Approfondimenti

Dibattito Trump-Biden: caos, insulti e tensione alle stelle

dibattito trump biden

Caos, insulti, tensione alle stelle. Poche volte nella storia politica americana si è assistito a un dibattito presidenziale come quello tra Donald Trump e Joe Biden. Di politica e programmi praticamente non si è parlato.

La discussione è presto degenerata in una serie di attacchi personali. Biden ha coperto Trump di contumelie: “clown”, “bugiardo”, “senza vergogna”. Da parte sua il presidente, per tutta la durata del confronto, ha continuamente interrotto Biden e lo stesso moderatore, Chris Wallace di Fox News.

Il momento migliore, per Trump, è venuto con l’appello al “law and order”, alla legge e ordine, quando cioè Trump ha accusato Biden e i democratici di essere deboli sul crimine. Ripetuta è stata anche l’accusa di Trump al Partito Democratico, bollato come ostaggio di radicali e socialisti.

E durissimo, molto spiacevole, è stato Trump nei confronti del figlio di Biden, Hunter, da lui accusato di essere un cocainome, un buono a nulla, e di aver ricevuto 3 milioni e mezzo di dollari dalla moglie del sindaco di Mosca. I momenti migliori, per Biden, sono stati invece quelli in cui ha attaccato Trump per la gestione del coronavirus. “Non credete a una parola di quello che dice quest’uomo”, ha scandito Biden, guardando in camera, col dito puntato.

C’è stato un altro dato significativo. Il presidente non ha rassicurato sul suo atteggiamento dopo il voto del 3 novembre. Non ha cioè detto che accetterà l’esito delle urne. Ha anzi ripetuto l’accusa, non fondata, sui presunti brogli del voto per posta, e ha detto che il risultato del voto potrebbe finire davanti alla Corte Suprema – dove lui, va ricordato, sta cercando di collovare Amy Coney Barrett, una giudice di assoluta fedeltà.

Il dibattito non ha probabilmente cambiato molto degli orientamenti voto, ma ha piuttosto rafforzato lo zoccolo duro di entrambi gli elettorati. Un primo rilevamento di CNN dice che il 60% degli intervistati pensa che Biden abbia vinto il dibattito. In effetti, Trump è, in questo momento, il candidato che insegue nei sondaggi; quello in difficoltà per una serie di scandali – in particolare quello sulle tasse. Aveva bisogno, ieri sera, di una performance forte, più convincente rispetto a quella di Biden. Questa performance non c’è stata.

  • Autore articolo
    Roberto Festa
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 30/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 01/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 30/06/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 01/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Chassis di giovedì 30/06/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 01/07/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 30/06/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 01/07/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 30/06/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 01/07/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sabato 25/06/2022

    Speciale AGENDA BRASIL - Festival Internazionale di Cinema Brasiliano 2022 alla sua nona edizione milanese dal 6 all'8 luglio. Ospiti…

    Avenida Brasil - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 30/06/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 01/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 30/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 30/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 01/07/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 25/06/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/06/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 30/06/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/07/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 29/06/2022

    Jazz Ahead 179 - Playlist: 1. Earthlings, Anteloper, Pink Dolphins, International Anthem, 2022 2. Delfin Rosado, Anteloper, Pink Dolphins, International…

    Jazz Ahead - 29/06/2022

  • PlayStop

    Raul Montanari, Il Cristo zen

    RAUL MONTANARI – IL CRISTO ZEN – presentato da SANDRO GILIOLI

    Note dell’autore - 01/07/2022

  • PlayStop

    Frigoriferi in bolla

    quando gli ascoltatori danno prova di grande sapienza domestica, salutiamo Gilberto Dindini della Cedola e continuiamo a tenere una sciarpa…

    Poveri ma belli - 01/07/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 30/06/2022 delle 12:50

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 01/07/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 30/06/2022

    A Bari “Lungomare di libri” in collaborazione col Salone del Libro di Torino, “Timpani”il laboratorio di ascolto musicale di “Welcome…

    Cult - 01/07/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 30/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 30/06/2022

    IL VERTICE NATO SACRIFICA I CURDI. Orietta Moscatelli analista della rivista di geopolitica Limes, Eddi Marcucci attivista e combattente con…

    Prisma - 30/06/2022

  • PlayStop

    La NATO abbandona gli alleati curdi nelle mani di Erdogan

    La data del 29 giugno 2022 ha come filo conduttore l’ISIS, perché a Parigi è arrivata la sentenza del processo…

    Clip - 01/07/2022

  • PlayStop

    La NATO abbandona gli alleati curdi nelle mani di Erdogan

    La data del 29 giugno 2022 ha come filo conduttore l’ISIS, perché a Parigi è arrivata la sentenza del processo…

    Clip - 30/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 30/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 01/07/2022

Adesso in diretta