Approfondimenti

Gli Usa puntano su Draghi, Renzi gira il mondo ma è ai margini

Matteo Renzi ANSA

Quanto conta Renzi per la nuova amministrazione statunitense? Poco. Renzi è molto presente sulle tv anglosassoni eppure la sua visibilità relativa non corrisponde a un uguale peso politico a Washington.

Quelle interviste fanno discutere da noi, finiscono sui social da noi, mentre oltreoceano non hanno impatto. Sono il frutto più di un capitale di credibilità accumulato ai tempi in cui era presidente del Consiglio e il rapporto con Obama era cordiale – e probabilmente anche di un ottimo ufficio stampa – che del ruolo giocato da Renzi nella crisi che ha portato alla caduta del governo Conte e all’ascesa di Mario Draghi.

Renzi è stato l’artefice parlamentare della caduta del governo Conte, al Senato e alla Camera ha vinto la sua ennesima partita tattica. Ma non è il king maker del nuovo esecutivo che nasce casomai dal lavoro del presidente della Repubblica Mattarella e dell’ex governatore della Banca Centrale Europea. Un lavoro discreto, con diplomazie che hanno dialogato nel tempo.

Renzi, nonostante il presenzialismo in tv, nonostante le conferenze in giro per il Mondo si trova in questo momento ai margini. Anche perché certe sue prese di posizione come il sostegno al regime saudita, certi suoi rapporti come quello con il “neoconservatore” statunitense Michael Leeden, certe reti come quelle che conducono alla destra israeliana attraverso lo stretto collaboratore Marco Carrai, non sono il miglior biglietto da visita nei confronti di chi comanda oggi negli Stati Uniti.

Draghi, invece, è un interlocutore importante e solido per l’amministrazione Biden. Un campione di caratura internazionale. Per i democratici statunitensi Draghi è un leader fondamentale in Europa fin dai tempi del salvataggio dell’Euro nel 2012 e oggi il suo esecutivo è garanzia di adesione italiana alle linee strategiche di Washington guardando a Roma: stabilità sul piano interno, rilancio dell’atlantismo e dell’unità europea sul piano della politica globale.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

Adesso in diretta