Approfondimenti

Austria, l’estrema destra sogna il governo

Immigrazione, rifugiati, tasse e chi, dopo il 15 ottobre, farà il governo con la Fpoe, il partito di destra populista. Potremmo riassumere in questa lista i principali temi della campagna elettorale per le elezioni politiche in Austria. Una campagna che è stata definita “la più sporca, velenosa” della storia recente del Paese, tra colpi bassi, accuse reciproche tra i partiti e soprattutto lo scandalo che ha travolto la Spoe, il partito socialdemocratico, accusato di aver messo in piedi una “macchina del fango” tramite Facebook contro Sebastian Kurz, il neo-leader del nuovo Partito Popolare e, secondo i sondaggi, il probabile vincitore e premier del prossimo governo.

Kurz, 31 anni, ministro degli Esteri, originario – come ama spesso ricordare – di un quartiere multietnico di Vienna, nel giro di pochi mesi è riuscito a far guadagnare consensi al partito, che gli ultimi sondaggi danno attorno al 33%. Ha puntato soprattutto sul tema dell’immigrazione, spingendo verso destra: stop agli irregolari e maggiore difesa delle frontiere.

Una linea che potrebbe spostare verso i “turchesi” (il colore che indica la sua lista) parecchi voti a spese della Fpoe. Il partito guidato da Heinz Christian Strache, che punta al ministero dell’Interno, potrebbe comunque incassare secondo i sondaggi circa il 25% dei voti e viene indicato da più parti come il futuro partner dei Popolari nel prossimo esecutivo. Questa è l’alleanza che viene considerata come la più probabile, sulla base dei numeri (dovessero essere confermate le previsioni) e dei programmi dei due partiti. Altrimenti, in questi giorni si è parlato anche di una possibile coalizione formata da Socialdemocratici ed Fpoe (precedenti in questo senso ci sono a livello locale), gli interessati hanno però escluso che possa avvenire. Oppure, di nuovo, di un esecutivo di Popolari ed Spoe del cancelliere uscente Christian Kern. Ma questa, soprattutto dopo i veleni della campagna elettorale, è l’ipotesi considerata meno probabile.

Qualunque cosa accada, certo è che ora, dopo gli anni del governo di grande coalizione a guida Spoe – in calo però di consensi e che potrebbe addirittura finire al terzo posto – la possibilità reale di una svolta a destra nella politica del Paese sta suscitando timori in non pochi austriaci. Solo a Vienna negli ultimi giorni ci sono state diverse iniziative, da cortei a volantinaggi, contro l’ingresso della Fpoe nell’esecutivo e altre manifestazioni sono state già annunciate per la prossima settimana. E anche i Socialdemocratici spingono su questo tasto, presentandosi come una sorta di ultimo argine contro il duo Kurz-Strache.

Tra timori e speranze, il voto di domenica 15 ottobre sta riscuotendo parecchio interesse. “Non ho mai sentito la gente parlare così tanto di politica come in queste settimane”, raccontava un conoscente. Delle elezioni, e di cosa succederà dopo, si discute non solo in televisione, ma anche nei caffè viennesi o in metropolitana. E per le strade, lungo le quali si alternano i banchetti dei vari partiti. A caccia, soprattutto, dei voti degli ultimi indecisi.

  • Autore articolo
    Flavia Mosca Goretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 17/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 16/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 16/05/2022

    1- Guerra in Ucraina. Dopo la Finlandia anche la Svezia chiederà di fare parte della Nato. Putin afferma che la…

    Esteri - 16/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 16/05/2022

    1) L’Europa rallenta la sua crescita, la Commissione rivede al ribasso tutte le sue previsioni economiche. Per il 2022 un…

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 16/05/2022

    Dove si scopre che una signora a Mandello del Lario ha trovato una bomba a mano sgomberando il box e…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 17/05/2022

Adesso in diretta