lotta.Come palestinesi in Italia, ci impegniamo a far sentire la voce della resistenza palestinese, dando forza alla causa anche qui”.

Qual è l’obiettivo di questa protesta? Te lo chiedo anche in quanto giovane palestinese in diaspora

Jawan: “Il nostro obiettivo, sia per noi che per tutti gli studenti accampati in Italia e nel mondo, è chiaro: vogliamo che le università interrompano gli accordi con le istituzioni accademiche israeliane che si sono rese complici del genocidio in Palestina”.

Tu Chiara? Quando hai iniziato a interessarti alla causa e alla situazione nel Medio Oriente?

Chiara: “È da anni che, come movimento studentesco, ci interessiamo alla causa, siamo consapevoli che questo problema è nato ben prim del 7 ottobre. In Palestina, da oltre 75 anni, continua un regime di occupazione e apartheid. Rebelot è nato proprio durante questo ultimo periodo e non potevamo ignorare un genocidio. La questione palestinese è ora la nostra priorità assoluta.

Abbiamo messo da parte ogni altra lotta politica, concentrandoci sulla Palestina. Vogliamo Utilizzare il nostro privilegio di persone bianche nate in Occidente per dare voce a coloro che chiedono solidarietà in Palestina. Intendiamo replicare le azioni degli studenti che protestano in tutto il mondo per amplificare la mobilitazione.

Jawan: “La lotta palestinese non riguarda solo i palestinesi. Stiamo chiedendo alle persone di liberare il loro spazio dagli apparati che opprimono altri popoli, come Israele. I sistemi utilizzati da Israele in Palestina si riflettono anche in altre parti del mondo.

L’oppressione in qualsiasi luogo del mondo dovrebbe indignare tutti noi. Chiediamo alle persone, italiane e non, di liberare il loro spazio di conoscenza. Non possiamo permettere che le aziende che finanziano la guerra finanzino anche le università. Per questo cerchiamo di collaborare anche con altre realtà, come gli attivisti per il clima e per il trans femminismo”.

Attualmente siete accampati all’interno dell’Università Statale, mentre in altre città ci sono accampamenti all’esterno. Oggi si terrà una riunione tra l’amministrazione, il Ministro dell’Interno, i vertici della polizia e i rappresentanti dei rettori italiani, durante la quale sarà decisa la linea da seguire. Quali sono le vostre aspettative in merito? Cosa siete pronti a fare?

Jawan: “Ieri abbiamo preparato una lettera in vista dell’incontro dei rettori, dove abbiamo esposto le nostre richieste. È importante sottolineare che l’accampamento di oggi non è stata la nostra prima scelta, ma è arrivato dopo mesi di mobilitazioni e tentativi di dialogo con i rettori. Tuttavia, questo dialogo è stato solo un facciata, le nostre richieste sono state ignorate e svilite. Invieremo quella lettera per ribadire le nostre richieste e quelle degli studenti che occupano questi spazi”.

Finora, negli accampamenti sparsi per l’Italia nelle decine di città dove sono presenti, non si sono verificati problemi di ordine pubblico rilevanti, quindi non ci sono pretesti. Tuttavia, è fondamentale vedere anche cosa chiederanno i rettori. Che aria tira? Vi aspettate una linea più dura?

Jawan: “Ci aspettiamo due possibili risposte. La prima potrebbe essere una dichiarazione neutrale del tipo “noi supportiamo tutti i popoli per la pace e contro la guerra”, ma in questo contesto sarebbe estremamente pericolosa, poiché equivale a essere complici del genocidio. Non c’è spazio per la neutralità in una situazione del genere. La seconda possibilità potrebbe essere una repressione all’interno dell’università.

Ci stiamo preparando a proteggere il nostro accampamento fino a quando le nostre richieste non saranno soddisfatte”.

Chiara: “Chiaramente, se dovesse avvenire una repressione, sarebbe un’altra dimostrazione di intolleranza verso chi esprime un dissenso rispetto alle complicità del nostro governo”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 24/05 9:31

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 24-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 24/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 24-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/05/2024 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 24/05/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 24-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di venerdì 24/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 24-05-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 24/05/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 23-05-2024

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 23/05/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 23-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 23/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 23-05-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 23/05/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 23/05/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 23-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 23/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 23-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

Adesso in diretta