Approfondimenti

Italia in isolamento: la situazione a Desio

Comune Di Desio

Com’è la situazione a Desio in queste settimane di emergenza e di isolamento? Il sindaco Roberto Corti, racconta a Radio Popolare come il comune di Desio, 42mila abitanti a nord di Milano, sta affrontando questo periodo tra la comunicazione coi cittadini e il coordinamento delle attività sul territorio, ma anche come ci si sta organizzando dopo la nuova direttiva della Regione sull’obbligo delle mascherine all’aperto.

L’intervista di Serena Tarabini a Fino Alle Otto.

Come va Sindaco?

Credo che vada come tutti, magari non come in Lombardia in generale, ma nella media dei comuni della Brianza.

Qual è stato l’impatto dell’emergenza sul comune di Desio?

Siamo attorno a una decina di decessi, oggi avrò l’aggiornamento da parte della Protezione Civile. Per quanto riguarda i contagi il numero è di 110. Un aspetto positivo è il numero delle persone dimesse, se non sbaglio sono 25, guarite o prive di sintomi e quindi ancora in quarantena, ma a casa loro. I ricoverati sono più di un’ottantina.

Riscontrate anche voi un generale calo?

Noi, credo come tutti, abbiamo registrato un picco pazzesco una decina di giorni fa quando i ricoveri erano dell’ordine di 15-18 al giorno per 4-5 giorni. Adesso è un po’ di giorni che siamo a tra 1 e 4 a seconda delle giornate. I numeri si sono abbassati, ma questo non vuole dire che dobbiamo abbassare la guardia. Come ci dicono tutti gli esperti ci vorrà ancora un po’ di tempo, bisogna armarsi di pazienza ed andare avanti con questa vita diversa.

Come sta reagendo la città di Desio?

Posso dire che le persone si stanno comportando nel modo giusto, stiamo facendo parecchi controlli ma abbiamo dato poche sanzioni. Certo con l’arrivo delle belle giornate sarà più difficile resistere al desiderio di uscire, ma staremo a vedere. Per quanto riguarda le mie impressioni di Sindaco, ma anche di cittadino che come tutti, ad esempio, si mette in coda a far la spesa, devo dire che mi sembra che le persone, ovviamente nel rispetto delle distanze, si parlino di più, anche fra sconosciuti, ci si racconta; ecco speriamo che questa situazione ci lasci di positivo una voglia di socialità più tradizionale, non solo quella virtuale dei social media a cui siamo particolarmente costretti in questa fase. Ecco quando gli scienziati ci diranno che il momento è arrivato, speriamo succeda questo. Alcune scene viste in questi giorni mi hanno fatto ritornare a quando ero bambino, come le persone che si parlano dai balconi, come succedeva una volta. Mi auguro che si riscopra quel modo di relazionarsi di un tempo che era forse più genuino.

Anche lei a Desio, come altri sindaci, sta ricorrendo ai social network per tenere informati i suoi cittadini?

Sì ovviamente anche noi, però accanto a metodi di comunicazione più tradizionali come il pulmino con il megafono, perché si è vero che siamo tutti connessi, ma c’è anche una parte della popolazione che connessa non è, come quella anziana, quindi noi giriamo quotidianamente con il pulmino e il megafono anche solo per dare i numeri di telefono a cui ci si può rivolgere per avere informazioni o aiuto. Quindi potenziamento della comunicazione ordinaria con le opportunità offerte dagli avanzamenti tecnologici, ma anche metodi tradizionali. Di nuovo mi viene in mente quando ero bambino, all’emergenza diossina che abbiamo passato e girava il pulmino con il megafono per dare informazioni ed istruzioni.

Una nuova ordinanza della Regione Lombardia impone l’uso delle mascherine o comunque l’obbligo di coprirsi il viso. A Desio come siete messi da questo punto di vista, le mascherine si trovano?

Per quanto riguarda strutture importanti come le RSA, o personale fondamentale come i corpi volontari, qualche settimana fa era veramente difficile. Nelle farmacie a volte compaiono ancora i cartelli che dicono che sono esaurite. Noi abbiamo avuto la fortuna di ricevere delle donazioni di mascherine chirurgiche e poi c’è stata questa bella iniziativa della Protezione Civile provinciale, che ha messo in piedi una produzione “home made” di mascherine fatte di tessuto-non tessuto che svolgono la loro funzione protettiva e che sono state distribuite nelle varie strutture. Ne stanno producendo 5-6 mila al giorno in una struttura messa a disposizione da una cooperativa sociale. C’è da dire che adesso con questo obbligo ci si pone il problema di trovarle per tutti, non è facile trovare in un colpo solo migliaia e migliaia di mascherine. Dovrebbe essere in arrivo proprio oggi un carico. A questo proposito do un’informazione di servizio, perché in Lombardia girava la voce che le mascherine sono arrivate, sono in mano ai comuni che le distribuiranno: ecco questo non è vero, almeno per quanto riguarda noi le mascherine arriveranno oggi pomeriggio, e bisogna poi organizzare la distribuzione, fare in modo che arrivino a tutti ma senza creare assembramenti, e per questo ci vuole un attimo di tempo, per evitare che ci sia la corsa alla mascherina. Intanto coprirsi il volto anche con un foulard va più che bene.

Come è cambiata la sua attività amministrativa in seguito all’emergenza?

Guardi, come comune di Desio abbiamo fatto in tre settimane quello che avevamo previsto di realizzare in un anno, ovvero la transizione verso lo smart working. Dei 180 dipendenti ne abbiamo una ottantina che non sono in servizio o lavorano da casa, ad esempio i lavoratori della scuola materna. I restanti 100 dipendenti sono a rotazione, comunque non ci sono più di 10-15 dipendenti in sede. Il modo di lavorare è cambiato moltissimo. I dirigenti hanno il compito di seguire le attività emergenziale sia quelle ordinarie, ovviamente ci sono sono dei settori che sono più sotto pressione di altri come quello relativo ai servizi sanitari. Mi raccomando se mi posso permettere, voi come radio continuate a trasmettere i messaggio che bisogna rimanere a casa!

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 24/11/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 25/11/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 19:49

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 25/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 25/11/20

    Stile Libero di mer 25/11/20

    Stile Libero - 25/11/2020

  • PlayStop

    Rockonti di mar 24/11/20

    Rockonti di mar 24/11/20

    Rockonti - 25/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mar 24/11/20

    A casa con voi di mar 24/11/20

    A casa con voi - 25/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 24/11/20

    Esteri di mar 24/11/20

    Esteri - 25/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 24/11/20

    Ora di punta di mar 24/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 25/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di mar 24/11/20

    Sunday Blues di mar 24/11/20

    Sunday Blues - 25/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mar 24/11/20

    Uno di Due di mar 24/11/20

    1D2 - 25/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 24/11/20

    Considera l'armadillo mar 24/11/20

    Considera l’armadillo - 25/11/2020

  • PlayStop

    Omaggio a Basilio Sulis

    Dalla metà degli anni ottanta anima di "Ai confini tra Sardegna e Jazz", l'11 novembre scorso è mancato improvvisamente a…

    Jazz Anthology - 24/11/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 24/11/20

    Jack di mar 24/11/20

    Jack - 25/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay human - 25/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 24/11/20

    Memos di mar 24/11/20

    Memos - 25/11/2020

  • PlayStop

    Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, La pandemia siamo noi

    CLAUDIO JAMPAGLIA E GIUSEPPE MAZZA - LA PANDEMIA SIAMO NOI - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 25/11/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 24/11/20

    ira rubini, cult, giona nazzaro, nuovo direttore festival cinema locarno, barbara sorrentini, andrea artusi, disegnatore kid il ragazzo che voleva…

    Cult - 25/11/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 24/11/20

    A come America del mar 24/11/20

    A come America - 25/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 24/11/20

    Prima parte: le regole per il Natale, con la sottosegretaria alla salute Sandra Zampa. - Seconda parte: scuola, come riaprire…

    Prisma - 25/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 25/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - 25/11/2020

Adesso in diretta