Approfondimenti

Fase 2: com’è la situazione a Desio? L’intervista al sindaco Roberto Corti

Comune di Desio

La fase 2 in Italia è iniziata gradualmente lo scorso 4 maggio. Com’è la situazione a Desio a pochi giorni dalle prime riaperture? Siamo tornati a parlare col sindaco Roberto Corti, già sentito all’inizio dell’emergenza, per capire come il comune di Desio, 42mila abitanti a nord di Milano, sta gestendo questo periodo tra le difficoltà di evitare gli assembramenti e organizzare la riapertura di parchi e mercati rionali.

L’intervista di Serena Tarabini a Fino Alle Otto.

Qual è la sua impressione generale di questa fase 2?

Dal punto di vista dei contagi noi non eravamo messi malissimo, se non che in una casa di riposo c’è stato un focolaio e quindi un aumento dei contagi. Le persone stanno guarendo, vengono dimesse, si fanno la quarantena. La situazione è migliorata in modo importante come i numeri dicono sta avvenendo nel resto d’Italia. Secondo me questa fase 2 è stata mal interpretata o mal comunicata. Sono state allentate alcune restrizioni, ma questo non equivale al fare tutti come ci pare. Il fatto che qualcuno non lo abbia capito può vanificare gli sforzi che sono stati fatti in precedenza.

Quindi a Desio ha osservato situazioni un po’ fuori dalla norma?

A mio avviso il DPCM ha aggiunto la possibilità di fare attività sportiva, ma rispettando determinate regole, e la possibilità di andare a trovare i congiunti, ma non tutti i giorni e lì ci fermiamo; la gente può uscire e andare a fare la passeggiata, ma non può ritrovarsi. Si può portare fuori il cane con il guinzaglio, ma non lasciarlo libero nell’area cani e fermarsi a chiacchierare; i bambini possono uscire, ma non possono trovarsi a giocare… purtroppo queste sono cose che stanno succedendo. Lo stesso vale per i ragazzi e gli anziani, che sono la categoria più a rischio. Anche le panchine, sedersi è consentito, ma non stazionare per ore ed ore. Vedremo fra due settimane i risultati, io mi auguro che tutto vada bene, ma dobbiamo essere consapevoli che siamo ancora a rischio.

A Desio cosa avete aperto e come è andata?

Questa settimana abbiamo aperto le aree verdi e il cimitero; chiaramente c’è stata una prima ondata all’inizio, ma sono spazi grandi e quindi non si sono verificati assembramenti; ieri però al parco storico di Villa Tizzoni purtroppo devo dire che c’erano troppo persone: prima i controlli erano fissi, adesso hanno cambiato strategia sono diventati mobili, si spostano di più cercando assembramenti. Se si trovano le persone vengono mandate via e se ci sono gli estremi si provvede con la sanzione. Però è una cosa che è appena iniziata, ieri in questo parco di gente ce n’era un po’ troppa, alcune persone giocavano a pallone, il gioco non è consentito. Mi dispiace, ma è così. Siamo ancora all’inizio e siamo intervenuti subito.

In molte città sono stati riaperti i mercati rionali. È stato così anche a Desio?

Sì, anche noi li abbiamo aperti secondo le regole che sono state date e tutto ha funzionato. C’era il controllo della temperatura, c’erano la Protezione Civile, Croce Rossa e ovviamente la polizia locale. Ed è andato tutto bene. I nostri giorni di mercato sono il lunedì e il martedì quindi abbiamo cominciato subito e andiamo avanti cosi fino a che non cambiano le regole che dovrebbero consentire di aumentare il numero di presenze di ambulanti.

Stiamo assistendo ad un pressing delle Regioni sul governo per anticipare le aperture previste per il 18 maggio. Dal suo punto di vista lei cosa si auspica?

Il tema é: che cosa può succedere? Abbiamo fatto due mesi abbondanti di serrata perché le strutture sanitarie stavano andando in crisi. Oggi fortunatamente sono tornati ad una situazione gestibile, non alla normalità. Abbiamo ancora parecchi ricoverati, e penso in modo particolare alla Lombardia che ha avuto il 45% dei contagi e il 50% dei morti in Italia. Le scelte che si assumono devono essere coerenti con quelle che possono essere le ricadute di tipo sanitario. Se faccio l’apertura e tra due settimane mi ritrovo di nuovo con gli ospedali in crisi sono costretto a tornare alla serrata. E quindi cosa abbiamo fatto in questi due mesi? Dal mio punto di vista è fondamentale affidarsi agli esperti che fanno le loro previsioni su quali sono i risultati a seconda dei comportamenti che si assumono. Di sicuro non siamo in una situazione in cui ognuno può fare quello che vuole. Ci deve essere una regia unica, ma sono convinto che ci possano essere degli elementi di differenziazione tra le varie Regioni. Se il governo si è orientato su certe prospettive e se ci sono le condizioni si può anche pensare di aprire prima, però quelle decisioni devono essere inserite in un ragionamento complessivo, non in una questione di consenso.

Come siete messi a Desio dal punto di vista dei tamponi?

I tamponi sono gestiti dall’ATS. Ultimamente con l’avvio dei test sierologici e col fatto che ci sono meno pressioni sugli ospedali, il numero di tamponi disponibili è aumentato, se ne fanno di più. Faccio l’esempio della casa di riposo. Dopo che si sono manifestati i casi, la richiesta è stata quella di fare i tamponi a tutti e c’è voluto più di un mese per riuscire a farli tutti. Ultimamente si stanno facendo più frequentemente e la situazione è molto più monitorata. La soluzione che noi oggi abbiamo è quella di isolare i positivi dagli altri. Se non li isoliamo, il contagio prosegue.

Foto dalla pagina Facebook del Comune di Desio

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 01/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/01/2022

Adesso in diretta