Approfondimenti

Elezioni negli Stati Uniti tra fake news, sabotaggi e Corte Suprema. Il punto della situazione

Elezioni USA 2020 - Donald Trump Covid

Le elezioni del 3 novembre si avvicinano e la campagna elettorale negli Stati Uniti si sta intensificando, col Presidente uscente Donald Trump sempre più intenzionato a rimanere al proprio posto, puntando sul riconteggio dei voti e su una Corte Suprema sempre più favorevole grazie alla recente nomina di Amy Coney Barrett, ma anche su un tentativo di sabotaggio del servizio postale americano per danneggiare il più possibile il voto per posta.

Oggi, a poche settimane dalle elezioni, qual è la situazione negli Stati Uniti? Ne abbiamo parlato a Prisma con Arianna Farinelli, politologa alla New York University e autrice del romanzo “Gotico Americano“. L’intervista di Alessandro Principe.

Nominando questa giudice, Amy Coney Barrett, alla Corte Costituzionale degli Stati Uniti, Trump prevede di avere un vantaggio nel caso in cui ci sia una contestazione dei risultati delle elezioni il giorno dopo il 3 novembre. Una contestazione che sembra quasi già apparire all’orizzonte, perché Trump ha detto che in caso di sconfitta, e soprattutto nel caso in cui ci siano molte schede pervenute tramite posta, lui non riconoscerà la vittoria dello sfidante Biden. Si potrebbe arrivare, quindi, ad una situazione che ci porta indietro di 20 anni, quella di Gore contro George W. Bush, quando si andò a ricontare le schede elettorali della Florida. Alla fine la Florida fu assegnata e Bush per poco più di 500 voti, ma già la Corte Suprema, che in quell’occasione era composta da cinque conservatori e quattro democratici, disse che il riconteggio stesso violava i diritti del vincitore, che era Bush. In quel caso la Corte ebbe un ruolo fondamentale. Il vantaggio è quello di avere una Corte favorevole nel caso ci sia una contestazione dei risultati elettorali, ma ci sono anche dei rischi a cui Trump va incontro.
Il primo è il rischio di alienare ancora di più il voto delle donne, con cui Trump è già in grande difficoltà: nel 2016 il 55% delle donne bianche votò per lui e invece secondo i sondaggi molte donne sono fortemente insoddisfatte per per la gestione di Trump della pandemia e non sembrerebbero orientate a votarlo, soprattutto le donne bianche che vivono nelle aree residenziali e negli Stati in bilico, che sono fondamentali per Trump. E perché queste donne potrebbero essere alienate ancora di più? Perché Amy Coney Barrett è una giudice conservatrice e fortemente antiabortista ed ha anche interpretato in una maniera estremamente conservatrice sul fronte del controllo sulle armi, l’immigrazione e le discriminazioni. Una giudice di questo tipo porterebbe ancora di più ad alienare l’elettorato femminile.

Secondo lei Trump si sta predisponendo per un post-voto nel caos?

Dalle dichiarazioni che sta facendo sembrerebbe di sì. Lui ha gettato molto discredito sul voto per posta dicendo che notoriamente il voto per posta si presta a brogli elettorali. In realtà il capo dell’FBI lo ha ampiamente smentito dicendo che nelle storia del voto per posta non ci sono mai stati brogli. Trump sta strillando ai brogli elettorali e in più ha sostituito il capo delle Poste americane con un uomo di sua fiducia che non ha esperienza nel settore delle poste, ma che è stato un suo grande contribuente per la campagna elettorale. E la prima cosa che questo signore ha fatto è stata quella di eliminare gli straordinari, rallentando ovviamente il funzionamento delle Poste. Poi c’è stata una sentenza di un giudice che ha ripristinato gli orari straordinari perché per consentire agli elettori di votare per posta è necessario che le poste siano veramente funzionanti.

Perché Trump odia il voto per posta?

Perché è un voto che favorisce i democratici. In questo Paese si vota soltanto di martedì, che è un giorno lavorativo. Ci sono delle ragioni storiche per cui si vota di martedì: la domenica il giorno del Signore e questo è un Paese fondato dai puritani, un paese estremamente religioso. Non si vota di lunedì, ma di martedì, perché questo dava modo alle persone di recarsi alle urne che, in un’America rurale, erano molto lontane dal luogo in cui si viveva.

Che tipo di campagna elettorale sta conducendo Joe Biden?

Biden ha condotto fino ad ora una campagna elettorale che mi piace chiamare “per sottrazione”: si è sottratto molto, ha lasciato molto il palcoscenico a Trump come per far diventare questa elezione una elezione quasi referendaria sull’operato di Trump. Biden punterà tutto sulla cattiva gestione della pandemia. Noi abbiamo avuto 200mila morti e, secondo le ultime ricerche dell’Università di Washington, potremmo arrivare ad un totale di 400mila per il 1° gennaio 2021. Biden punterà sul fatto che Trump ha minimizzato, ha perso tempo e sapeva che il virus era altamente letale. Però, come dice lui in una registrazione telefonica col giornalista Woodward, non voleva spaventare il pubblico. Però non ha indossato la mascherina, ha spesso fatto pressioni per riaprire questo o quello stato, puntando sull’economia che doveva riprendere. L’economia ha ripreso, ma noi come dice Fauci non siamo mai usciti dalla prima ondata. Noi siamo ancora nella prima ondata perchè non abbiamo mai raggiunto un punto in cui il virus era sotto controllo.

E su cosa punterà Trump?

Trump punterà su quello che è stato il suo slogan dalla morte di George Floyd il 25 maggio scorso: law and order, legge e ordine. Punterà a dire che il Paese nel caos, soprattutto negli Stati governati dai democratici, dirà che lui è il presidente che può ristabilire l’ordine, dirà che l’economia andava benissimo finché non è arrivata la pandemia. Punterà anche a dire “io vi ho messo una giudice conservatrice alla Corte Suprema”. Trump punta al voto degli evangelici e dei cattolici più conservatori e queste saranno le tematiche. Biden non è un candidato molto carismatico, non ha un eloquio particolarmente forbito e nei dibattiti alle primarie sembrava anche un po’ dimenticarsi quello che stava dicendo. Trump, invece, è molto bravo nei dibattiti, anche perché non si fa scrupoli a dire cose che non corrispondono ai fatti. È difficile fare un dibattito con un candidato così, ma Biden deve puntare sul fatto che la pandemia è stata gestita in modo assolutamente caotico e contraddittorio e che non stiamo andando meglio.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The Weekly Report di giovedì 26/05/2022

    Ogni settimana un viaggio musica tra presente e passato all’insegna dei suoni di chitarra e la ricerca di grandi melodie.…

    The Weekly Report - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 25/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 25/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 25/05/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 26/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    Oleksij Cherepanov - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 26/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 26/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 26/05/2022

Adesso in diretta