Approfondimenti

Emilia-Romagna, Marcello Fois: “Siamo produttori di modelli molto precisi”

Veduta aerea di Bologna

Le elezioni regionali in Emilia Romagna sono sempre più vicine e per la rubrica settimanale temporanea di Malos dedicata a quell’importante voto abbiamo intervistato lo scrittore e commediografo Marcello Fois, ormai da anni residente a Bologna.

L’intervista di Luigi Ambrosio e Davide Facchini a Malos.

Non sono così certo che si possano considerare delle elezioni politiche. Sono sicuro che non ci saranno problemi dall’Emilia. Va bene che siano elezioni politiche, anzi, speriamo che siano significative rispetto all’aria che sembrerebbe tirare.

Quali sono le ragioni per vivere oggi in Emilia Romagna?

Io sono arrivano a Bologna per studiare, sono una specie di emigrante di lusso e alla fine ho scelto di restarci. Sono in qualche modo l’incarnazione di chi conosce altre realtà e capisce fino a che punto ci possano essere delle grandi differenze tra le città. Ci sono delle città che possono avere alti e bassi e comunque mantenere uno standard altissimo come è successo a Bologna. Credo di avere un punto di vista obiettivo e di lungo corso. Io sono arrivato a Bologna nel 1981, subito dopo la strage alla stazione, e quindi in una stagione abbastanza problematica. A Bologna avvengono un sacco di cose prima che succedano in altre città, è una sorta di piccola città-laboratorio. Anche il fascismo è nato a Bologna o nei dintorni, così come il grande comunismo e anche il grande modello cooperativo. Come le Sardine del resto. Noi siamo produttori di modelli a volte questi segnali sono molto precisi.
Io penso che questa idea meravigliosamente di questi ragazzi sia finalmente un segno di vita su Marte. Non a caso vengono criticati trasversalmente. Siccome queste Sardine stanno ponendo un problema di stile sostanzialmente, penso che abbiano veramente trovato il pertugio dentro il quale infilarsi.

Ci sono delle affinità tra aree geografiche che sono laboratorio politico, nel bene e nel male. È il caso dell’Emilia Romagna e della città di Milano. Recentemente c’è stata una polemica intorno a Milano, definita da alcuni come qualcosa di molto distante dal resto d’Italia. Non è così forse è così anche per l’Emilia Romagna?

No. Stiamo parlando di mondi che rappresentano un Paese migliore dell’altro. Che male c’è? Non vedo il problema. Io insisto che molte di queste problematiche vadano totalmente rovesciate. Perché devo vergognarmi di sapere qualcosa di più? Perché devo vergognarmi di conoscere la grammatica e la sintassi? Quale sarebbe il lato negativo di queste grandi città che sono civili, pulite e che offrono opportunità e sono tolleranti?

Cosa insegna l’Emilia Romagna al resto dell’Italia?

Non solo l’Emilia Romagna, io credo anche buona parte della Toscana e buona parte della Lombardia. Non è un problema di governo, è un problema di punto di vista. Secondo adesso l’Emilia Romagna può insegnare che esiste un modello alternativo che non è necessariamente collegato ai fatti del passato, ma che ha saputo rinnovarsi. È la Regione che sta trainando il resto del Paese in questo momento.

Al bar e al mercato vede la gente cambiata? Vede diverse la sua Bologna?

Bologna la trovo bella. È cambiata in varie fasi. Ha perso la verginità dopo la bomba alla stazione, nel senso che ha capito che il male esiste. È lo stesso rapporto che gli americani hanno avuto con le Torri Gemelle. Da lì in poi i bolognesi sono diventati più malinconici, meno francamente ingenui. Io non credo all’idea che gli intolleranti, i fascisti e i razzisti vari sorgano improvvisamente come funghi. In questa nazione ci sono sempre stati, questo è soltanto un momento in cui sono autorizzati dal potere in corso.

Com’è che i sardi si sono fatti fregare la Sardegna?

I servi si fanno fregare sempre. Quando abitui un intero popolo ad una condizione di costante assistenzialismo poi lo devi tenere nella condizione in cui pensa di poter fare la voce grossa solo quando arrivano le elezioni. Non è stato Salvini il primo a fregarci. Anche Berlusconi a suo tempo ci fregò quando annunciò che avrebbe chiamato l’amico Putin per sistemare le questioni dell’Alcoa o dei minatori in Sardegna. Purtroppo quella è una deriva servilistica molto profonda e ci vorrà tanto per sistemare quella situazione.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 27/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 27/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/01/21

    ..1-Il cambiamento climatico diventerà una priorità di sicurezza nazionale. Joe Biden firmerà una serie di decreti per la riduzione delle…

    Esteri - 27/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues - 27/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 27/01/21

    Uno di Due di mer 27/01/21

    1D2 - 27/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l’armadillo - 27/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/01/21

    Jack di mer 27/01/21

    Jack - 27/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay human - 27/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 27/01/21

    Giorno della Memoria, 27 gennaio 1945 la liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz. Si ricordano le vittime della…

    Memos - 27/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/01/21

    ira rubini, cult, giorno della memoria 2021, nannerel fiano, università statale di milano, nedo fiano, memoriale shoah milano, tiziana ricci,…

    Cult - 27/01/2021

  • PlayStop

    Matteo Corradini, Luci nella Shoah

    MATTEO CORRADINI - LUCI NELLA SHOAH - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 27/01/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 26/01/21

    Ritrovare l'affetto in RSA - C’era una signora molto apprensiva che spesso videochiamava la madre con skype. Alla madre appariva…

    Psicoradio - 27/01/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 27/01/21

    Riconoscimento facciale sui partecipanti all’attacco a Capitol Hill; Khamenei minaccia di bombardare Trump sui campi da golf; il caso TikTok;…

    Doppio Click - 27/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 27/01/21

    Prisma di mer 27/01/21

    Prisma - 27/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 27/01/21

    Fino alle otto di mer 27/01/21

    Fino alle otto - 27/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/01/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/01/21

    Il demone del tardi - 27/01/2021

  • PlayStop

    Stile Libero di mer 27/01/21

    Stile Libero: Culture in Movimento - Vittorio Nocenzi, Banco del Mutuo Soccorso, Jeanette Winterson, Philip Glass, Madeira River, Ludovico Einaudi,…

    Stile Libero - 27/01/2021

  • PlayStop

    Music Revolution di mar 26/01/21

    Puntata 3 - Sigla:.Alan Parsons Project - The Fall of the House of Usher. Playlist: ..01 - The Unthanks -…

    Music Revolution - 27/01/2021

Adesso in diretta